Quaderno degli antichi sapori

FINALITA’ DEL “QUADERNO”

 

Cosa non si farebbe per veder brillare un sorriso sul volto di un bambino meno fortunato di altri?

Cosa non si farebbe per vederlo gioire con i suoi genitori, magari insieme ad altri fratellini felici attorno ad una tavola imbandita o con qualche bel giocattolo in mano sognato da tempo o magari con un nuovo vestitino addosso… E sei poi noi cristiani sappiamo che “alla sera della vita saremo giudicati sull’amore”,  allora diventa di estrema importanza darsi da fare per inventare iniziative ed occasioni come queste per riscaldare il cuore di tutti a favore dei più poveri.

Ecco il motivo di questo semplice volume, concretizzazione di una mia idea suggerita un giorno alla carissima Anna Marinelli, sempre disponibile e generosa quando si tratta di fare del bene, magari arricchendo di preziose “bricciole di cultura” la nostra comunità cittadina.

Laboriosità, ricerca, puntualità ed ecco una singolare raccolta di ricette sangiorgesi a rischio di estinzione che sapientemente abbiamo intitolato      QUADERNO DEGLI ANTICHI SAPORI.

La pubblicazione raccoglie numerose ricette scritte rigorosamente in dialetto sangiorgese corredate da invitanti ed inequivocanti  immagini fotografiche che non solo si propone di essere memoria storica per conservare e tramandare frammenti di tradizione locale, ma come ho già detto, opportunità  per reperire risorse economiche a favore dei bambini e delle loro famiglie del Centro Accoglienza per minori della Caritas Santa Maria del Popolo.

Grazie di cuore ad Anna e a tutti coloro che generosamente hanno collaborato.

A tutti voi che acquisterete il volume grazie per la fiducia e… buon appetito!

 

Don Giuseppe Ancora

 

Annunci

One thought on “Quaderno degli antichi sapori

  1. LA FILOPPA. Ricordo un piatto ricorrente nel menù del venerdì degli anni andati. Si tratta della cosiddetta “filoppa” se ben ricordo ; in sostanza era il novellame delle acciughe. Mia madre ne faceva gustose (e nutrienti frittate con molte uova e filoppa). Penso si trattasse di quello che oggi chiamiamo il “novellame” forse addirittura proibito perchè sottrae al mare il futuro pescato.
    Una volta me lo servirono a Bordighera, nell’estrema Liguria come “bianchetto, u gianchettu.
    Ne ho trovato poi traccia nella bella canzone di De Andrè (Creuza de ma’) nella quale appunto parla del “giancu de Purtufì.
    Cosa ci dici di quella lontana leccornia che con poca spesa sfamava molte bocche?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...