Archivio | marzo 2018

Dolcetti di mandorle incamiciate

29573061_10215142310821989_3559662809415940028_n.jpg

29542203_10215142314782088_4160412355772986399_n.jpg

29594761_10215142316102121_2063020596588303956_n

29570523_10215142317302151_8335161619099337656_n

29683596_10215142317982168_4871642414909699573_n

RICETTINA

Comprate delle mandorle già spellate…fatele tostare dieci minuti appena…sciogliere del cioccolato fondente in un pentolino con un cucchiaio di acqua…appena sciolta la cioccolata versatevi le mandorle…fatele ricoprire ben bene…con un cucchiaio prendete le mandorle incamiciate e deponetele nei pirottini… aiutatevi con un altro cucchiaio per farle scivolare nei pirottini, altrimenti le leccate delle dita non si conteranno…

Fate consolidare in frigo.

Annunci

Lavanda dei piedi

2014-04-17 la lavanda dei piedi2014-04-17 LAVANDA DEI PIEDI-IMG_5587

Allora Pietro quando vide che Gesù si mise il grembiule e si accinse a lavare i piedi ai suoi apostoli, Pietro si ritrasse e disse” Ma come, Signore, tu devi lavare i piedi a me? Non sia Mai!!!!” e Gesù paziente e pieno di Misericordioso Amore, di rimando gli disse” Pietro, se non ti lasci lavare i piedi non avrai parte con me In Paradiso” Allora Pietro confuso e balbettante Gli rispose” Signore mio, allora lavami tutto da capo a piedi… e si lasciò lavare…

 

Passione Vivente

29541197_1633234990046513_3039674275014396305_n.jpg

29570424_1633234926713186_6273995077551225836_n.jpg

29541875_1289027241241881_7802440711446537966_n

29512861_618109575188077_1405123009891245382_n.jpg

 (Passione di Cristo nelle Tagliate, Foto di  Mauro Ceci)

Marì, lassa cc’è tiene, me sintùtu?

ca òsce ste na cosa assai mportante,

e nuie ma sce cu core penitente

a ddo lu Figghiu Santu è sofferente .

 

La strata dolorosa già ha zziccatu

l’agnellu ca cancella ogni piccatu

ma questa vota la storia si ripete

ntra li zzuccati cu dulore e fede.

 

Giuvini e viecchi,

femmene e vagnuni

so pirsunaggi ti la Storia Santa

lu postu addò si svolge

ete a San Giorgi,

tra li tagghiate, l’anima risorge.

 

Ci sciamu po cu veru pentimentu

battimmini lu piettu

e canciamu sintimientu,

la strata vecchia ca porta allu piccatu

lassammila pi sempre,

canciamu capu,

ca lu Figghiu di Diu,

pi nuie ha spiratu.

 

Vivimmila cu fede sta Passione,

e tanta grazie putimu guadagnare

cu la Madonna e cu la Matalena

sintimu ntra lu core questa pena,

 

Facimu in modu ca lu sangu sparsu

no cade sobbra nu cori riarsu

lu cori ca vò Diu a ta essere sinceru

 

pi ni lassà  in eredità  lu Cielu .

pi ni lassà lu Santu Paradisu

addò lu Figghiu Santo ste sempre  ssisu.

 

Ca la Passione ete nna storia vera

e ogni annu nuie la ma cuntare

e no la ma putere mai scurdare.

 

Ci ste pirìculu cu vi la scurdate

vinìtila a vitère alli Tagghiate.

2006-11-21 SOLO IMMAGINI TAGGHJATE-bambini assiepati per la Passione.jpg

( Foto d’Epoca di Anna Marinelli)

17554304_10211947623436801_7999752516277852456_n.jpg

Giornata Mondiale della Poesia

2011-02-14 VISITA ALLA BIBLIOTECA-targa alla memoria

2011-02-14 VISITA ALLA BIBLIOTECA-IMG_9034.JPG

2011-02-14 VISITA ALLA BIBLIOTECA-IMG_9035.JPG2011-02-14 VISITA ALLA BIBLIOTECA-Il sindaco mi presenta

2012-03-15 BIBLIOTECA FEUDO-IMG_2016.JPG

 


Nel primo giorno di primavera si celebra l’arte poetica come trasmissione fondante della memoria.
La Giornata Mondiale della Poesia è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999 e celebrata per la prima volta il 21 marzo seguente. La data, che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace.
Dal web.
Dopo essere stata più volte ospite presso la biblioteca Comunale del mio paese, oggi pomeriggio con molta gioia vi ritornerò per  intrattenere gli ospiti abituali della Biblioteca, che è intitolata ad un giovane studioso sangiorgese che ci lasciò nel fiore degli anni, il Dott. Prof. Giuseppe Monteleone.
L’amabile funzionaria dott.ssa Anna De Caro mi ha detto che non devo preparare nulla…sarà un incontro a sorpresa…
Vedremo.

la pasta di San Giuseppe

29366145_10215033876831207_4750867965748949912_n

la-massa-rizza.jpg29340272_1686076584813284_5339421763778379776_n

Piatto di Assunta Baldaro

 

La massa rizza si cucinava na vota all’annu, lu giurnu ti san Giseppu!
A ci si la puteva ‘ccatta’ allu nigozziu la massa rizza era cu lu ricciu, larga nu tìscitu e mienzu;
a ci no puteva e tineva la farina ti cranu, si faceva la massa fatta a casa, comu tutti l’otri giurni.
Tant’anni fa si faceva na bedda festa a San Giseppu puru allu paisu nuestru, no’ comu quera ti San Marzanu, ma si faceva la prucissione e tanta abbasta!

Li tivoti ti San Giseppu facèvunu li spinnilatore chine ti massa ‘ccunzata cu la muddica ti pane e ‘bbrustulita cu la sarda salata e l’agghja e li mittevunu nant’a casa loru, ti ‘ddo era a passa’ la prucissione e li cristiani scèvunu cu la furcina ‘nzacca e calàvunu tutti ‘ntr’alla spinnilatora…
Lu facèvunu pi divuzzione piccè la massa vineva apprima binidetta.

Quannu stava lu càrcere a San Giorgi, la Commissione ti la festa sceva quarche giurnu prima allu càrcere e si faceva ticere quanta carcerati stàvunu a quiru mumentu.
Ci ni stavunu cincu, sei, uettu, la commissione purtava la massa rizza a tutti quiri ca stàvunu intr’allu carcere lu giurnu ti la festa ti San Giseppu.

La sera po’, quannu asseva la funzione ti la Chiesa, si ppizzicàvunu li fucarazzi
e si cantava “valla valla ti san Giseppu” e si bbiveva lu mieru allu cuccu!

——-Tratto dal Mio “QUADERNO DEGLI ANTICHI SAPORI”——-

 

Ricettina:

si compra questa pasta speciale e si condisce con olio in cui si fa soffriggere dell’aglio sminuzzato, abbondante pane grattugiato, alcune acciughe diliscate e lavate e si versa questa salsetta nella pasta appena scolata, si spera che il pane fritto venga distribuito equamente tra coloro che la gusteranno, perchè la croccantezza del pane fritto è una vera squisitezza. Nella mia ricetta noterete del peperoncino piccante, per chi lo gusta si può aggiungere nell’olio caldo insieme a tutti gli altri ingredienti e il sapore di questo umile e saporitissimo piatto non potrà che essere esaltato al meglio. Ah! in commercio questa pasta appartiene ad una trafila speciale e viene chiamata MAFALDINE.