Archivio | novembre 2012

Tradizioni e pregiudizi

E’ cosa nota a tutti. A Novembre e a Maggio non si sposa nessuno!
I ristoranti praticamente mettono il Cartello: “Chiuso per superstizione” . Se a Maggio i ristoratori possono fare degli affari per via delle prime Comunioni e delle Cresime, che oggi prevedono il pranzo al Ristorante per gli invitati di tutta la famiglia, amici e compagni di scuola, di Nozze neppure l’ombra. A Maggio, il proverbio “Fiorisce la rosa e muore la sposa”, e Novembre etichettato come il mese dei Morti, fungono da deterrente da tempi davvero remoti.

Nessuno osa sfidare la nomèa che questi mesi si portano dietro, loro malgrado.

E poi ci sono anche i giorni “No”, non ci si sposa nè di Martedì nè di Venerdì perchè il proverbio detta:” di venere e di marte non si sposa e non si parte non di dà principio all’arte” . Quindi neanche questi giorni sono favorevoli affinchè il matrimonio inizi con i migliori auspici.

Ma bando alle ciance, oggi vi regalo un corteo nuziale degli anni 60, la lunga sfilata di invitati incravattati e tirati a lucido si snoda per le strade del paese, sia per recarsi in Chiesa per celebrare il rito che per il ritorno a casa.

Il banchetto di nozze allora si svolgeva in casa.
Poi giunse l’Americano che aprì in via Immacolata la prima “Casa degli sposi”

Una grande sala adibita esclusivamente ai ricevimenti di nozze.

Quanto alla foto…mi mangio il cervello perchè non riesco a individuare la strada, una strada che abbia come sfondo quasi tutta la facciata della Chiesa Madre e il piccolo campanile che sovrasta la Bianca Meridiana senza gnomone.

Annunci

Pittinesse, pittinessini e tiscitàli


l'essenze

Quannu ‘zziccarnu a ’ssè li primi nigozzi alimentari a san Giorgi, si vinneva la pasta sfusa, la salsa concentrata, lu formaggiu picurinu, la casiricotta salata, li bustini pi fa l’aranciata, cu la polverina e lu colorante a parte, intr’a na buttigliodda piccenna piccenna.
Ce sapemmu tannu ca po’ era essere pruibbita ca faceva male? E ce vi ricurdàte ti li bustini pi fa’ l’acqua frizzante? E ce vi ricurdate l’essenze pi fa lu risolliu fatt’a casa?
Li bicchierini tannu érnu tanta piccinni ca parévunu sia ca érnu tiscitàli.
Si vinneva la candidina sfusa e si sceva cu la buttiglia pi ccattarne deci liri o vinti liri.
Si vinneva la pòsima pi ‘mpusama’ li cammisi bianche ti li mariti, ca ni tinevunu appena una o toje pi l’occasioni bbueni!
A parte Cicci ti ‘Mbrosio stava puru Giuvanni Fina, ca faceva lu sacristanu alla Chiesa Madre.
Vinneva la capisciòla, li lacci ti li scarpe, la cromatina, la molla, li buttuni e li rucchetti, lu pèttine pi li pitucchj, li pittinesse e li pittinessini ca li femmine si li mittevunu ‘nturnu ‘nturnu allu tuppu.
Giuvanni vinneva puru lu spirdu e lu flittu pi li mosche, e puru li pompe pi pumpa’ li mosche, ca tiempu ti staggione érnu insopportabbili.

Li taraddi cu l’oglio

taralli all'olio.jpg

L’Amicu mia ti l’Olanda, Priscu Carafa, m’ha circatu do rizzette ti lu paisu nuestru, piccè si ste vvicina Natale e iddu li vo faci puru ca s’acchja tanta luntanu.
iu ca lu vogghju a tengu cuntente m’agghju misu alla ricerca ti la rizzetta ti li taraddi cu l’oglio e quiri cu lu vinu. Osci vi tòcu questa:
A Tarantu si chiamunu “Taradd cu ‘u pepe, ma allu paisu nuestru
si chiamunu taraddi cu l’oglio, piccè lu ‘ngrediente principale ti sti taraddi ca si facinu ti li fiesti ete propria l’oglio!

L’ingredienti sontu:
docientu grammi ti vinu biancu,
menzu cucchiarinu ti sale finu,
docientu grammi ti oglio,
700 grammi ti farina doppio zero
Pepe nero a piacere.

Sfumate l’oglio e minàtilu intr’alla farina, friculate cu li mani e faciti ‘ssurbì buenu buenu l’oglio.
Minati lu sale finu, lu pepe e continuate a ‘mpastà cu lu vinu biancu.
Fatiàti bbona la pasta ca a ta vinè liscia e lucida.
Pigghiate a picca la vota la pasta ti li taraddi e faciti tanta bastoncini , po’ taghjatili ti deci o ti quìnnici cintimetri, ‘rrutulàtili e carcati cu lu tìscitu
sobbra alla giuntura ti la pasta pi gghjutere lu taraddu.
Uncìti cu nu filu ti oglio la spasa e situati li taraddi, li putiti mettere cucchj ca lievitu no ni ste!
‘nfurnatili pi na bona menz’ora a docientu gradi.
Po’ assìtili e facitili drifeddere prima cu li livati, ci no si ròmpunu!
‘rripàtili intr’a na coppa cu tanta carta assorbente, quera ca si usa ‘ntra la cucina.
No vi li manciati tutti na vota!

Li cozze chjne


Quannu li cozze tarantine no vonu tanta buene, ca so li misi cu la erre, si àcchjunu alla pescheria certi spaccimi ti cozze ti na quarta l’una, granni quantu na barca!
Sontu li cozze ca vènunu ti la Spagna.
Quannu l’acchjate ‘ccattàtine nu chilu e facitili chjne.
Spilàtili, raskati tuttu quiru ca ste sobbra e aprìtile nu picca cu la crammedda. ‘ppuggiàtile intr’a na coppa e facìtili scula’.
Intra quiru frattiempu apriti to’ ove, e faciti nu ‘mpastu cu l’ove, la muddica ti pane e lu formaggiu: mittiti puru na spica ti agghja e lu putrisinu tagghjatu finu finu.
Cu lu cucchiarinu skaffati nu picca ti ‘mpastu intr’alli cozze e ‘ttaccatìli a un’a una cu lu cuttone.
È indicatu lu cuttone ca serve alli sarte pi’ impastì e pi fa li ‘ndirlanti… ( punti lenti) ma io no ni tineva e agghju misu l’azza rossa.
No faci nienti, nonci si more pi cussì picca!
Fricìti li cozze ‘ntra la frizzola cu picca ogliu, e ‘ppuggiatili ti la vanna ti lu uevu. Facìtili ‘rrussa’ e llivàtili a un’a una.
Priparàti nu picca ti sucu cu l’agghja, e quannu ha cuettu nu quartu t’ora minate li cozze, e faciti fini’ la cuttura!
Cu lu sucu si po’ ‘ccunza’ la pasta o si ‘ssuppa na fedda ti pane!

Santa Cecilia e le pettole

Il 22 Novembre, giorno di Santa Cecilia, si avverte nell’aria che il Natale è vicino.
Questo giorno è il primo, vero, segnale di tromba che si espande impercettibile nell’aria, eppure lo senti anche se sei sordo!
Se abiti a Taranto, poi, non puoi non sentirlo, perché sia nella città vecchia, sia nel martoriato quartiere Tamburi, sia nel rione più abbandonato come Paolo VI, di buon mattino sarai svegliato dal suono delle pastorali dei compositori locali, Ippolito, Lacerenza, De Benedictis, e la Novena di Paisiello, il più grande tra i musicisti tarantini, eseguite dalle bande che si avvicendano per le strade silenziose e buie fin dalle prime ore dell’alba.
La gente esce da casa alle tre, alle quattro del mattino, perché sa che il tale panificio, la tale trattoria prepara le pettole (dal latino pitta, ovvero piccola focaccia) e le offre gratis alla cittadinanza!
E’ un rito, come pochi altri, al quale i Cataldiani tengono moltissimo, che amano quasi quanto i Riti del triduo Pasquale.
Anche nei paesi del circondario, nei paesi dell’area tarantina come il mio, San Giorgio Jonico, la festa di questa santa, martire del V° secolo d.C. è molto sentita.
In questi ultimi anni si è celebrata questa ricorrenza con diverse iniziative culturali, fatte di musica, di pastorali e di degustazione di vino novello e di pettole, le tipiche frittelle del Natale, molto care alla gente jonica.
Di Musica sacra, sì, perché la tradizione vuole, e il Martirologio romano ce lo dice,che questa Santa sia la protettrice dei musicisti e dei cantori delle “Schola Cantorum”.

Ma veniamo alle pettole, molti infatti accostano la festa di santa Cecilia esclusivamente alla pettole, in realtà queste semplici, umili e gustose frittelle sono solo un simbolo, un gradito simbolo, un campanello che suona nei padiglioni dell’anima, passando dalle pareti gustative e olfattive, che ci annuncia la lieta novella che il Natale del Signore è vicino.

Usanza vuole che le mamme quest’oggi si levino di buon’ ora e impastino la farina con acqua, sale e lievito, e lo lascino riposare qualche ora.
Prima che i bimbi si alzino per andare a scuola la prima “frizzulata” sarà già pronta perchè essi le possano gustare ancora belle calde e fragranti.

Ai miei tempi mia madre le faceva di sera, prima che mio padre tornasse dall’arsenale, condite con zucchero, oppure salate, bagnate di miele o con il vincotto, con il cavolfiore bollito o con piccoli pezzi di baccalà.

Appena aperta la porta si veniva investiti da una folata d’aria impregnata di olio forte, e nuvole di fumo si aggrappavano testardamente al soffitto e al lampadario della cucina fino a infiltrarsi nelle altre stanze accuratamente chiuse.

La casa si affumicava tutta perché la frittura esigeva che l’olio fosse fumante affinché si formasse subito la crosticina dorata. Anzi dirò di più!

Per santa Cecilia si regalavano ai vicini e ai parenti delle bottiglie di olio fresco di molitura, accompagnandole con la frase, “Nà, fatti li pett’li cu l’ogliu nuevu”

Ormai era un rito: mio padre entrava e diceva: “Quanta fumu”!!! E mia madre rispondeva: “Megghju fumu ti cucina ca vientu ti marina” ma poi, appena cominciava a mangiarne qualcuna dimenticava tutto, il fumo, l’odore dell’olio e la fame che si portava appresso dopo una giornata di lavoro.

Oggi le pettole si fanno piccole, tonde come arancini e spesso la pasta interna non riesce a cuocere bene, ma nei tempi di mia madre le mamme tutte, non solo la mia, aprivano con le mani una porzione di pasta e la allungavano, facilitando la cottura della pasta anche all’interno della frittella.

In questo caso esse sortivano anche la magia delle forme: ora una papera, ora un cavallo, ora un coccodrillo, ora un gallo.

E i bambini si tuffavano ricchi della loro fantasia e appagati nella loro golosità in queste grandi coppe di ceramica piene di calde, soffici e gustose frittelle che avevano anche il pregio di aprire le porte al santo Natale.

Sì, perché era Natale sia nelle case dei ricchi che in quelle dei poveri. Infatti, nonostante il semplice tenore di vita e la ristrettezza economica, in nessuna casa mancava un pugno di farina, un orciuolo olio e tanto amore, per le attese pettole di santa Cecilia.

Il rito delle pettole si ripete nei giorni di vigilia, in occasione della festa dell’Immacolata, e per la vigilia di Natale, durante i giorni della Novena al ritorno dalle messe mattinate, e quando ci si ritrova con gli amici a giocare alla tombola nel lungo periodo di feste natalizie.

Sì, perché senza il profumo e il sapore delle pettole il Natale che Natale sarebbe?

MODI DI DIRE

MINACCE

Ti fazzu nuevu nuevu !
Ti faccio nuovo- ti cambio i connotati

Ti cconzu pi li feste !
Ti concio per le feste

Ti fazzu pigghia’ lu trièmulu !
Ti faccio prendere la tremarella

Ti stè fete lu campa’ ?
Ti puzza il vivere?

Ti fazzu a gnora morte !
Ti faccio nero come la morte

T’agghia ggiusta’ l’osse !
Ti aggiusto le ossa (per non dire te le spezzo)

T’agghia spizza’ li jammi !
Ti spezzo le gambe

Strazza pane e mmancia ci tieni fame !
Se hai fame mangia pane

Mo fazzu lu tiavulu a quattru !
Ora faccio il diavolo a quattro

Mi stè llievi li mazzati ti ‘ntra lli mani!
Mi stai togliendo le botte da dentro le mani

T’agghja da’ nu mašcone !
Ti devo dare uno schiaffone

T’agghja da’ na stampata !
Ti devo dare un calcio

Mo ti cònfiu li uecchi !
Ora ti gonfio gli occhi

Mitt’abbatu a comu parli!
Stai attento a come parli

Ti fazzu pigghia’ la saetta!
Ti faccio prendere la saetta

Ci no lla finisci bušchi!
Se non la smetti le prendi

T’agghia bbutta’ li musi !
Ti devo gonfiare le labbra

Mitt’abbatu a te!
Stai attento a te

idem
Mitt’a batu alla strata

idem
Camina tretta

Mo fazzu lu tiàvulu a quattru!
Ora faccio il diavolo in quattro

ah! uelì, comu si ccogghjnu l’alie

Amici, oggi vi offro un video dove potete vedere come si fa una raccolta moderna delle olive,
prima, invece, le raccoglievano le donne, chine sulla terra rossa, col vento di tramontana o con l'umidore dello scirocco.
Le raccoglievano cantando, sotto gli occhi del "padrone" e sotto gli sguardi "Ti li uemmini ca spruiàvunu l'arli, o li battevunu cu li pèrtiche.

In occasione delle Performance "Un popolo e il suo santo" da me scritta per la festa patronale di due anni fa ho ricostruito un antico canto popolare delle raccoglitrici di olive, che Lo storico Alfredo Maiorana raccolse, con un rudimentale registratore, direttamente nelle campagne del tarantino.

Ah uelì, comu si ccogghjnu l’alie
E si ccogghjnu a unu a unu
pi dispettu ti lu patrunu

A uelì comu si ccogghjnu l’alie
E si ccogghjnu a quattru a quattru
Allu patrunu lu cori li skatta

A uelì comu si ccogghjnu l’alie
E li vivi 'ntra llu panaru e
Li muerti 'ntra lu sunale

Ah uelì, è fatiatrice la bella mia
E ste ccogghj la rimonna
Pare totta nna matonna

Ah uelì, è fatiatore lu bbene mia
ste luntanu e si ni more
quanta suspiri faci stu core!

Questa voce è stata pubblicata il novembre 19, 2012, in varie. 2 commenti