Archivio | marzo 26, 2012

SARDE FRITTE E PUPIDDE

pescivendoli della San Giorgio che fu

pescivendoli della San Giorgio che fu

Quanti ti vuie sàpunu ca nna vota stava la “chiazzodda ti lu pesce” a San Giorgi?

Ormai no si lu ricorda nisciunu cchiu, eppuru nna vota, ‘ntra Via Isonzu,

quera strata ca ti la Chiesa Madre porta mmeru alla chiazza,

ti la vanna ti la farmacia Calò, ‘ntra quiru spiazzu ca ste ancora mo’,

si vinneva lu pesce.

Si vinneva pesce povero, pesce azzurro,

pesce ca ancora osci mi ricordu ccerti nomi, (pittoreschi e intraducibili!)

Cefli, sardi, alici, pupiddi, masculari, vope, cavùri, triglie, cuggiuni.

Agghju lettu l’otru ggiurnu sobbra a nnu giurnale,

ca lu pruverbiu “ a pupiddu, a pupiddu, ogni unu pensa pi jddu”

ni vene propia ti dda, ti lu pesce,

ti quannu si manciava tutti intr’allu stessu piattu e si minavunu

arranca arranca sobbra a nnu piattu di pesce frittu, pupiddi o sardi o alici…

Di tannu ha rimastu lu ditteriu “ a pupiddu a pupiddu ogni unu pensa pi jddu”!