Archivio | giugno 2017

Nello splendore del tramonto

 

 

 

Nello splendore del tramonto

mi appari radioso,

le vetuste facciate rinnovi

con parvenza di tessuti nuovi,

Alcuni lampioni

come giovani leoni, sfoderano

la loro svettante bandiera.

Occhio d’amante, il mio, ogni cosa

rapisce. Come in un album di foto

ogni scampolo di luce custodisce.

E’ tempo di mietere

18882092_10212555932164139_7328009481605241236_n

img_1542

img_1550.jpg

totem.jpg

Van Gogh - Siesta

 

Vieni,

è tempo di mietere…

il grano è già alto

nei miei occhi

e si piega sinuoso

sotto il bagliore della falce.

 

E’ tempo…

innalzeremo i covoni al cielo

come totem antichi

e li adoreremo;

a loro sacrificheremo

l’agnello più tenero.

 

E’ tempo

di mietere:

il frumento ha raggiunto

il carato purissimo dell’oro,

e nella forgia

arde la fiamma tenace

alimentata

dal soffio dell’attesa.

 

E la danza del tempo e dell’amore

risuona per i campi,

non senti?

La tua voce si accosta alla mia

per una melodia in passo doppio.

Culla di memorie

2006-11-21 SOLO IMMAGINI TAGGHJATE-dipinto di V. Murgolo copia.jpg2006-11-21 SOLO IMMAGINI TAGGHJATE-sul luogo della memoria1 G.Carafa.jpg2014-12-02 NEVE - tagghjate innevate2006-11-21 SOLO IMMAGINI TAGGHJATE-a perenne memoria 1.jpg19105667_10212672348394472_8632834072121494784_n.jpg

 

Vuleva cu era vivu tata core

e cu s’acchjava po’ ti qua a passare

e cu viteva mo com’ ha cambiatu

lu postu addò tant’anni ha fatiatu.

 

Lu picu  cu lu zueccu ha maniggiatu

li piezzi cu la riga l’ha squadratu,

sobbra li spaddi  po’  l’ ha carisciatu

nu muezzicu ti pani ha uatagnatu.

 

Cu lu sutori e cu caddi alli mani

non c’era quera vita  ti cristiani

e po’ alla sera do fave scarfati

cu do cicore ‘ccuesi alli tagghjate.

 

Ci mitti recchia e sienti cu lu core

ancora mo si sente lu rumore

di quiri zuecchi e quiri zuccaturi

ca onu chiarisciatu quisti muri.

 

Sti lamie prufumati ti murtedda

ti rucla, ti timu e chiapparini

e ‘ntra nu bucu picca picca ‘ncupu

l’anitu ven’a faci la rinninedda.

 

La vucirtodda qua è la reggina

e javitante è lu passarieddu,

lu marcu, lu turdu e lu scursone

li ferie fannu qua ogni staggione.

 

C’è formi strani questa petra teni

mmuddata cu lu sangu ti li veni

cu lu sutore amaru ti la fronte

ti quanti onu cavatu quistu monte.

 

‘Ntra quistu monte tant’anni bbandunatu

ci sapi quanta mmunnezza onu scittatu,

‘ntra quiri cavi c’onu fattu la storia

ca invece erunu culla di memoria.

 

Tiempu ha vinutu ca nn’amu riculatu

ca ‘sta dimenticanza era piccatu

ca li tagghjate sontu na ricchezza

e mo ggiustati sontu na bellezza,

 

sontu nu ponte tra passatu e presente

sontu nu libbru ti nu cuntu anticu,

e ci lu cuntu uè cu assai dura

rispetta li tagghjate e la Natura.

 

 

Anna Marinelli  15/9/2001

 

 

Preghiere a Sant’Antonio

2pane-di-sa-copia

PREGHIERA  A SANT’ANTONIO

 

Sant’Antoniu virgiglio e giocondo

numinatu per tutto il mondo

ci lu tene pi suo avvocato

ti Sant’Antoniu sarà jutato

 

Lingua santa, parla tu,

Sant’Antoniu, jutimi tu,

tridici grazie tu faci al giorno

fammi quella ca mi bbisogna

 

 

 

A SANT’ANTONIO

 

Sant’Antoniu benedettu

vieni a casa che ti aspetto

ca ti spettu cu nnu ggigliu

tuttu chinu di cunsigli

e cunsigli ne ta dà

mparadisu ne ta purtà.

 

Mparadiso so belle cose

a ccinca vè dà si riposa

all’infernu so mala gente

a  ccinca vè po si ni pente.

 

SANT’ANTONIO

 

Sant’Antonio mio d’amore

riscacciami dal tentatore

riscacciami ogni momento

Sant’Antonio mio potente.

 

Sto bambino ca tieni in braccio

che bellezza, che grandezza,

benedetto quel momento

che Maria lo partorì,

 

iu tengu fede a te

Sant’Antonio prega per me

 

Noi che lasciammo il sole

264477_125494600868878_6951053_n[2] (2).jpg

 

Noi che lasciammo il sole
per garantirci il pane ed un futuro meno greve d’incertezze;
noi che non conoscemmo altro sangue
se non quello dei grappoli maturi; altra carne
se non quella delle spighe ridenti;
che non conoscemmo altra terra se non quella dei padri:
noi ora siamo qui, sradicati come l’ulivo dalle zolle.
noi che lasciammo il sole e le case imbiancate
per servire una patria senza connotati
se non quello dello “stivale” che ci impressero nella fanciullezza;
noi, ora, guardiamo senza vedere
le cime di questi monti ammantati di neve,
mentre laggiù ancora si vendemmia, cantando.
noi che lasciammo il sole
e l’abbraccio materno
senza più avere per mano la valigia di cartone,
noi, con gli occhi abbagliati
di mandorli in fiore, guardiamo con sgomento questa neve,

mentre laggiù
qualcuno sta essiccando i fichi al sole,
al caldo sole del profondo sud.

*Agosto 1997

Lu cuntatinu ‘ntr’all’acciaieria

0000-00-00 ulivo18882092_10212555932164139_7328009481605241236_n

LU  CUNTATINU  ‘NTRA  L’ACCIAIERIA

 

 

Era na cosa sola cu la terra

comu n’arlu,  na chjanca, nu cippone..

Poi si sàpunu li cosi ti la vita

la terra vose fa’ cuntestazione.

 

Si rifiutavunu l’arli ti minare,

li vigni purtavunu crappicedde rachitiche,

e ‘ntra lu cranu

era chjù la cramegna ca li spiche.

 

Passa nu mese, n’annu, doje

e la mugghjere ti lu cuntatinu priticava

ruzzulava sempre na cosa:

-Va fatìa all’Italsitre

Va fatìa all’Italsitre-

Fu custrettu, povuru villanu

a fa’ domanda pi l’accettazzione.

 

Fu pigghjatu,

e  ‘ntra quattr’e quattr‘ottu

lassò la zappa e pigghjò lu giubbottu.

 

Ma po’ pigghjare n’arlu t’alìa

ci lu scappi ti qua e lu chianti a Milanu?

Accussì lu povuru villanu

si ni mureva ti malincunia

pinsannu alla vigna, all’arli, allu cranu.

 

Puru lu sole era persu la via

‘ntra li reparti ti l’acciaierìa.

 

 

 

Anna Marinelli      1977