Archivio | gennaio 2018

Sulla morte ed altre usanze

funerale di angelo fina

SULLA MORTE E ALTRE USANZE

 

Mio cognato Luccio (nomignolo che gli derivava dal nome Raffaele) era un esperto conoscitore degli usi, dei costumi, delle tradizioni e delle superstizioni che ruotavano e vigevano intorno all’evento della morte. Nel sentirlo parlare io restavo affascinata. Anche se poco più che adolescente sentivo fare discorsi su questo argomento, sospendendo qualunque occupazione o rallentandone lo svolgimento e, senza darlo a vedere a nessuno, prestavo orecchio e cuore e mente per riuscire a carpire il senso delle cose che si andavano narrando, magari intorno al braciere o seduti nell’orto o davanti ai ballatoi delle case, le sere d’estate.

 

Quando moriva una persona del vicinato Luccio era il primo ad arrivare presso la casa del defunto, specie se si trattava di un uomo. Quanto alle donne, a comporle, a lavarle, a vestirle, era un compito che attendeva esclusivamente alle donne della famiglia o tutt’al più si accettava l’aiuto prestato con amore da qualche persona più intima.

 

Se la morte era preceduta da una lunga agonia di diversi giorni, si vegliava l’ammalato per “assistergli l’anima”. Non ci si poteva permettere di lasciarlo di vista nemmeno un momento, stabilendo persino dei turni per sorvegliarlo costantemente…

 

Se l’agonia si protraeva per molti giorni… e il rumore del rantolo era costante e straziante per quanti erano vicini al morente, si ricorreva ad uno stratagemma che si riteneva fosse decisivo per accelerarne la morte.

 

Una specie di Eutanasia ante litteram.

 

Si poneva nel letto accanto alla persona agonizzante il giogo dei buoi. Un legno non facile da trovare che poteva eventualmente prestare chi possedeva una pariglia di buoi… e la cosa non era facile, perché possedere una coppia di buoi voleva dire anche essere possidente in un tempo di povertà estrema. Infatti possedere due buoi equivaleva ad avere una Ferrari mentre gli altri potevano permettersi appena appena un motociclo a tre ruote!

 

Il giogo era considerato il simbolo della croce di Cristo… e nel caso malaugurato che l’anima del morente fosse posseduta e trattenuta dal demonio, questi, vedendolo, sarebbe fuggito a gambe levate da quell’anima liberandolo dal suo dominio…

 

Nell’ora della morte infatti, tra Dio e il demonio intercorre una sfida terribile. Satana tenta di sottrargli anime, inducendole ad un atto di disperazione, mentre Dio, Padre Misericordioso, è chino su di loro, raccogliendo le sue ultime invocazioni… attendendo quel “Cristo aiutami” quale lasciapassare per l’aldilà!

 

Quando portare il feretro a spalla risultava un peso insostenibile… si usava dire la frase: “sciàmmene me’” cioè “Andiamo, sù”… quasi a chiedere il consenso a colui che stava abbandonando per sempre questa terra, la famiglia, gli affetti…
Il pietoso compito, che ora viene così facilmente demandato ai componenti delle pompe funebri era svolto con lacrime, preghiere e lamentazioni, le quali cose solo chi le ha viste e vissute le può raccontare.

 

Ho assistito con sgomento al triste spettacolo di coloro che muoiono negli ospedali e distesi su tavolacci di marmo, vengono lavati con gettiti violenti di acqua, come se fossero tronchi di alberi e non involucri di anima, nelle quali, poche ore prima, alitava la fiamma della vita.

 

 

Annunci

Nido di spinaci al burro

26229713_10214435044100763_4035416987462309145_n

Nelle nostre campagne in questo periodo abbondano gli spinaci e le bietole, approfittiamo perciò di quello che la Natura offre in ogni stagione dell’anno. Avendo avuto la disponibilità di un fascio freschissimo di spinaci ha preparato un piatto delizioso, delicato e facile facile:

Pulire e lavare gli spinaci… sbollentarli con l’acqua che si trattengono durante l’ultimo lavaggio per non far disperdere il ferro che contengono in molta acqua.Scolarli e passarli nel burro… farli cuocere 5/6 minuti.
Pepare e salare…fare una fossetta e versarvi un uovo o due a testa, coprire col coperchio per far addensare un poco l’albume. Il tuorlo non deve solidificare.Intingere nel tuorlo bastoncini di pane tostato o pane di grano fresco.