Archivio | agosto 2012

voci in estinzione

Quanta matine mi ppostu ret’alla persiana pi reggistra’ quiru ca crita” pummitore pi la salsa Uagnè!!!, a ci ata fa la salsa, a ci ata fa li pummitori a pizzetti!!! “

Ma vuie critìti ca sta cosa ata dura’ ancora assaje? Vonu scumparennu tutti li voci, tutti li pirsunaggi, tutti quiri ca si canuscèvunu sulu pi lu sobbrannome ca tinèvunu!

Ce soprannomi fantastichi!

Scappasaramenti, Para-para, Cecca ti pizzicu, chiantaspìni ,la pagghjalora, Cicci ti ‘Mbrosiu,la Burraska, Lu vissinu… nònnima la chiamàvunu Rata di Viruddu,ca po’ vuleva essere, Rata, il diminuitivo di Addolorata, (oscj nome improponibile,) e Viruddu era lu nome ti lu nonnu Saverio, il cui diminuitivo era Savirùddu (‘Viruddu).

Cussì cretu ca quisti vinnitòri ambulanti ona scumparè…
E io vo’ ccugghjennu tutti quisti sapori, quisti suèni, quisti spizzuni ti passatu, comu si ccugghjevunu l’alie morte ti sott’all’arli, cu li lassu alli fili mia, all’amici, a quiri ca ona vinè dopu ti me…

Annunci

il carrubo centenario

Vagnu’ ce vi ricurdate di comu sapevunu buene li Còrnele quannu stava la fame e assemmu ti la uerra? Pi nuje erunu comu cioccolatini, po’ s’ha dittu ca ernu bueni pi li puerci!!

Ieri n’agghju vistu n’arlu e m’ha zumpatu lu core ‘mpiettu!

Basciu alli tagghjate ni ste n’arlu ca tene quasi docient’anni, questa fotografia la feci doi tre anni fa, quannu scìu cu Giuvanni Carafa a fa na specie di pellegrinaggiu intr’a quiri petri ca parlunu ti sangu e sutore… e mo stonu ‘bbandunate e chjni ti munnezza!

Proverbi: Santi e metereologia

SANTI E METEREOLOGIA NEI NOSTRI PROVERBI

Negli anni scorsi o forse è più appropriato dire, nel secolo scorso, i contadini scandivano molte delle loro attività agricole, come ad esempio i tempi della semina, della vendemmia e persino il tempo giusto per travasare il vino, attenendosi ai consigli del calendario. Contava molto osservare lu crescere e smancare ti la luna, per questo, senza aver la pretesa di essere stata esustiva, ho il piacere, di offrirvi una sequenza di proverbi legati alle ricorrenze dei santi, ai consigli ed alle avvertenze che ne derivano.
———————————————————————-
Ti san Sibbastianu, (20 gennaio) nn’ora ti cchju abbiamu
(Per San Sebastiano abbiamo un’ora di luce in più)
Ti san Valentinu, (14 febbraio) la primavera éte vicinu
(Per San Valentino la Primavera è vicina)
Ti san Frangiscu, li séte allu canistru
(Per la festa di San Francesco i melograni nel canestro)
Ti sant’Antonio (13 giugno) lu culummu pi testimonio
(Per la festa di Sant’Antonio il fiorone fa il testimone)

Ti sant’Antoniu abbate,( 17 gennaio) maschere e serenate
(Il 17 gennaio, giorno di Sant’Antonio Abate inizia il Carnevale, perciò iniziano i balli e le serenate)
Ti santa Croce, (14 settembre) mancia lu pane cu llu noce
(A settembre per la festività della Santa Croce le noci sono mature e si possono mangiare con il pane)
Ti santa Rita,(22 maggio) ogni rosa è fiorita
(per la festa di Santa Rita si ha la piena fioritura delle rose e santa Rita ne è la patrona, infatti durante le messe dedicate alla Santa degli impossibili si benedicono i petali delle rose e si dispensano ai fedeli presenti)
Ti sant’ Anna,(26 luglio) trasi l’anima alla castagna
(In luglio la castagna comincia a solidificarsi)

Ti santa Catarina, s’imbianca la pàmpina e puru la spina
Ti santa Catarina,(25 novembre) o acqua o neve o brina
Ti santa Catarina, la neve ogni matina
( per santa Caterina si hanno le prime gelature e le prime nevicate)

Ti san Simone,(28 ottobre) lu jaddu si faci cappone
(Per San Simone si ingrassa il gallo per essere consumato a natale come cappone)
Ti santa Lucia, (13 dicembre) tanta la notte quantu la dìa
(Di Santa Lucia tanto la notte quanto il dì)

Ti san Pietru, (29 giugno) o pagghja o fienu
(Di san Pietro o paglia o fieno)
Ti santu Grazianu, semina a piena manu
(Di san Graziano, semina a piena mano)
Ti santa Matalena, ( 22 luglio) lu noce è chinu e si tagghja l’avena
(Per Santa Maddalena le noci sono mature e si può tagliare l’avena)
Ti santa Cristina,(24 luglio) la matina l’aria è fina
(Per santa Cristina la mattina l’aria è fresca (fina)
Quannu chiove ti santu Vitu la raccolta ti l’ua ha fallitu
(Quando piove per san Vito si danneggia l’uva)
Ti tutti li santi, ( 1 novembre) cappottu e uànti
(Per tutti i santi provvediti di cappotto e guanti)

Ti santa Filumena,(5 luglio) la mennela è chiena
(Per santa Filomena la mandorla è piena)

Ti sant’Anna, l’acqua è panna
(La pioggia di sant’Anna è benefica)
Ti santu Bbiase, (3 febbraio ) quantu sièmmini tantu face
(Quando semini di san Biagio raccoglierai per quanto hai seminato)
Ti la Candelora (2 febbraio) ti lu ‘nviernu simu fora,
ma ci li sé cuntà nnotr’ e ttanta nci ni sta.
(Per la festa della Candelora dell’inverno siamo fuori, ma se li sai ben contare
ci sono altrettanti giorni prima che venga primavera)

Dal mio libro: Le Tagghjate: sCAVAndo nella memoria. Scorpione Editrice Ta – Maggio2009

pasta cu li cavùri

linguine ( bavette) con i granchi al sugo,

pasta cu lli cavùri. piatti antichi del salento jonico

Sto fazzu la paccia ca vo’ circannu do’ cavuri, ma pare ca s’onu persu!!!
Agghju sciutu a Tarantu abbasciu alla duana addo “Cicci u ‘gnure” addo “Cesarino”, alla “Bicicletta” maccè!!!

Agghju ddummanatu puru a ‘Ntonio Nocera ca passa tutti li matine alle 7 e grita cu l’altoparlante ” pesci frisku, vagne’!!!!, ma niente, cavuri no si nn’acchjunu! pare ca li cavuri s’onu persu, sontu animali in via di estinzione e li piscaturi no li ponnu pisca’, ci no pàjunu la multa.

Mi ricordu ca quannu era piccenna passava ‘ntra lu paisu nu cristianu cu li cazuni alla zzuvarra, cu na bicicletta vecchia e nu sicchju chjnu ti cavuri, ca facévunu nu rumore comu li lapi e mi facevunu pigghja’ paura!!!

Quannu mama ni ccattava na francata, po’ era nna traggedia quannu l’era a cucina’.

Quannu li minava intr’alla patella cu li faceva mure’ lu fricimiéntu
ca si sinteva ti n’iri scappa’.

S’era tine’ lu cuperchiu carcatu carcatu sobbr’alla patella ca quiri frusculicchj si ni vule’ scappàvunu pi sfuggi’ a na morte atroce!!!

Mo, ca m’agghju fattu vecchia, quannu pensu a certe cose, la mente mea si ni vè luntanu, alli tiempi di tannu e provu na stretta allu core ca si face piccinnu piccinnu… pero, la pasta cu li cavuri, vagnù, tineva nnu sapore, puru ca n’erma suca’ do zzippri( chele) vacanti..ma ni sapevunu comu sia ca ernu aragoste!

liquore di cedrella

La cedrella è un arbusto delicato, con ampie ramaglie fornite di un fogliame lanceolato e sottile, foglie abbastanza ruvide e profumatissime.

Le foglie sono cadùche ma in estate la sua vegetazione è lussureggiante.

Per la gioia dei miei lettori e specialmente di Letizia, pubblico oggi la ricetta di un liquore digestivo che si può preparare con questa pianta tipica del Salento.

Ingredienti:
-250 g di alcool per liquore
-300 g di acqua
-300 g di zucchero
-1 buccia di limone
-1 bastoncino di vaniglia
-100 foglie di cedro

Preparazione:
Mettere tutti gli ingredienti in infusione per 25 giorni.
Agitare spesso.
Trascorsi i 25 giorni, filtrare bene.
Far invecchiare.

Una variante al liquore e può essere anche una cosa nuova per voi, è mettere in un vasetto di vetro alcune zollette di zucchero e aggiungervi una decina di foglie di cedrella e coprire di alcool da liquore. L’alcool assorbirà la colorazione della cedrella e conserverà la consistenza dello zucchero.

Queste zollette verdi e profumate saranno una vera chicca da offrire ai vostri amici, nelle sere d’inverno, al termine di un lauto pasto.