Archivio | aprile 2018

Fontana di paese

11079642_420941098078688_9102941479590249327_n

 

A sera, quando si spegne

anche l’ultimo asterisco di luna

sorgono dai meandri della memoria

iconografie amiche.

Vestono abiti azzurri

e sonagli d’infanzia

tra le dita.

Nel sogno, rincorro una bimba

abbandonata tempo addietro

nello scroscio di una fontana di paese.

– Ludica moscacieca

di stagioni

che vendemmia uve

di rimpianti –

Lei nel sogno

si lascia afferrare,

ma…

come un cono di nebbia

mi si scioglie

tra le dita…

Annunci

La leggenda di San Giorgio

31124349_10215296995048998_4448302091162695655_n

La Leggenda di San Giorgio martire, Patrono del mio paese è stata, nel 2000, riscritta e ricomposta da me, servendomi della trasmissione orale degli anziani del mio paese. La versione più nota resta quella pubblicata dal maestro Cosimo Quaranta, appassionato ricercatore delle nostre tradizioni, che è stato il mio mentore fino alla fine dei suoi giorni.

 

LA LEGGENDA DI SAN GIORGIO

 

Prologo:

Tu Spiritu Santu ti ‘ncielu scinnisti

Figliolu ti la Vergine Maria,

subbutu alla bon’ora ti partisti

cacciasti n’anima ti la ‘bbifania.

Cussì digni cacciari a me,Signore,

di ogni mali e di mali pinzieri.

Sciamu alla terra di Monte Paganu

‘ddà ha natu n’aspru sirpente

‘ddò ogni mamma a sce’ duna’ la figlia

pi tinerlu tranquillu e cuntente.

 

“Osci tocca a me, Signore Dio,

vado alla morte che mi ha dato Dio”

’ddò la purtamu sta crona ‘ncrunata,

mancu ci fosse Diu simigliata ?

Ret’a nu muru ‘nci la sce’ lassara

chjanancennu e lacrimannu l’accumpagnara.

 

Mo si prisenta nu giovini ‘ncavaddu

era San Giorgi e santu cavagliere

armatu sceva, senza nisciunu pinziere.

“Donzella, ‘ddò ste ve sola soletta,

sola soletta senza cumpagnia?”

“ Vocu alla morte ca m’ha datu Diu”

“ Assièttiti nu pocu mia dunzella,

quantu mi cierchierai nu pocu la testa.”

Sùbbutu la dunzella s’ha ‘ssittatu

la testa a Santu Giorgi l’ha ‘ncirchiatu.

Mo ci sa vistu la testa bagnata

sùbbutu all’arme della sua donzella:

 

 “ C’ete dunzella mia ca sempre piangi?”

 Mo vene lu dragone e a me mi mangia”

Sùbbutu Santu Giorgi s’ha misu all’impiedi

‘ngruppa allu suo cavallu l’ha minatu,

sùbbutu lu sirpente dette nu ballu

toccò li piedi di lu suo cavallu.

“Apra la bocca nigru serpente,

ca ti vogliu mina’ la criatura!”

 

Sùbbutu lu sirpente aprìu la vocca

San Giorgio li minò la lancia ‘mmocca.

Mo risposi n’Ancilu dal cielo:

“Ferma lu puzu Santu Cavagliere

ferma lu puzu Santu di facore

oggi t’è ‘uadagnatu nu grande onore:

ti stu paìsu si’ Santu protettore”.

 

Questa é la storia di Santu San Giorgi

‘iata ci la sape e ci la dici,

a ci la dici tre vote la dìa

ni caccia n’anima di la ‘bbifania,

A ci la dici tre vote la notte

libbera n’anima di la mala morte,

A ci la dici di cori e d’ammente

ni caccia n’anima di lu focu ardente.

 

Paese mio

2014-11-09 TAGGHIATE PER POESIA IMG_9006 copia

 

Esiste un paese immutevole

la cui storia fu scritta su pagine di pietra

irrorate col sudore dei padri

levigate come lastre di selce

risuonanti dell’eco dei carrettieri.

 

Qui tutto resta al suo posto

senza che l’affanno del mutamento

assilli il discorrere dei vecchi.

In questo luogo si possono scorgere

le anime dei trapassati

rivisitare le proprie abitazioni,

quando i balconi sono serrati

come la pupilla dei dormienti.

 

C’è un paese immutevole

dove la rondine torna a fare il nido,

respingendo l’ebbrezza domiciliare

dei grattacieli metropolitani.

 

C’è un paese il cui nome appartiene

al Santo Cavaliere,

che vigila in ronde silenziose

quando i figli più giovani

si attardano negli angoli bui,

cercando le ragioni della vita.

  

Egli veglia sul grano e sul vigneto

coprendoli col suo mantello purpureo…

 

C’è un paese immutevole

dove è facile scambiarsi le opinioni

parlando a bassa voce sui poggioli,

quando  i bimbi dormono

immemori di giochi e di paure.

 

Qui c’è ancora un contadino

che parla come un padre al piccolo frumento,

alto quanto la barba di un operaio dell’Acciaieria,

al termine del turno della notte.

 

Le aiuole sono sì senza erba

ma i gerani dei balconi

suppliscono l’indifferenza

dei potestà comunali.

 

Esiste un Paese immutevole

dove il giallo degli ottoni

sulle porte antiche

risplende come un input di sole

sul silenzio che soffoca le risa.

 

Qui c’è ancora una casa

che dilata le sue pareti quando abbraccia,

c’è un cuore che palpita, inviso

alle porte blindate

delle case cittadine.

 

 

 

Paese immutevole

2008-04-23 PROCESSIONE SAN GIORGIO-il santo patrono.jpg

2011-05-08 ALTARINI SAN GIORGIO-_DSC9148.JPG

2014-11-09 TAGGHIATE PER POESIA IMG_9006

 

Esiste un paese immutevole

la cui storia fu scritta su pagine di pietra

irrorate col sudore dei padri

levigate come lastre di selce

risuonanti dell’eco dei carrettieri.

 

Qui tutto resta al suo posto

senza che l’affanno del mutamento

assilli il discorrere dei vecchi.

In questo luogo si possono scorgere

le anime dei trapassati

rivisitare le proprie abitazioni,

quando i balconi sono serrati

come le pupille dei dormienti.

 

C’è un paese immutevole

dove la rondine torna a fare il nido,

respingendo l’ebbrezza domiciliare

dei grattacieli metropolitani.

 

C’è un paese il cui nome appartiene

al Santo Cavaliere,

che vigila in ronde silenziose

quando i figli più giovani

si attardano negli angoli bui,

cercando le ragioni della vita.

 

 

Egli veglia sul grano e sul vigneto

coprendoli col suo mantello purpureo…

 

C’è un paese immutevole

dove è facile scambiarsi le opinioni

parlando a bassa voce sui poggioli,

quando  i bimbi dormono

immemori di giochi e di paure.

 

Qui c’è ancora un contadino

che parla come un padre al piccolo frumento,

alto quanto la barba di un operaio dell’Acciaieria,

al termine del turno della notte.

 

Le aiuole sono sì senza erba

ma i gerani dei balconi

suppliscono l’indifferenza

dei potestà comunali.

 

Esiste un Paese immutevole

dove il giallo degli ottoni

sulle porte antiche

risplende come un input di sole

sul silenzio che soffoca le risa.

 

Qui c’è ancora una casa

che dilata le sue pareti quando abbraccia,

c’è un cuore che palpita, inviso

alle porte blindate

delle case cittadine.

Alessandro Meluzzi A Pulsano

30710792_1864860346877759_4161519197657792271_n.jpg

 

IMG_1179

IMG_1193.JPG

Sentir parlare un personaggio del calibro di Alessandro Meluzzi ti riempie le ore e ti fa isolare dal resto del mondo. Ti lega al laccio della sua smisurata cultura e ti fa dimenticare di tutto e non sei mai paga…vorresti restare là a fare il pieno della sua parola, che egli porge con una leggerezza incredibilmente dotta senza lasciarti una minima possibilità di avvertire  stanchezza. E’ dopo, Lui, lontano mille anni Luce da quei sofisticati dottoroni tronfi delle loro stesse parole, trovare il tempo di posare per una foto ricordo, con l’ultima delle sue ammiratrici. Grazie Lucia La Sorsa per questa opportunità, Grazie Alla Precis Arte.

 

Proverbi dei mesi e delle stagioni

calendario-2018-comemoracoes-diversas

 

PROVERBI DEI MESI E DELLE STAGIONI

Ci Scinnaru no scinnarèscia

Fibbraru mali la pensa

E ci Fibbraru l’aveva tutti

Faceva quagghjà lu mièru ntra li vutti

( e ci marzu vòle faci saltà l’ogni allu vòve)

Se Gennaio non sarà molto rigido

Farà freddo a Febbraio
E se Febbraio avesse tutti i giorni

Farebbe solidificare il vino nelle botti.

( e se Marzo vuole farebbe saltare le unghie al bòve)

Scinnàru siccu

Massaru riccu

Se  Gennaio sarà secco
Il pastore sarà ricco

Pasca Bbifania tutti li fiesti si porta via

Risponne la Cannelora” stoch’iu ancora”

L’Epifania tutte le feste porta via

Risponde la Candelora “ ci sono io ancora”

Ti la Cannilora la nvernata è fora

Ma ci la sè cuntà n’otr’è ttanta nci ni stà

Per il giorno della Candelora (2 Febbraio)

Dell’inverno siamo fuori.

Ma se conti bene ci sono altrettanti giorni

Perché arrivi la primavera.

Marzu assuttu

Cranu a tutti

Se a Marzo non pioverà

Ci sarà grano per tutti

Ti Santa Nnuzziata (25 Marzo)

La vigna apparicchiata

Per l’Annunziata tutti i lavori

Relativi alla vigna devono essere ultimati

Abbrile, ogni goccia nnu varrile

In aprile, ogni goccia un barile

Nn’ acqua ti Marzu e doje t’Aprile

Biatu lu carru cu tuttu lu tiru

Una pioggia di Marzo

E due d’Aprile

Farà beato il carro e i buoi che lo tirano

Aprile, dolce dormire,

ci no mmanci do voti la dìa spiri.

Aprile dolce dormire

Se non mangi due volte al giorno spiri.

Ti sant’Anastasu ogni fava ha fattu lu nasu (27 aprile)

Di Sant’Anastasio le fave hanno fatto il nasello

Abbrili faci li fiori e a Marggiu vonu l’onori

Aprile prepara la fioritura e Maggio raccoglie gli onori

Màsciu, tienimi ca càsciu

Maggio, tenetemi se no vengo meno, cado.

Ti Sant’Antoniu lu culùmmu pi tistimòniu

Ti San Giuvanni pigghia culùmmi e mienili ncanna (24 Giugno)
Il giorno di San Giovanni i fioroni sono maturi

Giugnu, falce ‘mpugnu.

Giugno , è tempo di mietere.

T’agosto, uegghiu e mosto

Agosto olio e mosto

Ci uè faci nnu buenu mustu

Zappa la vigna lu mese t’agosto

Se vuoi un buon mosto

Zappa il vigneto nel mese d’Agosto

Ci t’Agosto no tti vististi

Mali cunsigli avìsti

In Agosto non ti scoprire troppo

Ci uè acqua chiama vientu

Il vento è foriero di pioggia

Cielu russu acqua ‘nfussu

Cielo rosso acqua nel fosso

Quannu è tiempu ti vinnegna (Settembre)

“ziu cc’è vegnu, ziu cc’è vegnu”

Quannu è tiempu ti zzappa e puta

No si vetinu li niputi.

Al tempo della vendemmia

I nipoti vorrebbero venire

Ma quando si tratta di zappare e potare

I nipoti spariscono

Ti San Frangiscu li sète allu canìstru

Per San Francesco (4 Ottobre)

i melograni nel paniere

T’ognissanti ogni èrva chianti (1° Novembre)

Per la Festa di Ognissanti puoi piantare

Le talee di tutte le piante con successo assicurato

Ti Sa’Mmartinu ogni mustu diventa vinu (11Novembre)

Per  il giorno di San Martino

Ogni mosto diventa vino

Natale assuttu e Pasca mmuddata

Facinu gruessu lu picciddatu

Natale asciutto e Pasqua con la pioggia

Fanno pane abbondante

Ti Pasca e ti Natale sontu ricchi li furnari

Quannu passunu li fiesti von’acchiannu turnisi ‘mpriestu.

a  Pasqua e a Natale i fornai si arricchiscono,

passate le feste chiedono soldi in  prestito.

Ti Santa Lucia tanta la notte e tanta la dìa  (13 Dicembre)

Il 13 Dicembre la notte dura quanto il giorno

10153284_10202729159363177_5724304671399691964_n

Ultimo cielo

IMG_20160728_155612.jpg

1133568_large31901.jpg

1967189_l.jpg

ULTIMO CIELO

Riempitevi occhi miei
di questo ineguagliato plenilunio,
non fermate la conta delle stelle,
dalla prima che nasce sul ventre della sera
fino all’ultima che s’addormenta
nei mattini del mondo.

Riempitevi occhi miei di questo girotondo
di astri, di comete, di costellazioni,
del piccolo carro che fermo si trascina
sulla dorsale d’argento della luna.
Saziatevi occhi miei
di questo mare bianco, che la frusta del maestrale
fa ruggire, e sugli scogli in mille perle
s’infrange, e non patisce
della rena che supina lo tradisce.

Saziatevi occhi di questo mare quieto
che in confini terrestri si contiene
come un bimbo che sogna nel lettino.
E mentre sogna succhia il suo ditino

Colmatevi occhi miei di verdi prati,
dove spontanea spunta la cedrella
e il rosso papavero decora il fedele ed umile tratturo,
che stradina di campagna fa più bella.

Catturate fra le pieghe del cristallino
l’ultimo rosa dei peschi e dei ciliegi,
il niveo candore del mandorlo e del pruno
e il giallo delle ginestre sazie di sole
quando indorano le valli e poi le alture,

Nello scrigno delle pupille conservate
come tra pagine di una pergamena
il verde della giada quando tenta d’eguagliare il filo d’erba,

il carato dell’oro delle messi, le altezze dei cedri
dal Libano importati, la rosa che profuma
e che ghermisce la mano che la strappa
e la gualcisce.

Chi ha mani lievi venga a svuotare le conchiglie
dei miei occhi delle lacrime che ancora vi dimorano,
voglio colmare i miei occhi d’azzurro,

voglio colmare i miei occhi di mare,

voglio colmare i miei occhi di sole,

Perchè quando il Buio la Luce dallo sguardo mi rapirà ,
li condurrò con me nell’altra vita,
dove non ci sarà tempo per l’amore,
dove non ci sarà tempo per godere
delle stelle raccolte con le mani, della luna bevuta in un bicchiere.