Archivi

Ragnatela d’oro

12400527_10208011697001100_1133319072751993374_n

 

Ogni sera attendo
che ritorni.
L’attendo,
già pronto il bagaglio
per partire.
Insieme si potrà volare
oltre la linea latitante
del possibile.

Impazienze d’infanzia
ritrovo, e paure tra le scale
sempre in penombra,

Una siringa di luna
mi rivaluta l’ardire,
ora l’azzardo è reso verosimile.
Anche stasera l’attendo per partire,
ne scruto l’arrivo,
dietro un sipario setoso
che scosto
con l’indice eretto,
complice e cauto.

Un ultimo sguardo
sottratto alla soglia
della pazienza
s’imbeve di luce, già sento
il motivo del suo passo.
Dal mio sangue s’innalzano
stalagmiti,ideogrammi d’ansia letàre
che a stento trattengo.

Eccola, è lei!
la mia serotina stella.
S’avvicina, si affaccia
da una balaustra di nubi
e l’atteso segnale
m’invìa; mi avvio,
docile con lei
per il viaggio consueto,
trasgressivo.
Il gufo della notte
si appisola lontano.
Le ragnatele
hanno fili d’oro.

Mi piace di Lei

49815903_2130211133683755_2884459706250690560_n

MI PIACE DI LEI

Di lei solo il candore
prediligo,
non il gelido abbraccio
come morsa di ghiaccio.

Di lei ammiro
la caduta lieve
e silenziosa,
non il manto greve
che nel giardino
fa gelar la rosa.

Di lei mi piace l’attesa,
che giunge
col passo silente:
negli orti assopiti
più nessun ala si sente.

Di Lei mi piace lo stupore
che semina negli occhi
dei bimbi;
quel fiocco di bambacia che ogni cosa bacia.

Per la straordinaria nevicata
dell’8 marzo 1987.

Nevica

26219521_10214427977604105_6882406325299030739_n

 

Nevica
Rarissima visione.
Nevica, sono briciole di un pane di nuvole,
bianchissime, di panna,
dove affonderesti le tue labbra di bambino.

Nevica gocce di sangue di cielo, sangue niveo
sgorgato dal petto di un gabbiano
ferito da una fiocina d’argento.

Neve, soffio e immagine,
neve goccia di miele innevato, intatto, cocente.

Fiocchi densi cadono, camminano,carezzano
il mio corpo di terra rappresa
da letargo invernale,
plasma insapore di angeli,visione, passaggio, ritorno,
girotondo, mulinello, danza.

Organismo di liquide scaglie.
morbida organza di gemme precluse.
Orologio di zucchero e sale che ingabbia i sogni più refrattari.
Petali di luna sbocciati
sul ramo spezzato del mandorlo, sulle zagare precoci,
sui gerani filiformi, nelle corsie degli ospedali.

….
Nevica sul mattino, sul giorno,sul crepuscolo, sulla sera,
sull’Orsa maggiore, sulla baia degli dei,
sulle barchette di luna, sul campo di grano dormiente,
che al mattino è cresciuto quanto la barba di un metallurgico,
al termine del turno della notte.

…..
….
Nevica sulla tomba del poeta,
dalla disperata scrittura,
che radeva la barba del cielo,
nevica su stormi affamati di pane d’ulivi,
sull’Eden perduto, groviglio di luce sfuggita
da fragile rete a trama larga.
Nevica sull’antica amicizia, sulla comune poesia, su ogni cosa vivente,
cortile, scale, attico, ballatoio, e poi ancora ballatoio, attico, scale, cortile,
sul caro gelsomino che promette petali “altri” d’inebrianti profumi:
d’infanzia, di mamme, di racconti eterni.

Nevicano petali di luna,
cristalli/ mutazioni di lacrime.
Dolore di fosforo sulla terra di ferro.
Sulle algheamare dello Jonico Mare,
sugli scontrini dei bar dove annegasti di alcool e fumo.
Nevica sulla tua anima di argilla e poesia,
nevica dolore di porpora antica,
nevica sul soffio e l’immagine dell’anima tua,
ferita,tramortita da un sogno che fu anche utopia.

*
per omaggiare la memoria del poeta Pasquale Pinto… e di tutti quei poeti che giacciono sepolti da una coltre di dimenticanza.

Nodo

Gatto-Gioielli-5-1024x778 (1)

 

E pensandoti
penso in Poesia
infilando perle
ad un filo
senza più nodo.

 

Quanno nascette Ninno

 

L’Incanto in un Canto

In questo tempo di Avvento ho fatto una scoperta meravigliosa ricercando sul web il testo di un canto natalizio che mi ritornava spesso alla mente e che era strettamente legato alla lunga malattia di mia madre.
Il titolo era; Quanno nascette Ninno. Questa canzone suggestiva e melodiosa l’avevo registrata su un registratore di vecchio tipo, di quelli che vanno con una cassetta audio che ormai non se ne trovano più.

Ricordo che quando entravamo nel clima natalizio sintonizzavo la radiolina su Radio Puglia stereo  per ascoltare le ninne-nanne,  i canti dei bambini, le pastorali tipicamente tarantine di cui andiamo giustamente orgogliosi.

Quell’anno avevo registrato Quanno nascette Ninno cantata dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare e mi risultò tanto coinvolgente da darmi brividi di emozione fortissimi.

Ora, riordinando tra tanti oggetti del passato, credendo di fare “pulizia”, ritrovo questa cassetta e ne riascolto il contenuto.

Quanno nascette Ninno è sempre bellissima, anzi decido di farne una traduzione nel mio dialetto sangiorgese.

La domenica successiva durante la santa messa la prima lettura che ci veniva rivolta dalla Parola di Dio era tratta dal libro di Isaia(11,1-10), il quale 8 secoli prima della venuta di Cristo annuncia la nascita di quel Bambino, che ricolmo dello Spirito spunterà dal tronco di Iesse per donare ai popoli Luce, Pace e Giustizia.
Isaia lo annuncia con accenti poetici e con visioni di sublime bellezza, ma anche profetizzando scene di Giustizia universale

” giudicherà con giustizia i miseri
e prenderà decisioni eque
per gli umili della terra.
Percuoterà il violento
con la verga della sua bocca,
con il soffio delle sue labbra
ucciderà l’empio.”

Ma torniamo al canto natalizio.
Utilizzando le Visioni profetiche di Isaia
il grande poeta del ‘6oo sant’Alfonso Maria de Liguori
elabora una nenia natalizia tra le più prestigiose e diffuse in tutto il mondo cattolico,
associando al testo aulico del tempo, strettamente locale,
una melodia che ha affascinato artisti, musicisti e cantori di tutti i tempi.

Il testo di Isaia:
6) Il lupo dimorerà insieme con l’agnello,
la pantera si sdraierà accanto al capretto;
il vitello e il leoncello pascoleranno insieme
e un fanciullo li guiderà.
7) La vacca e l’orsa pascoleranno insieme;
si sdraieranno insieme i loro piccoli.
Il leone si ciberà di paglia, come il bue.
8) Il lattante si trastullerà sulla buca dell’aspide;
il bambino metterà la mano nel covo di serpenti velenosi.

Il testo di sant’Alfonso

1) Quanno nascette Ninno a Betlemme,
era notte e pareva miezojuorno…
Maje le stelle,
lustre e belle,
se vedèttero accussí…
e ‘a cchiù lucente,
jette a chiammá li Magge a ll’Uriente.

 

2) De pressa se scetajeno ll’aucielle…
cantanno de na forma tutta nova:
Pe’ nsi’ ‘agrille,
co’ li strille,
e zompanno ‘a ccá e ‘a llá:
– E’ nato! E’ nato! –
– decévano – lo Dio che nce ha criato! –

 

4) Non c’erano nemice pe’ la terra:
La pecora pasceva co’ ‘o lione
Co”o capretto,
se vedette
‘o liupardo pazzeá…
Ll’urzo e ‘o vetiello
e, co’ lo lupo, ‘mpace ‘o pecoriello.
La traduzione di Anna
QUANNO NASCIU LU FIGGHJU
Quannu nasciu lu figghju a Maria
Era notte e pareva menzatia
Mai li stelle furunu belle
Mai si viternu taccussi
La chiù lucente
Sciu a chiamà li Maggi
Ti l’Uriente

No stavunu nimici sobbr’alla terra
La pecora mangiava  cu  lu lione

Cu  l’agnellu si viteva
Lu liupardu  ruzzulà
L’orso e lu torello
Lu lupu ’mpace stava cu l’agnello…
Si ddiscitaruno tutti l’acieddi
Cantannu ti nna forma totta nova
Li passarieddi
piccinni piccinni
Zumpettannu
di qua e ddi ddà
E’ NATO!  E’ NATO!
Sia benedetto Ddio
Ca n’ha criato!

 

 

 

Sant’Alfonso:

 

“Co’ tutto ch’era vierno, Ninno bello,
nascettero a migliara rose e sciure…
Pe’ nsi’ ‘o ffieno,
sicco e tuosto,
ca fuje puosto sott’a te,
se ‘nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette…”

 

Anna

 

Cu tuttu ca era ‘nviernu
O Ninno bello
Fiurirunu a migghjara
Rose e fiuri
Puru lu fienu
Ca era tuestu
Vistu ca stava sott’a Te
S’intinnirìu
E ti nna fronna ti rosa si vistìu.

 

Sant’Alfonso:
“A no paese che se chiamma Ngadde,
sciurettero le vvigne e ascette ll’uva.
Ninno mio
sapuretiello,
rappusciello d’uva si’ tu…
ca, tutt’ammore,
faje doce ‘a vocca e po’ ‘mbriache ‘e core!!”

 

 

Anna:

A nnu paìsu ca si chiamava ‘Ngaddi
Minarunu li vigni e assìu l’ua.
Figghju beddu
Sapuritieddu
Raciuppieddu d’ua sì Tu!
Cu tant’amori
Ddulcisci prima la vocca e po’ lu core.

“Rosa bellissima dei campi di Engaddi
che di tua modestia innamorasti il Tuo Fattore
sicché non disdegnò di farsi tua fattura….”

È dolcissima questa digressione che mi riporta all’antica preghiera mariana recitata durante il mese di maggio.
Ma in quel lontano paese della Palestina Il santo poeta e musicista
fa fiorire le vigne innanzi tempo,
simboleggia il Ninno divino a quel “rappusciello d’uva sapuretiello,”
dinanzi al quale il fieno” sicco e tuosto,
ca fuje puosto sott’a te,
se ‘nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette.”
Quanti prodigi d’amore si verificarono la notte santa!
Quanto desiderio di pace si fece urgenza irrimandabile nei cuori degli uomini.

Sant’Alfonso infatti descrive con magistrali tratti, l’ansia dei pastori
d’arrivare presto alla grotta, per adorare “  stu Ninno Dio!…
“Sbatteva ‘o core ‘mpietto a sti Pasture
e ll’uno po’ deceva ‘nfacci’a ll’ato:
– Ché tardammo?
priesto, jammo
ca mme sento ascevolí
pe’ lo golío
ca tengo de vedé stu Ninno Dio!…”

 

 

 

Poesia visiva che non ha bisogno di traduzione letterale, il coinvolgimento emozionale è tale che fa sorvolare su quei fonemi intraducibili che pure si fanno preghiera, si vestono di musica e si tramutano in stupore, sì che il cuore nostro come quello dei pastori” pe’ la prejezza, se sonnava pace e contentezza…393947_272702176113111_108845529165444_721602_2000829054_n1