Archivi

Quanno nascette Ninno

 

L’Incanto in un Canto

In questo tempo di Avvento ho fatto una scoperta meravigliosa ricercando sul web il testo di un canto natalizio che mi ritornava spesso alla mente e che era strettamente legato alla lunga malattia di mia madre.
Il titolo era; Quanno nascette Ninno. Questa canzone suggestiva e melodiosa l’avevo registrata su un registratore di vecchio tipo, di quelli che vanno con una cassetta audio che ormai non se ne trovano più.

Ricordo che quando entravamo nel clima natalizio sintonizzavo la radiolina su Radio Puglia stereo  per ascoltare le ninne-nanne,  i canti dei bambini, le pastorali tipicamente tarantine di cui andiamo giustamente orgogliosi.

Quell’anno avevo registrato Quanno nascette Ninno cantata dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare e mi risultò tanto coinvolgente da darmi brividi di emozione fortissimi.

Ora, riordinando tra tanti oggetti del passato, credendo di fare “pulizia”, ritrovo questa cassetta e ne riascolto il contenuto.

Quanno nascette Ninno è sempre bellissima, anzi decido di farne una traduzione nel mio dialetto sangiorgese.

La domenica successiva durante la santa messa la prima lettura che ci veniva rivolta dalla Parola di Dio era tratta dal libro di Isaia(11,1-10), il quale 8 secoli prima della venuta di Cristo annuncia la nascita di quel Bambino, che ricolmo dello Spirito spunterà dal tronco di Iesse per donare ai popoli Luce, Pace e Giustizia.
Isaia lo annuncia con accenti poetici e con visioni di sublime bellezza, ma anche profetizzando scene di Giustizia universale

” giudicherà con giustizia i miseri
e prenderà decisioni eque
per gli umili della terra.
Percuoterà il violento
con la verga della sua bocca,
con il soffio delle sue labbra
ucciderà l’empio.”

Ma torniamo al canto natalizio.
Utilizzando le Visioni profetiche di Isaia
il grande poeta del ‘6oo sant’Alfonso Maria de Liguori
elabora una nenia natalizia tra le più prestigiose e diffuse in tutto il mondo cattolico,
associando al testo aulico del tempo, strettamente locale,
una melodia che ha affascinato artisti, musicisti e cantori di tutti i tempi.

Il testo di Isaia:
6) Il lupo dimorerà insieme con l’agnello,
la pantera si sdraierà accanto al capretto;
il vitello e il leoncello pascoleranno insieme
e un fanciullo li guiderà.
7) La vacca e l’orsa pascoleranno insieme;
si sdraieranno insieme i loro piccoli.
Il leone si ciberà di paglia, come il bue.
8) Il lattante si trastullerà sulla buca dell’aspide;
il bambino metterà la mano nel covo di serpenti velenosi.

Il testo di sant’Alfonso

1) Quanno nascette Ninno a Betlemme,
era notte e pareva miezojuorno…
Maje le stelle,
lustre e belle,
se vedèttero accussí…
e ‘a cchiù lucente,
jette a chiammá li Magge a ll’Uriente.

 

2) De pressa se scetajeno ll’aucielle…
cantanno de na forma tutta nova:
Pe’ nsi’ ‘agrille,
co’ li strille,
e zompanno ‘a ccá e ‘a llá:
– E’ nato! E’ nato! –
– decévano – lo Dio che nce ha criato! –

 

4) Non c’erano nemice pe’ la terra:
La pecora pasceva co’ ‘o lione
Co”o capretto,
se vedette
‘o liupardo pazzeá…
Ll’urzo e ‘o vetiello
e, co’ lo lupo, ‘mpace ‘o pecoriello.
La traduzione di Anna
QUANNO NASCIU LU FIGGHJU
Quannu nasciu lu figghju a Maria
Era notte e pareva menzatia
Mai li stelle furunu belle
Mai si viternu taccussi
La chiù lucente
Sciu a chiamà li Maggi
Ti l’Uriente

No stavunu nimici sobbr’alla terra
La pecora mangiava  cu  lu lione

Cu  l’agnellu si viteva
Lu liupardu  ruzzulà
L’orso e lu torello
Lu lupu ’mpace stava cu l’agnello…
Si ddiscitaruno tutti l’acieddi
Cantannu ti nna forma totta nova
Li passarieddi
piccinni piccinni
Zumpettannu
di qua e ddi ddà
E’ NATO!  E’ NATO!
Sia benedetto Ddio
Ca n’ha criato!

 

 

 

Sant’Alfonso:

 

“Co’ tutto ch’era vierno, Ninno bello,
nascettero a migliara rose e sciure…
Pe’ nsi’ ‘o ffieno,
sicco e tuosto,
ca fuje puosto sott’a te,
se ‘nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette…”

 

Anna

 

Cu tuttu ca era ‘nviernu
O Ninno bello
Fiurirunu a migghjara
Rose e fiuri
Puru lu fienu
Ca era tuestu
Vistu ca stava sott’a Te
S’intinnirìu
E ti nna fronna ti rosa si vistìu.

 

Sant’Alfonso:
“A no paese che se chiamma Ngadde,
sciurettero le vvigne e ascette ll’uva.
Ninno mio
sapuretiello,
rappusciello d’uva si’ tu…
ca, tutt’ammore,
faje doce ‘a vocca e po’ ‘mbriache ‘e core!!”

 

 

Anna:

A nnu paìsu ca si chiamava ‘Ngaddi
Minarunu li vigni e assìu l’ua.
Figghju beddu
Sapuritieddu
Raciuppieddu d’ua sì Tu!
Cu tant’amori
Ddulcisci prima la vocca e po’ lu core.

“Rosa bellissima dei campi di Engaddi
che di tua modestia innamorasti il Tuo Fattore
sicché non disdegnò di farsi tua fattura….”

È dolcissima questa digressione che mi riporta all’antica preghiera mariana recitata durante il mese di maggio.
Ma in quel lontano paese della Palestina Il santo poeta e musicista
fa fiorire le vigne innanzi tempo,
simboleggia il Ninno divino a quel “rappusciello d’uva sapuretiello,”
dinanzi al quale il fieno” sicco e tuosto,
ca fuje puosto sott’a te,
se ‘nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette.”
Quanti prodigi d’amore si verificarono la notte santa!
Quanto desiderio di pace si fece urgenza irrimandabile nei cuori degli uomini.

Sant’Alfonso infatti descrive con magistrali tratti, l’ansia dei pastori
d’arrivare presto alla grotta, per adorare “  stu Ninno Dio!…
“Sbatteva ‘o core ‘mpietto a sti Pasture
e ll’uno po’ deceva ‘nfacci’a ll’ato:
– Ché tardammo?
priesto, jammo
ca mme sento ascevolí
pe’ lo golío
ca tengo de vedé stu Ninno Dio!…”

 

 

 

Poesia visiva che non ha bisogno di traduzione letterale, il coinvolgimento emozionale è tale che fa sorvolare su quei fonemi intraducibili che pure si fanno preghiera, si vestono di musica e si tramutano in stupore, sì che il cuore nostro come quello dei pastori” pe’ la prejezza, se sonnava pace e contentezza…393947_272702176113111_108845529165444_721602_2000829054_n1

Concerto di Natale

parrocchia

The Show must go on!!!!

Le albe ed i tramonti di A. Marinelli

42838547_10215024180531022_6092427486086299648_n

78302075_10219707825797010_1896546279605927936_o

 

“Le albe e i tramonti” di Anna Marinelli

Trasmissione radiofonica intitolata “Incontro con l’Autore” di sabato 23 Novembre 2019

presso gli studi di Radio Puglia stereo, emittente radiofonica di San Giorgio Jonico.

 

 

“Poesie colme di foglie di porpora e oro” ha definito Anna la sua produzione poetica. E recensione più bella non poteva esserci. Tanti hanno scritto dei suoi versi, ma questa sua è la connotazione sintetica, sincera dei suoi sentimenti trascritti in poesia.

Mi sono sempre soffermato sulle stupende metafore e sulle altrettanto stupende personificazioni della natura che lei è capace di creare. E non potevo fare altrimenti su queste perle inserite nella sua ultima collana che impreziosisce la sua anima, “mai sazia di Bellezza”, e sensibilizza quella di chi ha avuto il privilegio di riceverla in dono, come il sottoscritto.

Mi chiedo, allora, quale profumo emanino queste foglie. Senza dubbio, si sprigiona da esse l’odore dell’amore per la vita. Versi pregni di gioia di vivere, sia pure attraverso I sogni. Sì, perché sognare è vivere. Guai se smettessimo di farlo: la nostra vita sarebbe arida, piatta, senza mordente; una vita alimentata dalla stanca routine quotidiana senza la consapevolezza che i sogni

“……………………………………..………….

sono fragranze di odorose essenze

…………………………………………………

Sono briciole di pane e di sospiri

che nutrono di rose

il desco della vita”;

sono la consapevolezza che

 

“L’alba spegne

la lampada della notte

con alito soave”.

Immagini bellissime che renderebbero sensibile anche un animo freddo, offrendo un briciolo di ottimismo a chi la vita appare uggiosa, senza la speranza di assistere “al miracolo della Luce”, e incapace di vedere nel cielo quel

“……lontano aquilone, che si libra leggero

sugli affanni delle ore”.

Tale è l’alba della nostra Anna

“……magma che sboccia dal seno della notte

e infiamma l’orizzonte lontano

pare che lambisca il tuo cuore

avvolto ancora dalla bruma dei sogni”.

Alba e sogni sembrano viaggiare all’unisono. E la vita sorride, dice Anna,

“…….quando raccogliamo spighe di luce

per donarle a chi ha fame di gesti

e parole d’amore”.

Spiccato il suo senso della solidarietà, del donare agli altri; alto il suo senso dell’amore verso il prossimo. Si spiega, in tal modo, la sua disponibilità, il suo volontariato presso la Charitas sangiorgese.

“Amore, Patria, Bellezza, Poesia” sono per il Foscolo le illusioni che danno forza, energia alla nostra esistenza. Io mi permetto di inserirvi anche i sogni. Sono, allora, illusioni? Sì, quando non diventano realtà. E anche quando ci deludono, resta sempre la speranza di vederli realizzati.

“La speranza del giorno

s’indora come il grano

che pur consapevole di falce

vagheggia pane”.

Pane come alimento non solo materiale, ma anche spirituale. E la falce è sinonimo di difficoltà, problemi, ansie, preoccupazioni della vita. Il timore, cioé, di non farcela. Ma l’alba è sempre lì che

“si svincola

dai tentacoli della notte

……………….

Inneggia tra rosati pentagrammi

la sua vittoria”

e sarà anche capace di dare spiegazioni agli interrogativi della nostra Anna quando

“sterpaglie di parole

pungenti”

vanno a “ferire” i suoi occhi gonfi di lacrime.

E se la vita è un alternarsi di moment lieti e tristi, di gioie e dolori, ci si chiede se la nostra poetessa avverta la malinconia che di solito prende ciascuno di noi quando giunge

“……..l’ora che volge il disio

ai naviganti e ’ntenerisce il core”

dice Dante del tramonto che il compianto e tanto amato Pasquale Di Giacomo definisce “ ‘u ponere du sole” (il calar del sole).

Tramonto, allora, come metafora della vita che se ne va? No, perché

“col mento appoggiato al tramonto

mi imbevo di luce

e mescolo I colori della mia anima”

e poi ancora

“nel tramonto

rosso di sorpresa

m’improvviso

sirena

per tentarti”

sottolinea Anna, pronta ad

“affilare le mie armi

alla fiamma che arde dentro il petto”,

pronta, cioè, ad amare.

“Nello splendore del tramonto

mi appari radioso” dice.

Che dire ancora di questi versi? Parafrasandone uno, dico che “ sono sazio di Bellezza”! E Bellezza è il messaggio che da essi scaturisce: nutrirsi della loro ventata di ottimismo; affrontare la vita col sorriso sulle labbra; ricordarsi che la vita è breve solo se la sprechiamo; che “domani è un altro giorno”; che

“L’incanto che stasera vi è dato di contemplare

potrebbe domani non essere replicato”.

C’é qui la lezione oraziana del “Carpe diem” che, come ho sempre sottolineato, non è un vivere alla giornata, ma vivere intensamente ogni attimo della nostra esistenza.

E allora ci auguriamo che non sia mai sopita “quella fiamma” d’amore che “arde” dentro di noi e che, quando arriva la sera,

“Il buio può attendere

Il suo manto freddo non m’impaùra”.

Versi che, a mio avviso, sono la chiave di lettura di questa splendida raccolta.

Un’ultima considerazione: so, cara Anna, di peccare di presunzione nel ritenere di aver avuto ragione definendo la tua poesia “Un passerotto che si posa sul davanzale della finestra e ti invita ad amare la vita”.

 

Prof. Pasquale Carone

 

E pare d’oro

12274543_10207618264325529_2171121141965273230_n

12249813_10207618264565535_4642899194422582154_n

 

Estate di san Martino

Ed è venuto mattino,
un altro giorno ancora,
qui, in questo lembo di terra
baciata dal sole.
Persiste una magica estate
nel bel mezzo di Novembre.
L’unica cosa che mi duole è vedere
l’albero delle giuggiole ingiallire,
e pare d’oro, in mezzo ad un tripudio
di verde che resiste ad oltranza.
Il mio rettangolo di Eden
si srotola come preziosa pergamena,
alle mie carezze di sguardi da mane a sera.
Ed è venuto un nuovo mattino,
in questa fatata propaggine
dell’estate di san Martino…

La donna azzurra

donna azzurra

Conosco una donna che vive
nel folto di un incalzante silenzio,
accarezzando le palpebre del tempo,
spingendo lo sguardo verso il sole:vede i millenni scorrere ai suoi piedi
come un fiume di uomini e parole.

attraversa secoli alberati
con le scarpe bianche di solitudine,
condivide i sonni delle colline
masticando pane di trincee.

ogni sera, discorrendo
con le ceneri dei suoi sogni,
spinge la mente oltre la luna
e con sguardo di sagittario trafigge
il limitare di un cielo addormentato.

di quanto pane, di quanto pane ancora
si dovrà privare
per raggiungere l’altezza delle stelle
rifuggendo il vuoto di abitudini?

quanto mare,
quanto mare dovrà ancora svuotare,
col cavo delle sue mani,
per giungere alla pace degli abissi?

ogni notte, quando il pensiero
del sonno l’impaùra
come un ronzio d’alveari immobili,
chiude a chiave la sua mente
paventando la comparsa della morte,
a depredare ricchezze di ricordi

nella notte silenziosa qualche volta sogna.
sogna d’essere musica negli atri del cielo
a consolare il pianto dei tramonti.

ascolta, cupo silenzio dei monti:
un giorno lei scriverà una canzone,
la riverserà sui popoli senza prospettive.

sarà come la manna del deserto.
sarà acqua di nuvola sottile.

Visite

sempre più internazionale-2019-11-07.JPG

Amici, sono orgogliosa di documentarvi che il mio blog Saporidelsalento

è sempre più Internazionale, ma ché dico, Mondiale!!!