Archivio | maggio 2012

Controra

 

 

“Controra”, magica parola che sprigiona memorie

e fa rivivere i meriggi assolati della mia adolescenza

svanita come il volo di un concorde, di cui solo il rombo persiste;

memorie roventi che gli affanni quotidiani non disperdono.

Controra: “Si dorme, bambine!”

E l’enunciato materno a me suonava come una preghiera, noi con il respiro sospeso nella stanza,

fissavamo le imposte, rese incandescenti dal calore.

Controra, magica parola che ritorna, oggi come ieri, a parlarmi di tempi felici,

carichi di teneri ricordi che paiono carezze al mio cuore,oggi  forse un po’ indurito.

Controra, magica parola.

Le fave da sbucciare e l’umile sonoro lavoro materno.

Le fave… potente ricordo che mi giunge,

frammisto a un sapore irripetibile.

Il desco serale arredato con i piatti di ceramica

della vicina Grottaglie, col galletto centrale

decorato a mano:

“Chi lo scopre per prima sarà più fortunata”

diceva mia madre per incitarci a mangiare,

quando tutti intingevano il pane nel piatto grande,

quel pane che sapeva di grano e di fortuna.

Controra, magica parola, e solari silenzi di allora,

frantumati dai carri che tornavano dai campi,

col contadino quasi sempre appisolato.

Il cavallo conosceva la strada… l’automobile no!

 

Controra, magica parola, e affioranti ricordi

di calzine corte e pudici rossori sulle guance innocenti:

“ le treccine oggi non le voglio fare” e già la donna faceva capolino.

 

Controra. “Si dorme bambine!” e noi a programmarci il futuro

scrivendo appunti su foglie di pannocchie,

custodite dentro il materasso.

“E’ pomeriggio bambini, vorrei che riposaste!”

 

Mi scopro a dire le cose di mia madre.

Pasta cu li cozze

Quannu n’acchjamu scennu a Tarantu, capita, certe vote, ca, ci ete ti giurnu, ni firmamu sobbr’alla strata di lu ritornu pi catta’ li cozze.

Basciu alla Vianova ste nu negozio ca si chiama “La bicicletta” addò si venne pesce, cozze, òstreche, cozze pelose, cozze agnavuli, e tanta otre cose di mare…

Maritima sape ca io sontu cannaruta ti quiri cose, si ferma vulintieri, pi catta’ do cozze, o cu li facimu ‘ntr’alla spasa o cu li facimu cu la pasta.

Ste na dicerìa qua, alla zona ti Tarantu, ca dice ca li cozze vonu buene quannu sontu li misi senza la erre!

A Maggiu, a Giugnu, a Agostu, ca nonci tènunu la erre li cozze vonu sckuffulannu e si ponnu priparà tanta ti quiri minestre ca sontu la fine del mondo

Lu Campumillu

Mi fàcinu ritre quiri femmene ti mò ca si facinu lu campumillu ti intr’alli bbustini!

Iu mi ricordu come ci lu tengu ancora ntr’alli uecchi mia lu campumillu ca ni purtava ttànima ti campagna…

Saveva spittà quann’era lu tiempu ggiustu, tineva totta quera pacenzia, e lu viteva mmaturà sott’alli uecchi sua! Si puteva ccoggh’re sulu dopu l’Ascensione. Quera sciurnata era comu nnu ‘nsegnale canusciùtu  e rispittatu ti tutti lu cuntatini.

Po’, nnu bellu ggiurnu, si ni vinèva cu nnu mazzu ti campumillu gruessu comu nna fascina ti saramienti e diceva a mama: “bè, mò  no llu fa pérdere!”

Jddu sapeva quantu valeva.

Quiru ggiurnu no ssi puteva trasè intr’a  casa, ca l’ardòru ti lu campumillu ti pigghjava la capu pi comu era forte.

Po’ tuccava a mama lu compitu ti fa li mazzettini ti campumillu, tutti ti nna suzzàma, li ttaccava cu nnu zzìppru di fioru stesso nnu picca cchju luengu e li mitteva sobbr’allu cannizzu allu sole, sobbr’alla lammia  pi doi tre sittimani, e li traseva e l’asseva tutti li santi giurni!

Ce pacénzia ca tinevnu li femmne tannu!

Cime di rape in crosta

Prima che si esaurisca la lunga stagione delle cime di rape, almeno una volta all’anno, preparo le gustose cime di rape con salsiccia, in crosta di pane.

Impasto meno di mezzo kilo di farina con il lievito, acqua tiepida e qualche cucchiaio di olio d’oliva, e la lascio lievitare qualche ora.

Intanto lavo  e stufo le cime di rape con alcune foglie di alloro e una cipolla affettata grossolanamente.

Soffriggo  leggermente alcune salsicce di maiale, e con questi importanti ingredienti farcisco la pasta lievitata.

Questa la lavoro qualche minuto, ma non troppo, per lasciarle una ruvidezza esteriore come si evince dalla foto che vi allego.

Forate la superficie della pasta con una forchetta per favorire sia la cottura della pasta all’interno che agli ingredienti con cui l’avere farcita.

Lasciatela nel forno caldissimo almeno un’ora, non abbiate fretta. Sarà la doratura esterna della crosta di pane che vi suggerirà il momento giusto

perché la possiate finalmente sfornare e gustare.

Image

Li pagghjotte

Mo ete lu tiempu loro! Lu tiempu ti li pagghjotte.

Sontu la salvezza mea, specialmente versu menzatìa quannu mi pigghja lu spilamientu ti lu stòmmucu e mi mengu comu na dispiràta sobbra a qualunque cosa acchju ti nante.

Quannu  zèccunu a sse’ li pagghjotte trovu la pace mea!

Li tengu sempre pronte intr’allu frigorifero, pulizzate e tagghjate a fedde, taccussì quannu pigghju fame vo’ e mi ni manciu nu paru ti fedde. So frischi e sapuriti, nonci mi fàcinu ‘ngrassa’ e pigghju pi fessa lu stòmmucu nu paru t’ore!

Ah, biatu a ci l’ha  ‘nvintàtu, li pagghjotte!

Lu fucazzieddu

Alli tiempi ti mo si mànciunu li pizzelle ci no na sera all’otra. Prima invece, quannu li mamme nuestre, nu paru ti volte lu mese, putèvunu fa lu fucazzieddu era na festa, specialmente pi li piccinni.

Sulu ca  ci la mamma mitteva la cipodda intr’allu fucazzieddu nuie turcemmu li musi, piccè la cipodda nonci ni piaceva.

Mi ricordu ca mama purtava la spasa ti lu fucazzieddu allu furnu ti Stella, sobbr’alli Castriote… si purtava la matina e si sce pigghjava a menzatìa, giustu pi quannu  assemmu ti la skola.

Quannu trasèmmu intr’a casa già ti l’ardoru ca si sinteva ‘nduvinammu ca quiru giurnu la mamma era fattu lu fucazzieddu, e ni binchiammu sulu cu l’ardoro!

Ci po’ stàvunu puru l’alie nere, mittemmu abbatu cu no cazzammu li nuzzili, ci no si ni saltàvunu nu paru ti tienti!!!

 

 

Bianchetto

Ave ca lu sceva circannu!

Osci finalmente l’agghju ‘cchjatu e mi l’agghju ‘ccattatu puru ca custava nu uecchj ti ‘nfacci!

Ce ete? Lu Bianchettu! quiru ca na vota si manciava quann’era quaresima e si ‘vvicinava la Pasca.

Mi l’agghju cucinatu comu lu faceva mama! Intr’alla spasa, allu furnu, racanatu comu si facinu li cozze!

E ci è ca no lu sapi cucina’!

Na rizzetta chju facile ti questa nonci ste e piatti prillibati comu quistu nonci ni stonu assaje!

Si lava lu banchettu intr’allu scolapasta, cinò quiru si n’esse tuttu ti intra alli buchi!!!!

Si lava doi tre voti e si mette intr’alla spasa, po si mette n’ardoru ti pepe, lu putrisinu,

l’agghja tagghjata piccenna piccenna, nu uevu sbattutu cu lu furmaggiu e la muddica ti lu pane e si ‘mmescka

tutti cosi… si mette l’ogliu, picca picca ti sale e si nforna pi na bona menz’ora!

Quannu zecca a scarfa’ la casa si ‘mprufuma come sia ca ste cucini nu pizzettu ti mare…

ti quiru ti na vota… quannu era azzurru e pulitu ca ni lu ‘nvidiavunu tutti!