Rotolo di carne al cuor di lattuga

21687511_10213588568979414_7271676500671245620_n.jpg

21687930_10213588569779434_6965900617436666133_n

21761950_10213588570259446_6952228021965243389_n.jpg

21762168_10213588570459451_2304042441200078784_n.jpg

21766350_10213588570699457_8944147045823759505_n

21766335_10213589314078041_6511687524936861949_n

22007918_10213589317158118_601456699236397472_n

 

Annunci

melanzane sott’olio

mlanzane

Scegliete delle melanzane di quelle con la corteccia bianca, la quantità che desiderate, asportatene la buccia con un coltello ben affilato e non dentellato. Preparate intanto i vasetti di vetro ben puliti e asciutti.Tagliate le melanzane a fettine sottili e disponetele nel fondo del vasetto dove avrete già messo un giro di sale grosso,

disponete le fettine e di volta in volta metteteci il sale.

Fino a riempire il vaso.

sull’ultimo strato delle melanzane metteteci una tazza capovolta, un bicchiere di jogurt vuoto, insomma qualcosa che facendo contrasto con il tappo, spinga le melanzane e le faccia schiacciare.

Dopo qualche ora vedrete già che si inizia a vedere il liquido delle melanzane, che, misto al sale produce un prodotto che si chiama volgarmente salamoia.

L’indomani capovolgete il vaso di vetro, pressando con il pugno o con qualche altro arnese da cucina per favorire la fuoriuscita del liquido. Cercate di fare del vostro meglio, abbiate pazienza. Quando credete che il risultato ottenuto sia discreto versateci dell’aceto bianco fino a coprire lo strato superiore delle melanzane.

Lasciatele così fino al mattino seguente.

Io non le ho mai uscite dal vasetto di vetro, in tal modo non prendono aria e non si scuriscono.

Spremete bene fino a far uscire l’ultima goccia di aceto e coprite con olio extra vergine d’oliva, disponete delle fettine di aglio e delle foglioline di menta e attendete qualche giorno prima di consumarle.

Peperoni in salamoia

21557830_10213542323903316_65469528918100628_n.jpg

 

La ricetta si può fare anche con tutti i tipi di peperoni. Si lavano. Si toglie il picciuolo e i semi. Si dispongono nel vaso di vetro e uno strato alla volta si sparge il sale grosso sui peperoni. Completata l’operazione si tengono sotto salamoia per un mese almeno. dopo se ne prende la quantità desiderata…si lavano alcune volte e si condiscono con l’olio crudo. Ottimi se misti alle normali insalate.

Racemi d’anima

racemi2

 

Vengo da te, di notte

come una ladra dal passo felpato,

vengo alle tue vigne di nuvole e rondini…

Passo da  te di notte

nel dormiveglia della città.

Aggrappata all’areopago della luna di Ottobre.

Quella sempre gravida di luce e follia

Quella pagnotta di luce e sogni.

Vengo da te di giorno

quando le meridiane sonnecchiano

d’intonaco e rose.

Vengo da te. Furtiva!

A spigolare acini di uvaspina, a rubarti…

racemi d’anima…

Confettura di uva Red Globe e uva Italia

21433264_10213521945153860_3085551601235991305_n21742942_10213521945873878_5315812627445439696_n

Come trascorrere il lungo pomeriggio di un sabato settembrino? Ma facendo marmellate e confetture, con tutta la favolosa Uva che abbonda nelle nostre terre!

Confettura di uva Red Globe e uva Italia,

 

INGREDIENTI

1 kg di uva

1 mela matura

Mezzo limone

300 gr di zucchero (facoltativo)

PREPARAZIONE

– Lavate accuratamente i grappoli d’uva, privateli del raspo e separate gli acini.

– Dividete gli acini a metà e togliete i semi lasciando però la buccia che darà alla marmellata una consistenza e un gusto più ricco e rotondo.

– Sbucciate la mela e tagliatela in pezzetti piccoli

– Spremete il succo del limone e pesate lo zucchero in una ciotolina.

– Mettete tutti gli ingredienti in una pentola e fate sobbollire a fuoco dolce per circa un’ora girando con un cucchiaio di legno di tanto in tanto.

– Trascorsa un’ora, controllate la consistenza della marmellata: dovrà risultare densa e corposa.

– Conservate la marmellata negli appositi barattoli di vetro con chiusura ermetica.

Se ne avanza una parte, dopo aver riempito i vasetti, fatene un vasetto più piccolo, magari, e regalatelo all’amica del cuore. La farete felice

Red Globe

21729681_1417373238361365_1958156408_oUva_Red_Globe.jpg

Red Globe

La Red Globe è una delle uve da tavola più diffuse e presenti nei banchi dei supermercati e dell’ortofrutta per la sua capacità di resistere bene ai lunghi trasporti ed alla conservazione. La vite è molto vigorosa, produttiva e necessita di notevole attenzione in fase di sviluppo ed allevamento. La maturazione è tardiva.

 

Ma la notizia più importante per me è stata quella d’aver scoperto che la Red Globe è a scarso contenuto di zucchero, quindi può essere consumata anche da soggetti diabetici.

Se ne può avere la disponibilità da Settembre – Ottobre – Novembre – e persino a Dicembre da gustarne qualche racemo sotto il vischio.

I nostri coltivatori hanno appreso da qualche decennio il segreto di ricoprire con teli resistenti i vigneti contenenti queste meravigliose cultivar, affinchè troppa pioggia non faccia marcire i grappoli, il vento non la sciupi, ed il sole continui a fare e a compiere il suo prodigio mestiere. Ho vaghi ricordi di un mediatore, un certo Raimondo Stella, il quale conosceva tutti i poderi, tutti i vigneti di uva da tavola, e valutando la bontà del prodotto faceva da “mediatore” appunto fra i compratori che venivano da altre regioni e il coltivatore. Erano necessarie pacifiche trattative affinché il coltivatore godesse di un onesto guadagno, a coronamento di un anno intero di duro lavoro.

L’indomani si “Tagliava” di buon mattino; le donne arrivavano nel vigneto bardate di tutto punto, coperte a più strati. Poco più tardi, il sole si sarebbe rivelato quell’astro infuocato che tutti conosciamo, mentre di primo mattino si dovevano riparare dalla brina notturna, che adornava i pampini e i grappoli, come schegge di freddi diamanti.

 

 

Negramaro

1b-vendemmia-grottaglie-anni-50.jpg

vendemmia-anni-50-grottaglie

NEGRAMARO

Echi di voci
valicano distanze.
Arabeschi di luce
filtrano tra  i pampini
porpora e oro.

Finita  è la vendemmia.

Le donne si avviano
nella luce violenta
dell’acceso tramonto
odorose di mosto e di sudore.

Recano sulle loro labbra
il grappolo di negramaro
sfuggito alle cesoie,
le loro mani a conca
il calice più ambito dagli dei,

Feritoie azzurre i loro sguardi
rivelano al cacciatore
il cielo del fagiano e della rondine.

Impazienti,
con gesti appresi da antica pedagogia,
liberano il sartiame di capelli
ristretto in prigionie di ruvido cotone.

– stendardo femminino-
a catturare desideri.