Archivio | ottobre 2012

RUSARIA LA CAFFETTERA

Misurieddi fotografati presso “Il Museo della civiltà contadina” in San Giorgio Jonico

Oscj vi vogghju parlu ti na cristiana ca tanta tiempu fa faceva nu mistiere stranu.

Vinneva la purga e lu cafè.

No rititi ca mo vi spiegu megghju.

Questa signora tineva la licenza cu faceva ‘stu mistiere.

Era comu sia ca tineva lu bar, piccè addo edda si sce facèvunu na tazza di uergiu, si sce pigghjavunu lu chininu pi la malaria, e allu bisuegnu si sce pigghjavunu n’onza ti purga.

Rusaria la caffettera era essere assai brava cu faceva ‘sta attività; scarfava l’oglio ti ricinu, lu ccunzava cu lu cafè, ruzzulava buenu buenu e lu faceva bèvere.
Po’ li tava nnu picca ti cafè ti uergiu a parte cu si facévunu la vocca.

M’onu tittu ca pi stu mistiere Rusaria la caffettera tineva totta na serie ti misurini di rama, ti menz’onza, ti nn’onza, ti nn’onza e menza, ti do onze…

M’ha dittu Chiarina ca tanta ti vote ha sciutu addò Rusaria cu li circava nnu picca ti posa ti cafè cu faceva lliva’ lu spilu alli piccinni.

Edda la tava sempre, piccè era ggentile e bbona ti core!
Po’, alla morte sova, la licenza passò alla sore Minichella ca s’ apriu intr’a San Giorgi (dopu quiru ti Aristodemo) lu primu bar cu la macchinetta espressa, lu rusolliu e li gilati.

La torta di cartone


Forse le nuove generazioni stenteranno a credere quanto oggi vi racconterò. Vi racconterò delle torte di compleanno di cartone che il rinomato fotografo Perrini metteva a disposizione del suoi clienti, quando si recavano nel suo Studio situato in Via Lecce, per fare una foto ricordo del Primo compleanno. Non tutte le famiglie possedevano una macchina fotografica e non tutte le mamme potevano permettersi di fare la torta di compleanno.
Si andava da Perrini (o da Scarciglia, i due fotografi del paese,) e lui subito apparecchiava una scenografia di tutto rispetto, et voilà, una candela, due candele, tre candele …e magari anche una bottiglia di …amaro!

ma quanta dolcezza…consegnava ai posteri con le sue straordinarie fotografie.

Buona Domenica

Vige ancora nelle famiglie di Taranto e provincia, concludere il pranzo della domenica con un bel vassoio di pasticceria fresca. Le pasticcerie e i bar ne sono fornitissimi, credo che negli ultimi anni si siano perfezionati talmente che sarebbe giusto decorarli con qualche riconoscimento speciale.

Ho ancora nello sguardo le favolose millefoglie del più famoso Bar di Taranto, il glorioso bar LaSem,dove si riversava la crème de la crème della Città. Quante volte mio padre portava a casa come un vero trofeo, un vassoio di cannoli con la ricotta e di millefoglie che non avevano nulla da invidiare ai cannoli siciliani.

Per questa Domenica vi posto un vassoio di paste fresche “Mignon” del bar De Marco, nella centralissima Piazza di San Giorgio Jonico, uno dei più quotati e frequentati per i suoi genuini e squisiti dolcetti, indispensabili a chiudere in bellezza una tranquilla domenica di Paese.

la lacrima ti màma

Mi ricordu sia ca era ieri, quannu facemmu la vinnegna a quiri 7 filari ti vigna era cchiù lu rrivuètu!
Ttanima traseva in crisi, piccè propria lu giurnu ca erma a vinnima’ si ni vineva a chiòvere!
Mi ricordu ca la prima vota ca vinìu maritima a tagghja’ nu paru ti crappe si tagghjò nu picca lu tiscitu e
quera fu la scusa pi no vinè mai chiù!
Nna vota ca po’ ermu vinnimatu, e strinceva li grappi intr’alla furata e minava lu mustu intr’alli capasuni, ‘ttanima no si curava cchiù né di tramuta’, ne di sorveglià come scèvunu li cose!
Jddu scè fatiàva all’arsenale di Tarantu, si ni sceva la matina prestu ca era ‘ncora scuru e turnava la sera alle seje. E tannu si manciava tutti quanti ermu.
Màma era tanta attiva e appena arrivava l’ùa ti campagna ni pigghjava quantu na patella e la spicciava ti strèncire cu li mani, lu sucu ca asseva lu mitteva intr’a nu buccacciu largu. Po’ lu ccucciava cu na mappina!
No vi dicu li muscaredde!!!
Però edda lu sce viteva tutti li giurni,quannu viteva ca la fermentazione era spicciatu lu passava e lu mitteva intr’a n’otru buccacciu. Po’ lu passava tutti li giurni, pi na dicina di giurni. Alla fine lu vacava intr’ alli buttiglie e mitteva la targhetta fatta cu nu fogliu ti quadernu. “ lacrima” vendemmia 1956…o 1960, insomma ti l’annu ca era fattu la lacrima.
Alli fiesti granni, come Pasca e Natale, màma asseva una ti quiri buttiglie e pi nuie era comu sia ca ni bivemmu lu megghju sciampagne!

Giochi di strada

Il maestro Cosimo Quaranta nel suo volume intitolato
“San Giorgio jonico e paesi di area tarantina” ci riporta alla memoria ben 30 giochi di strada… giochi infantili e giovanili in uso dagli anni 30/40. Alcuni di questi, i nostri genitori li ricordano perfettamente…ma la gran parte della gioventù… come pure i bambini, ritengo che non abbiano mai avuto modo di giocarli né, tantomeno, di vederli giocare…

Intanto ne elenco alcuni nella speranza di far rinverdire qualche ricordo nei miei assidui visitatori.

La livoria- Lu ruzzulu – La rozzila- lu zzummieddu – egnalafà (altalena) –La uerra francese- alla muta alla muta cinca parla è curnutu- alla posta Napule e Lecce- Briganti e carbinieri-
Scunni –scunnicola – a battiparete- allu lapiddu- a capu e lettre-
allu stacchju – alli runchjli- a mmarcacammra – a girigirisella-
a moscacieca- a pitruddi- alli 4 cantuni- a Manuè zzòzzò,la corsa intr’allu saccu e tanti altri ancora.

****
Ringrazio Mino per il suggerimento e per la bella immagine inviatami giorni fa.

la furata

Come una cercatrice d’oro vado raccogliendo, suoni, volti e sapori del passato.
Oggi sono lieta di presentarvi un suono cadenzato che tra pochissimi anni sarà solo un ricordo lontano…
Ditemi le vostre impressioni.

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 24, 2012, in varie. 2 commenti

la massa larga

Cari Amici, vi ricordate il post del grano di Lucia? No? allora potete cercarlo nell’apposita opzione sulla fascia laterale della Home page digitando : “Il grano di Lucia”

Qualche giorno fa Lucia mi ha telefonato dicendomi che aveva ancora una sorpresa per me e me la sono vista arrivare con tre vistosi sacchetti di carta. In uno vi era la semola di grano duro, nell’altro il cruschello. (vedi “cruesso” ovvero la farina integrale) e nell’altro la crusca, cioè quel residuo del grano ottenuto da vari setacciamenti del macinato e che nel passato si usava come pasto alle galline.

Ho accolto con grande gioia sia Lucia che i suoi originali e preziosi regali perchè hanno per me una valenza che oggigiorno è difficile saper valutare.

All’indomani, con pazienza e una certa difficoltà,( non sono pratica a fare la pasta fatta in casa) ho fatto una “làina ti massa larga”
e l’ho condita con un ottimo ragù di carne, purtroppo non documentata fotograficamente.

So comunque che i miei uomini di casa “s’onu fattu a rizzu”.

Nota: le nostre mamme segnavano con il taglio della mano o del coltello un segno di croce sulla pasta appena lavorata in quanto sia il pane che ogni prodotto della terra e del grano veniva considerato con una certa sacralità, oggi perduta e mai conosciuta, in quanto siamo abituati a buttare via il “Bene di Dio”!