Archivio | marzo 2012

Lu ‘NDRÒMMISI

Prima ce stava la polenta?

Allora pi fa’ na specie di polenta si faceva lu ‘ndròmmisi.

Si mitteva sobbr’allu fuecu na patella t’alluminiu,

cu l’acqua e na puzatedda ti sale.

Quannu l’acqua ziccava a spingula’, prima cu bulleva,

si minava a filu a filu la farina ti granu, a picca a picca,

cinò vineva còchili còchili

e li mariti priticàvunu quannu acchiàvunu li còchili.

Si girava sempre cu la cucchiara ti legnu pi no fa’ ‘ncudda’ lu ‘ndròmmisi alla patella.

Li uecchi spierti ti la cuoca si n’addunàvunu sùbbutu quannu s’era cuettu buenu.

Allora si mitteva la frizzarola cu l’olliu t’alia, ti quiru paisanu,

si faceva fa’ forte e po’ si mitteva na spica t’agghja.

Si faceva ‘rrussà l’agghja e po’ si minava ‘ntr’allu ‘ndròmmisi.

Si faceva ‘nsapuri’ nu picca e po’ si ministrava ‘ntra lu piattu riale.

Annunci

SARDE FRITTE E PUPIDDE

pescivendoli della San Giorgio che fu

pescivendoli della San Giorgio che fu

Quanti ti vuie sàpunu ca nna vota stava la “chiazzodda ti lu pesce” a San Giorgi?

Ormai no si lu ricorda nisciunu cchiu, eppuru nna vota, ‘ntra Via Isonzu,

quera strata ca ti la Chiesa Madre porta mmeru alla chiazza,

ti la vanna ti la farmacia Calò, ‘ntra quiru spiazzu ca ste ancora mo’,

si vinneva lu pesce.

Si vinneva pesce povero, pesce azzurro,

pesce ca ancora osci mi ricordu ccerti nomi, (pittoreschi e intraducibili!)

Cefli, sardi, alici, pupiddi, masculari, vope, cavùri, triglie, cuggiuni.

Agghju lettu l’otru ggiurnu sobbra a nnu giurnale,

ca lu pruverbiu “ a pupiddu, a pupiddu, ogni unu pensa pi jddu”

ni vene propia ti dda, ti lu pesce,

ti quannu si manciava tutti intr’allu stessu piattu e si minavunu

arranca arranca sobbra a nnu piattu di pesce frittu, pupiddi o sardi o alici…

Di tannu ha rimastu lu ditteriu “ a pupiddu a pupiddu ogni unu pensa pi jddu”!

PREFAZIONE del Dott. Michele Jacca

Nella vasta produzione letteraria sia in prosa sia, soprattutto ,in poesia della nostra concittadina Anna Marinelli, non poteva  certo mancare questo “Quaderno degli antichi sapori”, in vernacolo sangiorgese, che possiamo definire una vera e propria”leccornia storico-culturale”. E non è, poi, tanto difficile cogliere particolarmente  il significato del termine “leccornia” , in quanto, già leggendo le varie ricette, sentiamo il profumo  e pregustiamo  i sapori.

Per l’aspetto storico-culturale, invece, sappiamo bene da reminiscenze scolastiche che una delle fonti  della storia è la trasmissione orale di fatti, episodi, costumi e usanze e dal ricettario del  “Quaderno” traspare proprio “il modus vivendi” di una comunità  e di una civiltà., caratterizzate da contadini, operai e “artieri”  (Falegnami, calzolai, sarti, fornai, barbieri,”ferracavaddi”) e giornalieri (muratori,zappatori, innestatori, potatori ).

Un tempo, quando il mondo  di oggi, fatto di consumismo, di forni microonde, di frigoriferi, di lavastoviglie,  di congelatori , di cibi precotti era impensabile, la vita domestica era semplice,serena, silenziosa; ogni stagione aveva un suo profumo caratteristico: verso settembre-ottobre si sentiva odor di mosto provenire dai numerosi palmenti esistenti  e dalle cantine private,piene di capasoni colmi di mosto “….ma per le vie del  borgo/dal ribollir de’ tini/va l’aspro odor dei vini…..(G.Carducci); d’inverno, poi, per le strade si respirava“un acre odor di fumo” proveniente da i numerosi “ciminari” (fumaioli) di case e forni D’estate, infine, con le porte aperte, spesso  qualche comare si affacciava sull’uscio della porta accanto e, attratta da un profumo  intenso e irresistibile“….cummà Pì ‘, ce ste pripari ? “chiedeva “ Scto’  fazzu to piparuli alla sckakkiata!” si sentiva rispondere (vedi la ricetta).

Ecco! Anna ha “fotografato”, ha  “fermato”  sul suo” Quaderno” questi  momenti di vita paesana,questi “odori “, “questi  antichi sapori”  di vita domestica , consegnandoli  alla storia per le “le nuove e future generazioni”, come ella stessa ci dice nella presentazione. E bisogna  anche sottolineare  che, a nostro modesto parere,  la trascrizione delle ricette dall’orale al quaderno è stata fatta con la massima attenzione e fedeltà fonetica, grazie anche alla preziosa collaborazione di Fabio Pignatelli (figlio dell’autrice).

Vorremmo concludere precisando che il dialetto sangiorgese ha subito in passato, e continua a subire, numerose “varianti” e “modifiche”dovute a incroci linguistici per matrimoni  o immigrazioni dai paesi vicini.

Certo, c’è tanto ancora da scrivere sulle nostre tradizioni, sulle nostre usanze e sulle ricette stesse.

Siamo certi che Anna non si fermerà  perché  ella ama  il suo paese, la sua gente  e noi amiamo molto Anna e Le diciamo grazie con tutto il cuore per quanto ha fatto e continuerà a fare.

Michele Jacca

Il Piatto di copertina

 

 

Cari amici il libro delle ricette è finito..

In copertina metterò questo meraviglioso piatto di ceramica rappresentante un uccello tra il fogliame di alloro…

il piatto è del 1700 ed è famoso per essere stato usato da un brigante, e i suoi uomini.

Una sera  a casa di un” massaro” si udirono battere forti colpi al portone..impaurito

l’uomo andò sul terrazzo a vedere chi potesse essere …con sgomento vide una mezza dozzina di uomini a cavallo

che chiedevano di essere rifocillati….

Non potendosi sottrarre alla pressante richiesta diede ospitalità a questi uomini,

ben comprendendo che si trattassero di briganti…affettò una pezza di formaggio pecorino,

tagliò un paio di panetti di pane fresco..uscì alcune fiasche di vino e li offrì  loro.

Quando furono sazi e  ingraziarono il loro involontario ospite e andarono via…al pover’uomo

tremavano le gambe ed i polsi…

ma non gli fu tolto neppure un capello.

A distanza di qualche settimana..nottetempo

il  massaro  udì uno scalpiccio di cavalli sull’aia..

ancora una volta con sommo spavento andò a spiare per vedere di cosa si trattasse

Vide allora un giovane puledro legato all’anello di ferro che si trovava sul muro della casa…

era un regalo del brigante gentiluomo….

Quaderno degli antichi sapori

FINALITA’ DEL “QUADERNO”

 

Cosa non si farebbe per veder brillare un sorriso sul volto di un bambino meno fortunato di altri?

Cosa non si farebbe per vederlo gioire con i suoi genitori, magari insieme ad altri fratellini felici attorno ad una tavola imbandita o con qualche bel giocattolo in mano sognato da tempo o magari con un nuovo vestitino addosso… E sei poi noi cristiani sappiamo che “alla sera della vita saremo giudicati sull’amore”,  allora diventa di estrema importanza darsi da fare per inventare iniziative ed occasioni come queste per riscaldare il cuore di tutti a favore dei più poveri.

Ecco il motivo di questo semplice volume, concretizzazione di una mia idea suggerita un giorno alla carissima Anna Marinelli, sempre disponibile e generosa quando si tratta di fare del bene, magari arricchendo di preziose “bricciole di cultura” la nostra comunità cittadina.

Laboriosità, ricerca, puntualità ed ecco una singolare raccolta di ricette sangiorgesi a rischio di estinzione che sapientemente abbiamo intitolato      QUADERNO DEGLI ANTICHI SAPORI.

La pubblicazione raccoglie numerose ricette scritte rigorosamente in dialetto sangiorgese corredate da invitanti ed inequivocanti  immagini fotografiche che non solo si propone di essere memoria storica per conservare e tramandare frammenti di tradizione locale, ma come ho già detto, opportunità  per reperire risorse economiche a favore dei bambini e delle loro famiglie del Centro Accoglienza per minori della Caritas Santa Maria del Popolo.

Grazie di cuore ad Anna e a tutti coloro che generosamente hanno collaborato.

A tutti voi che acquisterete il volume grazie per la fiducia e… buon appetito!

 

Don Giuseppe Ancora

 

Catalogna cu lu pummitoru

 

 

‘Ccattate la catalogna quannu ete totta cimaredde cimaredde.

Pulizzatela bona, lavatela armenu tre o quattru vote e lissatela. No la faciti còcere assaje,

cacciatela quannu è ancora menza cruta e menza cotta. Faciti lu sucu cu la cipodda e lu pummitoru,

mittiti ‘na figghjazza ti vasinicola, mittiti nu picca ti sali e faciti insapuri’!

A ci vo’ po’ mettere puru nu picca ti tiavulicchju asckuante… e ce vi manciati!!!

Ah! La sumenta ti lu pummitoru no la scittate!

Zuppàviti na fedda di pane nu picca ‘ntustatu, o nu paru ti frisedde,

cu na chiapparina, na spica d’agghja, oglio e sale.

L’arienu, ci lu tiniti, appena appena n’ardoru…

Massa e cìciri

Puru ca nonci ernu assai ‘struiti, li nonni nuestri sapèvunu ca ci si manciàvunu li legumi

era comu ci si ernu manciatu nu piattu ti carne. Appusitìu si facèvunu la campata

ti li favi, ti li cìciri e ti li fasuli pi tuttu l’annu.Cumpa’, tannu si ‘ccattàvunu comu nu quintali ti fave l’annu!

Quattru, cincu voti la sittimana si manciàvunu fave e fogghje o fasuli o cìciri cu la massa.

Li pignati si purtàvunu allu furnu e si sce pigghjàvunu a menzatìa o la sera alla seconda cotta!

E ce vitivi, lu va e vieni ti li cristiani e ti li piccinni ca assèvunu ti lu furnu!

(Quannu erunu fave, finu ca arrivàvunu a casa loro, calannu cu lu tiscitu,

si manciàvunu totta la panna ti sobbra sobbra…)

La mamma intr’a quiru frattiempu era fattu na làina ti massa, bedda fina fina, e si mitteva ‘ntavula nu piattu

c’ardurava ti cientu migghje luntanu….