Archivi

Fontana di paese

11079642_420941098078688_9102941479590249327_n

 

A sera, quando si spegne

anche l’ultimo asterisco di luna

sorgono dai meandri della memoria

iconografie amiche.

Vestono abiti azzurri

e sonagli d’infanzia

tra le dita.

Nel sogno, rincorro una bimba

abbandonata tempo addietro

nello scroscio di una fontana di paese.

– Ludica moscacieca

di stagioni

che vendemmia uve

di rimpianti –

Lei nel sogno

si lascia afferrare,

ma…

come un cono di nebbia

mi si scioglie

tra le dita…

Annunci

Il Tempo della Rosa

stralcio rosa

il tempo della rosa

 

Il Tempo  della   Rosa

 

Orecchino di Swarovski

lo sguardo dei 50 anni più non riluce.

Infida e rapida l’età del mutamento

Insidia la stagione della giovinezza.

 

Detronizza la rosa

che nel giardino regnò

sopra ogni altro stelo.

 

Pur restando una rosa

già la foglia più esterna l’abbandona,

svenandosi di rorido humus

che la riveste di  tessuto damascato .

 

Difendendo l’eletta sudditanza

al suo interno i petali

l’uno all’altro abbracciati,

invocano alleanza di rugiada.

 

Restare uniti, questo è l’imperativo!

 

Che nessun petalo abbandoni

anzitempo la reggenza del calice!

 

Forse domani refrigerio di pioggia

potrà farla rivivere, invidiata.

 

Ma seppure giungesse

il temuto momento di sfiorire,

sul riarso terreno ricadere,

lascerà testimonianza di Regina,

per il suo Tempo

per il suo Potere.

 

 

 

Anna Marinelli    7 agosto  1995

La notte chiù biata

buon-natale-da-anna

La notte chjù biata

 

Ste dorme nu piccinnu ‘ntra la naca/

la mamma lu ste nazzica amorosa /

luntanu si ste sente na zampogna/

Li pasturi ston’a àvinu visiùni.

 

Mo si ni veni nu stuelu di angiulicchi/

cu l’ali bianchi bianchi sbattisciannu/

e Giseppu, ca nonc’è l’attane veru/

si ste dummanna “ce éte stu misteru“?

 

“Uè Marì, ma ce cosa è stu misteru,/

ti stu figghju ca ha vinutu ti lu cielu,/

stu piccinnu ch’è lu Dìu nuestru biatu/

ca lu cielu e la terra Iddu ha criatu./

 

Ca nu Re ste ‘nfassatu ‘ntra na crotta,/

cosa granne ha successu qua stanotte!”/

 

Mo si sèntunu l’àncili cantare/

“Questa notte è la notte chjù biata/

questa notte è na notte ti priscezza/

e pi vuje ha vinùtu la salvezza!”

 

Si scinocchia Maria la Furtunata/

si ricorda ca fu chiamata ti l’àncilu “Beata”/

e fu chiamata puru “Benedetta”/

ti la cuggina sova Elisabetta./

 

Po’ assìu na stella luminosa/

comu no s’era vistu maje a quistu munnu,/

comu no s’era vistu maje a quiri vienti/

e lluminò Bettelemme e puru l’Oriente.

Racemi d’anima

racemi

Vengo da te, di notte

come una ladra dal passo felpato,

vengo alle tue vigne di nuvole e rondini…

Passo da  te di notte

nel dormiveglia della città.

Aggrappata all’areopago della luna di Ottobre.

Quella sempre gravida di luce e follia

Quella pagnotta di luce e sogni.

Vengo da te di giorno

quando le meridiane sonnecchiano

d’intonaco e rose.

Vengo da te. Furtiva!

A spigolare acini di uvaspina, a rubarti…

racemi d’anima…

racemi2

Racemi d’anima

racemi2

 

Vengo da te, di notte

come una ladra dal passo felpato,

vengo alle tue vigne di nuvole e rondini…

Passo da  te di notte

nel dormiveglia della città.

Aggrappata all’areopago della luna di Ottobre.

Quella sempre gravida di luce e follia

Quella pagnotta di luce e sogni.

Vengo da te di giorno

quando le meridiane sonnecchiano

d’intonaco e rose.

Vengo da te. Furtiva!

A spigolare acini di uvaspina, a rubarti…

racemi d’anima…

nell’incavo del cielo

2007-11-01 CIELO ROSSO-cielorosso

Nell’Incavo del cielo

Ci coaguliamo
grumi di tempo e di spazio
nelle pianure sconfinate
dei deserti individuali
mentre vorremmo perire
alla deriva di un sogno
quello che ci vede mendicare
briciole di sorrisi
quel sogno aguzzino del vivere
quello che ci è culla e bara
quello che ci irride e seduce
quello che si beffa
delle nostre lacrime
e le tramuta in perle
e ci fa descrivere l’inesprimibile
intingendo pennini
nell’incavo del cielo.