Archivi

La notte chiù biata

buon-natale-da-anna

La notte chjù biata

 

Ste dorme nu piccinnu ‘ntra la naca/

la mamma lu ste nazzica amorosa /

luntanu si ste sente na zampogna/

Li pasturi ston’a àvinu visiùni.

 

Mo si ni veni nu stuelu di angiulicchi/

cu l’ali bianchi bianchi sbattisciannu/

e Giseppu, ca nonc’è l’attane veru/

si ste dummanna “ce éte stu misteru“?

 

“Uè Marì, ma ce cosa è stu misteru,/

ti stu figghju ca ha vinutu ti lu cielu,/

stu piccinnu ch’è lu Dìu nuestru biatu/

ca lu cielu e la terra Iddu ha criatu./

 

Ca nu Re ste ‘nfassatu ‘ntra na crotta,/

cosa granne ha successu qua stanotte!”/

 

Mo si sèntunu l’àncili cantare/

“Questa notte è la notte chjù biata/

questa notte è na notte ti priscezza/

e pi vuje ha vinùtu la salvezza!”

 

Si scinocchia Maria la Furtunata/

si ricorda ca fu chiamata ti l’àncilu “Beata”/

e fu chiamata puru “Benedetta”/

ti la cuggina sova Elisabetta./

 

Po’ assìu na stella luminosa/

comu no s’era vistu maje a quistu munnu,/

comu no s’era vistu maje a quiri vienti/

e lluminò Bettelemme e puru l’Oriente.

Annunci

Racemi d’anima

racemi

Vengo da te, di notte

come una ladra dal passo felpato,

vengo alle tue vigne di nuvole e rondini…

Passo da  te di notte

nel dormiveglia della città.

Aggrappata all’areopago della luna di Ottobre.

Quella sempre gravida di luce e follia

Quella pagnotta di luce e sogni.

Vengo da te di giorno

quando le meridiane sonnecchiano

d’intonaco e rose.

Vengo da te. Furtiva!

A spigolare acini di uvaspina, a rubarti…

racemi d’anima…

racemi2

Racemi d’anima

racemi2

 

Vengo da te, di notte

come una ladra dal passo felpato,

vengo alle tue vigne di nuvole e rondini…

Passo da  te di notte

nel dormiveglia della città.

Aggrappata all’areopago della luna di Ottobre.

Quella sempre gravida di luce e follia

Quella pagnotta di luce e sogni.

Vengo da te di giorno

quando le meridiane sonnecchiano

d’intonaco e rose.

Vengo da te. Furtiva!

A spigolare acini di uvaspina, a rubarti…

racemi d’anima…

nell’incavo del cielo

2007-11-01 CIELO ROSSO-cielorosso

Nell’Incavo del cielo

Ci coaguliamo
grumi di tempo e di spazio
nelle pianure sconfinate
dei deserti individuali
mentre vorremmo perire
alla deriva di un sogno
quello che ci vede mendicare
briciole di sorrisi
quel sogno aguzzino del vivere
quello che ci è culla e bara
quello che ci irride e seduce
quello che si beffa
delle nostre lacrime
e le tramuta in perle
e ci fa descrivere l’inesprimibile
intingendo pennini
nell’incavo del cielo.

 

Noi che lasciammo il sole

12512746_10209050405927662_1100281296099751847_n

 

 

 

Noi che lasciammo il sole

per garantirci il pane

ed un futuro meno greve d’incertezze;

noi che non conoscemmo altro sangue

se non quello dei grappoli maturi; altra carne

se non quella delle spighe ridenti;

che non conoscemmo altra terra se non quella dei padri:

noi ora siamo qui, sradicati come l’ulivo dalle zolle.

Noi che lasciammo il sole e le case imbiancate

per servire una patria senza connotati

se non quello dello “stivale” che ci impressero nella fanciullezza;

noi, ora, guardiamo senza vedere

le cime di questi monti ammantati di neve,

mentre laggiù ancora si vendemmia, cantando.

Noi che lasciammo il sole

e l’abbraccio materno

senza più avere per mano la valigia di cartone,

noi, con gli occhi abbagliati

di mandorli in fiore,

guardiamo con sgomento questa neve,

mentre laggiù

qualcuno sta essiccando i fichi al sole,

al caldo sole del profondo sud.

Paese mio

tramonto sul campanile copia

Paese

Come il salmista voglio cantarti il canto dell’emigrante che torna;

alzerò le mani, come il muezzin, verso le tue colline,

scenderò scalza verso le tue pianure di timo;

intingerò pennini in neri calamai di occhi;

verrò a vendemmiare grappoli nell’oro delle tue estati.

Paese mio, il tempo è maturato, le stagioni sono mutate,

ma la stella che mi dimora dentro è ancora lì,

ancorata ad un uncino di luna.

Voglio ricordarti negli inverni

avari di neve,

pensarti come un vecchio ricurvo,

intento a fondere rimpianti alle memorie

col rosso attizzatoio del camino.

Sono venuta nell’ora del vespro

a raccogliere inviti di campane,

quando suonano gioiose come un’agitarsi di ali,

quando espandono suoni di porpora e d’oro,

e paiono accarezzare le pieghe dell’anima.

Voglio cantarti,  nelle feste d’autunno,

quando sciami di ragazze srotolano arcobaleni di sguardi

per catturare perle di sorrisi.

Labbra di zafferano. Sorrisi di cannella.

Occhi che ammiccano alla vita

avvolta ancora tra sogno e incantamento.

Ti canterò nell’ora del tramonto, quando il secchio solare

s’immerge nel  pozzo delle tue acque azzurre,

si perde oltre gl’inarrivabili monti della Sila,

si adagia sotto la verde trapunta dei vigneti.

In quell’ora, ti sarò  vicino come si fa con un padre,

ti dirò dell’aratro e della zolla, della falce e del grano,

della cesoia che s’abbevera alla mano.

Ti  parrà di sentire una preghiera,

mentre s’incendia l’orizzonte nella sera.