Archivio | gennaio 2020

Madrina

E’ con grande gioia che questa sera mi accingerò a tenere a battesimo questa interessantissima Mostra Personale di un’Artista che conosco da oltre vent’anni..

84354387_2556386208017309_678755624774795264_o

 

L’Associazione Artistico Culturale “Lino Agnini” è lieta di invitarvi all’inaugurazione di una mostra personale di pittura dell’Artista Gallo Giuseppa Maria dal titolo:” MAGIA E TRASPARENZA DELL’ANIMA SULLA CARTA”.
Vi aspettiamo Venerdì 31 Gennaio 2020 alle ore 19.00 presso la nostra sede in Piazza San Giorgio,28 San Giorgio Jonico.
Vi ricordiamo che la mostra ad ingresso libero e visitabile tutti i giorni fino a Sabato 8 Febbraio.

Salmo 39

bimbo-nelle-fasce-2jpg1

“Leggimi un Salmo”

-disse mia madre-

con un fiotto di voce raggrumata.

Ed io, aprendo a caso l’immortale libro,

nel silenzio della stanza lo intonai:

 

“Ho sperato, ho sperato nel Signore,

ed Egli su di me si è chinato,

ha dato ascolto al mio grido”.

Una luce s’insinuò tra la pupilla e lo sguardo

di mia madre, e mansueta come agnella mi sorrise.

 

Ed io proseguendo.

“ Mi ha tratto dalla fossa della morte…”

e la voce onda alta diveniva,

e urlo non gridato, e ribellione per secoli sopita.

 

Si levò un coro,

come da bocche oppresse dal silenzio.

Raggiungeva tutti i morti dimenticati,

i vivi con un piede nella fossa.

Era un video, mia madre, ingigantito,

e proiettava le sue angosce sui miei giorni.

 

Di colpo sentii nelle mie vene

l’incolmabile ritardo della storia,

i suoi treni perduti, le sterili attese.

Sentii il passato e il presente

impossessarsi del mio Io ereditato,

quale gesto d’invasore che impone dittature.

 

Come bimbo cullato l’affanno si acquietava,

ed allentò, mia madre, la stretta della mano,

come chi ha smesso di temere.

 

Allora, solo allora, alla mia ansia concessi di apparire:

all’ansia degli occhi e della mano,

all’ansia del cuore e del domani,

all’ansia della vita e della morte.

 

Caduto, ormai lo schermo delle convenzioni,

mia madre mi appariva in tutta la sua statuaria fragilità.

Le sue fibre suonarono allora,

la tastiera infinita del dolore.

 

Nelle sue canne d’organo serbava il pianto

di tutti i bimbi abortiti dalla miseria,

 

tutti i giochi perduti dell’infanzia,

il sudore del pane proletario,

il suo tempo di carrube e d’innocenza.

 

Il pugno chiuso, ora impotente, ripongo.

Il pugno che sa del grano e della zolla.

del verde degli ulivi e i mandorleti.

Il pugno ammansito, ora ripongo

sul grembo delle attese e dei domani,

mentre il davidico salmo torna a consolare

come l’incontro dell’Angelo e Daniele.

 

“Mi hai messo sulla bocca

un canto nuovo”

 

Un canto di raccolti e di sereno,

un canto di vendemmie e fioriture.

 

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 21, 2020, in varie. 3 commenti

Ragnatela d’oro

12400527_10208011697001100_1133319072751993374_n

 

Ogni sera attendo
che ritorni.
L’attendo,
già pronto il bagaglio
per partire.
Insieme si potrà volare
oltre la linea latitante
del possibile.

Impazienze d’infanzia
ritrovo, e paure tra le scale
sempre in penombra,

Una siringa di luna
mi rivaluta l’ardire,
ora l’azzardo è reso verosimile.
Anche stasera l’attendo per partire,
ne scruto l’arrivo,
dietro un sipario setoso
che scosto
con l’indice eretto,
complice e cauto.

Un ultimo sguardo
sottratto alla soglia
della pazienza
s’imbeve di luce, già sento
il motivo del suo passo.
Dal mio sangue s’innalzano
stalagmiti,ideogrammi d’ansia letàre
che a stento trattengo.

Eccola, è lei!
la mia serotina stella.
S’avvicina, si affaccia
da una balaustra di nubi
e l’atteso segnale
m’invìa; mi avvio,
docile con lei
per il viaggio consueto,
trasgressivo.
Il gufo della notte
si appisola lontano.
Le ragnatele
hanno fili d’oro.

Mi piace di Lei

49815903_2130211133683755_2884459706250690560_n

MI PIACE DI LEI

Di lei solo il candore
prediligo,
non il gelido abbraccio
come morsa di ghiaccio.

Di lei ammiro
la caduta lieve
e silenziosa,
non il manto greve
che nel giardino
fa gelar la rosa.

Di lei mi piace l’attesa,
che giunge
col passo silente:
negli orti assopiti
più nessun ala si sente.

Di Lei mi piace lo stupore
che semina negli occhi
dei bimbi;
quel fiocco di bambacia che ogni cosa bacia.

Per la straordinaria nevicata
dell’8 marzo 1987.