Archivio tag | usanze salentine

Pettoleeee

frittelle natalizie pugliesi
forme strane, animaletti
un piccolo draghetto? o un dinosauro piccolino?

In Puglia e in tutto il Salento oggi si è svolto un rito che si perde nella notte dei tempi, Oggi si ricorda santa Cecilia, la sua è la prima festa che annuncia il Natale. Giorno consacrato alle pettole, tipiche frittelle di una semplicità assoluta, composte da farina, lievito, acqua e sale. Queste frittelle si friggono dopo un paio d’ore di lievitazione in abbondante olio d’oliva, tanto che devono galleggiare nell’olio, non si devono attaccare l’una con l’altra e si inzuppano nello zucchero ad ogni boccone.

Quelle fatte da me nel tardo pomeriggio ricordano tanto quelle di mia madre, lei non le faceva a palline come le fanno oggi, ma, prendendo una cucchiaiata di pasta la adagiava nell’olio allargandola… questa operazione si faceva per due motivi:

1) così facendo la pasta cuoceva bene anche dentro.

2) così facendo la pasta prendeva varie forme e i piccoli di divertivano ad individuare a chi somigliava quella o questa frittella.

Se osservate le mie frittelle potreste riconoscere un elefantino, un piccolo draghetto, ed una paperella alla quale, nella foto, ho tagliato la testa.

Ah! se riuscissimo a conservare ancora un po’ di quella meraviglia negli occhi dei bambini di oggi, come quella che ha allietato le nostre serate invernali accanto al braciere, senza televisori e senza cellulari!

Lu fierru da stiro cu li cravùni

lu fierru da stiro

Poviri nonni nuestri, quanta fatìa onu fattu!
No’ sulu erna a lavà sobbra allu stricatùru, ma po’ erna scè sobbra alla lammia pi spannè, e po’ pi li sce’ ccogghjere, e po’ l’erna a stirà!
Veramente nonci stiràvunu tutti cose!

Si mittèvunu li robbe nn’anti, sobbra na seggia e si li stiràvunu tutti cu li mani,
e po’ li piegàvunu, e li rripàvunu ntra lli tratùri!
Alli lenzuoli, tuesti come scuerpi, li tàvunu nna botta di fierru,
scarfatu cu lli cravùni, o cu la cravunèdda!.

Quannu la cravunèdda si ppannava ti cènnere, scèvunu allu uèrtu e vintulàvunu lu fierru, apiertu,
cu si ripigghjava la fiamma, e spiccia’, quantu prima quera fatia ti pacci!
No vi dicu quannu cateva qualche facidda di fuecu sobbr’alli rrobbe, cè succitèva!!!

il vecchio ferro da stiro

Amici, per la nostra cara Monica aggiungo l’immagine del vecchio ferro da stiro che usavano le nostre nonne!

E come lo usano le nostre mamme!
ricordo del passato