Archivio tag | usanze del sud.

Li sere ti ‘nviernu ‘nturnu alla fracera

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Li sere ti ‘nviernu totta la famiglia stava intr’a casa.
Li fémmene e li viecchi stavunu ‘nturnu alla fracèra, ogni tanta scarnisciàvunu lu fuecu e lu facévunu bbivéscere, e lu cavutu faceva fa li sazizzi alli jammi.
Pi furtuna ca ogni tanta si mitteva lu ssucapanni sobbra, pi ssucà li pannicieddi ti li piccinni, specie ci lu giurnu era chiuvùtu e li rrobbe nonci ssucàvunu.
Li piccinni cè tinevunu bisuegnu cu si scarfàvunu??
Ca quiri scévunu sempre a ner’a neru e nonci sintévunu mancu ci faceva càvutu o feceva friddu!
Li viecchi cuntàvunu storie ti la uerra, puru ca tutti li sapèvunu a memoria!
Li fémmene, ricamàvunu, o fatiàvunu alla maglia, si cuntàvunu quarche stuticarìa e ‘spettàvunu cu vineva lu suennu. Quannu li uecchi si facévunu papuddi papuddi, nturtigghjàvunu la fatia intr’a nu cuscinu vecchiu e si scè curcàvunu.

E la matina s’azàvunu prestu, ca lu pruverbiu dice: ci vuè futti la vicina, còrchiti prestu e òziti ti matina!

la piccenna ‘ntr’alla scannedda

la scannedda ti li ricchiAntico Box per custodire i bambini fasciati, risalente all'inizio del secolo scorso,

Nella prima foto è ritratto l’antico Box per custodire i bambini fasciati, risalente all’inizio del secolo scorso, esposto nella rassegna di artigianato e manufatti femminili, presso l’Associazione Lino Agnini di San Giorgio Jonico.
In seguito all’esposizione di questo CIMELIO ho riscoperto una filastrocca popolare in dialetto nella quale viene menzionato il suo nome. “la scannedda” .
Solo le famiglie abbienti potevano permettersi un simile oggetto,
munito anche di ruote consentendo alla madre di spostare il bambino da una stanza all’altra mentre sfaccendava.

Le famiglie povere intrattenevano il bambino strettamente fasciato, in una sedia capovolta, come si evince da questo documento fotografico di grande suggestione che ho rintracciato.

NINNA NANNA TI LA SCANNEDDA

Iessi, iessi soli
ca mammita ti voli
ti voli alla Scannedda
cu ti faci munachedda

Munachedda ti santa Chiara
Iessi ‘ntra lu uertu mia
Munachedda ti santu Roccu
Iessi iessi ca no ti toccu

Iessi, iessi soli
ca mammita ti voli
tè ccattatu lu scannitieddu
cu ti ssietti beddu beddu

E nnedda,e nnedda,e nnedda
si nni vola ti la scannedda
e la mamma la sicutava
prestu prestu l’arrivava!

*****
Per la filastrocca si ringrazia la Signora Crocifissa Stasi Rubino
per questa perla della tradizione orale salentina

li cuzzieddi (chiocciole)


(Foto mie)

Delle più pregiate Lumache con la panna bianca ho già parlato nel mio libro “Quaderno degli antichi sapori” oggi vi voglio parlare invece di un piatto esclusivamente estivo: Li cuzzieddi. Roba semplice, che i più disdegnano e dinanzi a cui storcono il naso. Usanze che vai, sapori che trovi, direi io!

Sono certa che noi del Sud inorridiremmo dinanzi ad un piatto di rane, eppure, chi le consuma asserisce che sono buone! Vedete, Paese che vai sapori che trovi.
Ora se ne vedono raramente: i raccoglitori che si mettevano con le ceste piene di chiocciole lungo i tratturi e le strade di campagna sono del tutto scomparsi.

Le chiocciole certo non sono proprio delle bistecche, e non si potevano portare a tavola tutti i giorni, erano considerate una scuscigghja, un passatempo che non riempie la pancia, ma prende per fesso lo stomaco.

I nostri padri, i nostri nonni, le andavano a raccogliere nelle Tagghjate, lontano dalle strade provinciali, dove i tubi di scappamento delle auto aggredivano e attentavano alla salubrità dell’aria e del terreno. Mio padre mi insegnò a distinguerle in “Cuzzieddi fimminili e cuzzieddi masculini” nella prima foto postata si più distinguere chiaramente una cuzzedda fimminile, lo si evince dal fatto che il suo guscio è chiaro e con le striature chiare, nella seconda foto invece, si può scorgere delle chiocciole con evidenti striature scure; quelle sono masculine.
Ne vediamo un bel grappolo aggrovigliato su un ramo secco,si tratta infatti di una foto estiva, mentre la prima è una fotografia scattata in primavera.

Lo si evince dalla presenza di papaveri e dal ramo superbamente verde. Le migliori chiocciole si raccoglievano sui rami secchi della pianta del carciofo: dal fusto carico di sostanze le chiocciole traevano nutrimento e ne veniva fuori una polpa saporitissima.

( se avete la pazienza di cliccare sull’immagine la vedrete ingrandita, sì da cogliere la differenza del guscio delle chiocciole)

Tutta colpa dell’aria inquinata, tutta colpa del benessere, tutta colpa del progresso se i nostri giovani e i nostri bambini non hanno mai avuto il piacere di gustare questo piatto semplice del passato, condito e improfumato di menta, aglio e aceto da far risuscitare i morti!

La bravura poi di “surchiare” e tirare fuori la cuzzedda dal suo guscio era una cosa a parte, da scrivere una pagina tutta da ridere…