Archivio tag | tradizioni del salento

Li friselline cu li mènnele

friselline con le mandorle

Intra quistu periodo no’ ste famiglia ca no ste faci li piscotti pi Natale!
Nu giurnu li savoiardi, nu giurnu la sannacchjutili e li carteddate, n’otru giurnu li friselline cu li mènnele e tanta otri cose bueni!

Li frisellini ca si fàcinu addo nuje sono megghju ti li cantuccini ca fàcinu alla Toscana.

Avogghja!

Quiri si ni prèsciunu ti li piscotti loru, ma nonci onu mai ‘ssaggiatu quiri ca facimu nuje!
Pi fa’ felice a Rosetta ca voli li rizzette ti li piscotti, agghju sciu’ fattu na visita a ziànima Popola, ca li frisellini comu li faci quera no li faci nisciunu.
Be! Mittiti muètu mo, cu venunu bueni puru a vuje!

———————————————-
Friselline con le mandorle

Ingredienti:
500 g. di mandorle tostate
1 kg. di zucchero
1 kg. di farina 00
4 uova
100 gr. di olio tiepido
La buccia di un’arancia grattugiata
Il succo di un’arancia
Un bicchierino da caffè di nocino (liquore)
Un cucchiaino di bicarbonato
2 bustine di lievito Pan degli Angeli
Un odorino di chiodi di garofano e cannella triturati finemente
Latte tiepido per impastare

Impastare la farina con lo zucchero, il bicarbonato, le uova, la buccia d’arancia grattugiata, le bustine di lievito, l’olio tiepido, il succo d’arancia… mescolare tutti gli ingredienti . Per far venire un impasto morbido impastare con il latte tiepido, deve essere un impasto che si attaccherà alle dita, ma non fa niente, posate accanto a voi sulla spianatoia un mucchietto di farina, con quella vi pulirete le mani…le mandorle tostate e leggermente triturate incorporatele alla fine. Prendete delle porzioni di pasta e arrotolatele nella farina, disponetele allargandole di 3 cm. nella teglia dove avrete disposto un foglio di carta da forno,( o sulla teglia imburrata e infarinata come si faceva una volta), posizionare tutte queste strisce, larghe 3 cm circa, poco più poco meno non ha importanza, e distanziatele tra di loro a causa della lievitazione che avverrà nel forno.
Accendete il forno a 200° e fate riscaldare.
Infornare posizionando le teglie né sopra sopra né sul fondo del forno ma ad una altezza “sospesa”. Appena le vedrete dorare e crescere ( dopo circa 15 minuti) , toglietele dal forno e ancora calde tagliate le friselline a strisce di sbieco, disponetele nella stessa teglia dalla parte interna della pasta e continuate la cottura ancora dieci minuti o anche meno, appena la loro doratura vi garberà potete sfornare.

Annunci

raccoglitrici di olive

DONNE, IL CUI VISO …

Donne, il cui viso ricorda antiche tele
chine sulla terra rossastra
riempiono il paniere dei frutti oleosi
che i miti ulivi
lasciano cadere.

Il vento di tramontana
che quasi spacca il viso
soffia sulla stroma
ed esse, chine sul loro bottino,
si accendono il cuore con un canto
una nenia, uno stornello
che pare pianto.

La lunga chioma
stretta in doppi serti
è trattenuta in ampi fazzoletti,
che catturano le briciole di un sole
novembrino.

Il volo degli uccelli
che anelano primavere lontane
fa levare al cielo lo sguardo
che in seguito si perde
dietro un sogno.

Il vento sussurra tra le foglie amiche
parole d’amore dapprima mai udite.
e un dardo di sole ferisce il cristallino sguardo
che incarna innocenze ereditate.

Sulla terra vermiglia, qualche antica conchiglia
emana echi millenari, ed esse le guardano stupite,
che son troppo poco erudite.

Il pane in una tasca e nell’altra il rosario
attendono, celando l’ansia
che l’ave Maria risuoni per l’aria.

E il disco solare, finalmente, discende
e si colora come purpurea gota
che un sorso di primitivo
sottrae alla ruga precoce
che in agguato, del volto
ne vorrebbe ghermire la bellezza

Anna Marinelli 8 marzo 1987

La mustarda

Quannu l’ùa si zzecca a mmalazza’, pi no la fa pèrdere, faciti nu paru ti buccacci ti marmellata.

Si àprunu l’acini a un’ a unu e si mettunu sobbr’allu furnueddu cu la fiamma vàscia vàscia!

Li primi minuti non stè bisuegnu cu ggirati l’ùa, faciti cunsuma’ prima nu picca ti quiru sucu ca esse!
pò, bisogna cu tiniti nu picca ti pacenzia, piccè aviti a sta’ dda vicinu e gira’ sempre cu no si ‘ncodda la marmellata sotta lu funnu ti la patella.

Quannu vititi ca sa ‘ddensatu bona bona, stutati la fiamma e facitila driffèddere.
Po’ mittitila intr’alli buccacci e ‘rripàtila pi fa li piscotti ti Natali.
vale la pena cu la faciti ssaggià alli piccinni sobbra a na fedda ti pane, piccè ete veramente bona!

No sacciu piccè all’ébbica ti mama, la marmellata ti ùa si chiamava “Mustarda”. E vui lu sapiti?

LU SANGUNAZZU


Mo’ no si ni faci chju certamente!

E’ assai difficile sce’ truva’ lu sangu ti lu majale appena scannatu!

E po’ ha statu puru pruibbitu cu si venne. Comunque questa ete na rizzetta difficile, ma ste ancora ci si ricorda ce sapore buenu tineva lu sangunazzu ti na vota.
Allora vitimu ci mi ricordu bona!

Si pigghjava lu sangu ti lu maiale appena scannatu, si sceva cu la patella ‘ddo lu vucciere e ti ni facivi ta’ quantu nu litru.
Quannu ‘rrivavi a casa mittivi la patella sobbra alla furnacetta, cu lu fuecu lientu e si mitteva intr’allu sangu trecientu grammi di zùccuru, na busta di cacau amaru, la cannella spriculata e na scorza ti limone crattata.
Si girava bellu bellu cu no si ‘ncuddava sotta e si faceva còciri fin’a quannu si quagghjava. Alla fine si metteva na puzatedda di mènnele ‘bbrustuliti e pisati fini fini ‘ntr’allu murtale.

Si mitteva lu ’mpastu ‘ntr’alla carta olliata e si ‘rrutulava comu nu salame. Po’ si mitteva ‘ntr’a na mappina e si faceva driféddere.
Po’ si tagghjava a fedde e si ni manciava nu picca e n’otru picca si ni tava comu cumplimentu alli cristiani ca vine’ facèvunu visita a casa, comu na vera prelibbatezza!

Ah! La fotografia l’agghju pigghjatu ti sobbra a internette!
lorenzocairoli.com