Archivio tag | Tagghjate

Le Mie Tagghjate

la tana della volpe1gola1la parete crivellatafossile. foto G.Carafa1sentinelle1scolo di ocre1verde ad oltranzaGrotta bianca G.Carafala grande golaa perenne memoria 1

cappero

Le Tagghjate sorgono alle pendici del Monte Belvedere, all’ingresso di San Giorgio Jonico,
sulla strada provinciale che da Taranto si dirige verso la cittadina di Pulsano.
Il Monte, intagliato dai cavamonti, fino agli anni 50/60, ha subìto una notevole trasformazione
che ha conferito al paesaggio una struttura caratteristica singolare e di grande fascino.
Da sempre soggetto privilegiato di artisti, di scrittori e poeti che ne hanno amorevolmente narrato le origini, ripercorrendone la storia, come anche le vicende umane di coloro i quali, con il sudore della fronte, hanno saputo imprimere alla pietra un’ architettura di indiscussa suggestività e bellezza.

Anna Marinelli

Lusinghiera recensione sulle mie tagghjate

retrocopertina

il mio libro sulle nostre cave tufacee

il mio libro sulle nostre cave tufacee

AMICI, RICEVO E PUBBLICO CON GIOIA UNA “RIFLESSIONE” SULLE TAGGHJATE, RICEVUTA DALL’AMICO FERRUCCIO GEMMELLARO CHE RINGRAZIO.

Cara Anna,
stamane ho voluto finalmente arrivare a sfogliare le ultime pagine dei testi su “Le tagghiate”.
Non conoscevo affatto tale ambiente di risuono magnificamente meridionalistico, grazie.
Nessuno me ne aveva parlato e non avevo letto nulla a riguardo ma non mi stupisco; prima di iniziare a digitare pagine sulla pulzella, avevo fatto molti sforzi per conoscere attraverso amici e conoscenti pugliesi, anche in loco, particolari sulle specchie che non fossero in veste turistica.
Ecco il valore degli scrittori che raccontano delle loro terre; non mi annoio nel ribadire che essi sono tessere di un grande mosaico culturale, il quale non può mai essere accordato senza la loro opera.
Mi piace replicare, da un mio intervento pubblico a Silea (Tv), in un convegno sulle piccole case editrici, che per un buon riordino è inesatto indicare autore locale chi tratta storia, argomenti e fatti, presenti e passati, delle proprie terre.
Scrittore si è ma senza l’attributo geografico connesso alla sua figura artistica; Manzoni, allora, dovrebbe essere ricordato quale autore locale. Lo scrittore ha poco o nulla del cronista locale.

Dopo Jesi, ho vissuto i primi anni sino olla prima media a Grottaglie, per non tornarvi più, salvo brevi approdi, oggi sempre più rari.
Eppure soni stati anni che nella mia esistenza avevano affollato il mio cerebrale di ricordi, come se avessi trascorso buona parte della vita. Reminiscenze di una moltitudine di zii, cugini, compagni, luoghi, giochi, maestri… il suo libro me li ha espiantati dal letargo cerebrale e posti prepotentenmente alla coscienza.
Qui le tagghiate e lì le grotte nella gravine di S. Biagio, di Riggio, del Fullonese. Qui come lì i residuati bellici e un compagno maciullato (ne ho scritto una pagina nell’opera prima L’acchiatura del ‘76). Qui i fichi cucchiati e lì le fiche maritate. Qui la parete crivellata e lì le granate sul vicino aeroporto ed io trascinato da mamma sotto i bombardamenti verso il ricovero, la mamma, e solo una mamma può farlo, che era venuta ad agguantarmi e salvarmi mentre giocavo nel giardino della zia a vista dell’aeroporto.
E poi, qui come lì, tradizioni, costume, santi e patrimonio linguistico… un bagaglio che mi è riaffiorato e ne sono ringiovanito.
La magia del comporre la scrittura, o la musa come si preferisce, compie i suoi miracoli; e qui per incantevole opera della brava Anna Marinelli.

Ferruccio Gemmellaro

il carrubo centenario

Vagnu’ ce vi ricurdate di comu sapevunu buene li Còrnele quannu stava la fame e assemmu ti la uerra? Pi nuje erunu comu cioccolatini, po’ s’ha dittu ca ernu bueni pi li puerci!!

Ieri n’agghju vistu n’arlu e m’ha zumpatu lu core ‘mpiettu!

Basciu alli tagghjate ni ste n’arlu ca tene quasi docient’anni, questa fotografia la feci doi tre anni fa, quannu scìu cu Giuvanni Carafa a fa na specie di pellegrinaggiu intr’a quiri petri ca parlunu ti sangu e sutore… e mo stonu ‘bbandunate e chjni ti munnezza!