Archivio tag | storia locale

La festa dell’Immacolata

532432_4822889940989_200126280_n[1]

CHIESA MARIA SS.MA IMMACOLATA
Edificata tra il 1891 ed il 1930, la Chiesa di Maria SS. dell’Immacolata Concezione, in pieno stile neoclassico, presenta l’ interno a tre navate e abside semicircolare.
La storia di questa Chiesa ha inizio nel 1859, quando il nobile benestante del posto, Luigi Biasco, con atto notarile, lasciava il suo patrimonio da destinarsi all’edificazione di un tempio in “onore della Vergine Immacolata”.
Il lascito però si rivelò insufficiente a coprire le spese della costruzione e l’opera sarebbe stata interrotta se alcuni cittadini benestanti, insieme alla nobildonna Rosa Robaud,non fossero intervenuti a sostenere economicamente tutte le spese fino alla sua completa rifinitura.
Sulla sinistra dell’Aula liturgica si trova la Cappella del Ss.mo Sacramento, dove viene riposta L’Eucarestia al termine delle celebrazioni. Da molti anni la Cappella viene addobbata sontuosamente per la Reposizione Eucaristica il Giovedì Santo. La sacra particola viene esposta all’adorazione dei fedeli in un importante e pregevole Ostensorio realizzato dall’Artista sangiorgese Lino Agnini, autore, tra l’altro, dei bassorilievi in bronzo che si trovano sul portone centrale raffiguranti alcuni Sacramenti.

Nel novembre del 2012, dopo alcuni mesi di restauro, è stata restituita ai fedeli nel suo originario splendore.

Nota: (I lavori di ristrutturazione l’hanno privata però della Cappellina del Santissimo, che attirava a sé moltissimi fedeli che sostavano genuflessi davanti a quella suggestiva e sacra nicchia.)

pasta cu li cavùri

linguine ( bavette) con i granchi al sugo,

pasta cu lli cavùri. piatti antichi del salento jonico

Sto fazzu la paccia ca vo’ circannu do’ cavuri, ma pare ca s’onu persu!!!
Agghju sciutu a Tarantu abbasciu alla duana addo “Cicci u ‘gnure” addo “Cesarino”, alla “Bicicletta” maccè!!!

Agghju ddummanatu puru a ‘Ntonio Nocera ca passa tutti li matine alle 7 e grita cu l’altoparlante ” pesci frisku, vagne’!!!!, ma niente, cavuri no si nn’acchjunu! pare ca li cavuri s’onu persu, sontu animali in via di estinzione e li piscaturi no li ponnu pisca’, ci no pàjunu la multa.

Mi ricordu ca quannu era piccenna passava ‘ntra lu paisu nu cristianu cu li cazuni alla zzuvarra, cu na bicicletta vecchia e nu sicchju chjnu ti cavuri, ca facévunu nu rumore comu li lapi e mi facevunu pigghja’ paura!!!

Quannu mama ni ccattava na francata, po’ era nna traggedia quannu l’era a cucina’.

Quannu li minava intr’alla patella cu li faceva mure’ lu fricimiéntu
ca si sinteva ti n’iri scappa’.

S’era tine’ lu cuperchiu carcatu carcatu sobbr’alla patella ca quiri frusculicchj si ni vule’ scappàvunu pi sfuggi’ a na morte atroce!!!

Mo, ca m’agghju fattu vecchia, quannu pensu a certe cose, la mente mea si ni vè luntanu, alli tiempi di tannu e provu na stretta allu core ca si face piccinnu piccinnu… pero, la pasta cu li cavuri, vagnù, tineva nnu sapore, puru ca n’erma suca’ do zzippri( chele) vacanti..ma ni sapevunu comu sia ca ernu aragoste!