Archivio tag | ricette pugliesi

Spaghetti e cozze

52947213_10217607499730171_7797838753128513536_n

Amici, mi avevano parlato di un ristorantino nei pressi della stazione di Taranto, dove fanno degli spaghetti olio, aglio, peperoncino e cozze che sono la fine del mondo…

E lo sono davvero, la ricetta è tanto facile che potreste farla anche voi. Comprate le cozze già aperte dalla vostra pescheria di fiducia e fatele scolare ben bene nello scolapasta.

Nel frattempo cuocete gli spaghetti e scolateli al dente.

A parte fate scaldare l’olio in una casseruola, metteteci un paio di spicchi d’aglio affettato finemente, spezzettate un peperoncino piccante e versate rapidamente le cozze nell’olio, avendo cura di tenere di coprire immediatamente con un coperchio. Teneteci le cozze per alcuni minuti, quindi versare il tutto sugli spaghetti. Rimettete gli spaghetti sul fornello e fate insaporire la pasta con il condimento. Aggiungetevi del prezzemolo tritato o semplicemente alcune foglioline per decorare il piatto. Servire caldo.

Annunci

LU SANGUNAZZU


Mo’ no si ni faci chju certamente!

E’ assai difficile sce’ truva’ lu sangu ti lu majale appena scannatu!

E po’ ha statu puru pruibbitu cu si venne. Comunque questa ete na rizzetta difficile, ma ste ancora ci si ricorda ce sapore buenu tineva lu sangunazzu ti na vota.
Allora vitimu ci mi ricordu bona!

Si pigghjava lu sangu ti lu maiale appena scannatu, si sceva cu la patella ‘ddo lu vucciere e ti ni facivi ta’ quantu nu litru.
Quannu ‘rrivavi a casa mittivi la patella sobbra alla furnacetta, cu lu fuecu lientu e si mitteva intr’allu sangu trecientu grammi di zùccuru, na busta di cacau amaru, la cannella spriculata e na scorza ti limone crattata.
Si girava bellu bellu cu no si ‘ncuddava sotta e si faceva còciri fin’a quannu si quagghjava. Alla fine si metteva na puzatedda di mènnele ‘bbrustuliti e pisati fini fini ‘ntr’allu murtale.

Si mitteva lu ’mpastu ‘ntr’alla carta olliata e si ‘rrutulava comu nu salame. Po’ si mitteva ‘ntr’a na mappina e si faceva driféddere.
Po’ si tagghjava a fedde e si ni manciava nu picca e n’otru picca si ni tava comu cumplimentu alli cristiani ca vine’ facèvunu visita a casa, comu na vera prelibbatezza!

Ah! La fotografia l’agghju pigghjatu ti sobbra a internette!
lorenzocairoli.com