Archivio tag | rape stufate

Verdure di stagione

50434698_10217329573982201_1659755034541293568_n

50632866_2307272742890069_4290988163419078656_n.jpg

E’ cosa buona e giusta consumare le verdure, la frutta e i prodotti della terra nel loro tempo migliore, in modo tale da gustare tutte queste cose buone con tutte le loro caratteristiche, la ricchezza dei loro nutrienti, vitamine, sali minerali e zuccheri quando sono nel pieno della loro produzione.

In questo periodo la regina di tutte le verdure è la rapa cimata, al secondo posto ci sono i carciofi, almeno nella mia graduatoria preferenziale. Dalle mie parti è nevicato di recente e le colture a cielo aperto ne hanno sofferto notevolmente.  L’inattesa nevicata  ha fatto salire vertiginosamente il prezzo delle verdure di produzione locale che sul banco dei piccoli negozi di frutta e verdura non è raro trovare le cicorie, a 3 euro, i carciofi ad 1 euro cadauno e le rape a quasi 5 euro. Io vado ghiotta di queste ultime e nonostante il deterrente del prezzo ne ho voluto comprare almeno un kg.

Naturalmente ho buttato pochissime foglie, le foglie esterne le ho stufate, con quel sorriso di Dio che sono i miei peperoncini di produzione propria di cui vi ho parlato l’estate scorsa. Le cime, eh! le cime, quelle poche recuperate, le ho cotte con le favolose orecchiette pugliesi, di grano Senatore Cappelli e condite con pane fritto con aglio e filetti di acciughe salate.

La fine del mondo.

Ma cosa ve lo dico a fare!!!

Annunci

Panzerotti con le rape

che bellipanzerotti e cime di rape2

Domenica sera ho fatto dei panzerotti favolosi…un’idea che mi è balzata nella testa, così bizzarra da diventare una novità assoluta in fatto di panzerotti.

I panzerotti con le cime di rape.

L’impasto è quello solito della farina di semola, alla quale si aggiunge il lievito di birra, sciolto nella fontanella con l’acqua tiepida e un pizzico di sale,,,lasciar lievitare la pasta coperta con un canovaccio pulito e una copertina di lana almeno per 2 ore, o in luogo caldo come nei pressi di un caminetto….trascorso questo tempo si formano delle palline di pasta dalla grandezza di un’arancia, si stende come la tagliatella,,,si inserisce all’interno di questo cerchio prosciutto sminuzzato, mozzarella o Galbani affettato e sminuzzato, salsa di pomodoro, e in questo caso,delle cimette di rape precedentemente stufate e fatte scolare bene…si richiude il fagottino ottenuto premendo bene sui bordi e si taglia con la rotella dentellata la classica mezza luna che solitamente hanno i nostri panzerotti…Io li ho fritti in olio di semi  di girasole caldo ma non caldissimo, altrimenti i panzerotti si avvampano esternamente e rimangono crudi all’interno…Provare per credere!

Un consiglio: fate scolare bene le cimette di rape,e munitevi di un bel bavaglione, altrimenti  la leccornia sgocciolerà tutto il succo sulla vostra camicia…