Archivio tag | primitivo

Primitivo

Vivo nel ricordo dei giorni

dal sapore di pane e acqua-sale

di uve dolci, rosse come rubini

che adornano fanciulle saracene.

Mio padre aveva una vigna

– dal nome buffo,

che strappava sorrisi –

poco più grande di un lenzuolo di lino,

e ne faceva un vino ambìto dagli dei

e dagli artieri

che stavano in città.

Era un sovrano, mio padre,

nel suo podere,

con solo sette filari di primitivo,

e a guardia del suo piccolo tesoro

aveva posto,

per sentinella,

un ulivo.

Mia madre si attardava

a raccogliere acini appassiti

che l’indomani

avrebbe imprigionato

in una pagnotta fragrante

dal vago sapore della felicità.

Mi rivedo avanzare, nel sogno ricorrente,

tra i filari roridi di brina,

tra i tràini ed i tini di uve traboccanti,

e voci di donne tra risate e canti.

Ora che il tempo stratifica memorie,

come cortecce che denunciano anni,

ripenso spesso a quel dito di vino

che riscaldava il cuore

e appannava il bicchiere,

come se fossi ancora piccolina

con i miei cari, intorno ad un braciere.

LI FAVE SPIZZUTATE

Amici, ormai vo’ pi numinata ‘ntr’a San Giorgi. Stamatina m’ha vinu’ sunatu alla porta nna vicina ti casa e m’ha dittu: “Anna, agghju fattu li fave spizzutate, ccè li vuè faci la fotografia”???
“Eccomu no??? “agghju tittu! “Addò ma ta capita’ n’otra furtuna comu questa”?

“Puru ca sobbra allu libbru nonci l’agghju misu, armenu la mettu sobbra a internette! Grazzie Nenetta!”

LI FAVE SPIZZUTATI (pag. 24 del Quaderno degli antichi sapori)

Era nnu piattu poviru, ma tanta piccinni e granni sono bbinchiatu cu lli fave spizzutati, quannu otru nno tinivi.

Cu llu curtieddu si llivava lu nasieddu alli fave, quistu era nnu mistieri ca si faceva fa alli viecchi, pi tinerli nnu picca occupati.
Si mittevunu a bagnu pi nna notte sana sana e la matina prestu si mittevunu a cocere intra alla pignata, vicinu allu fucarìli.
Pi vinè sapuriti si mitteva nna spica d’agghja, l’accia, qualche pummitoru a pizzetti, (ca tannu si facevunu la pruvvista pi tuttu l’annu) lu sali e l’olliu.

Intra alla pignata vinèvunu sapuriti, e arduràvunu sia ca sta cucinavi maccarruni e carne!