Archivio tag | poesia dialettale

La leggenda di Santo Stefano

26112046_10214328378554191_2303777499384339399_n

26114262_10214328378874199_2397934903718569877_n.jpg

Il bambino di pietra

La leggenda di Santo Stefano

Sobbra lu magazzinu, ieri agghju ‘cchjatu,
nu scatulone vecchju e ‘mpolveratu,
stàvunu pasturi, angili e qualche picuredda
ti allora tannu, quann’era piccinnodda.

Intra la mente mea s’onu ‘ffacciatu
tanta ricuerdi belli ti lu passatu.

Com’ernu belli li pupazzi allora
parèvunu sculture veramente,
po’ pi tant’anni l’amu ‘bbandunatu
e n’usanza americana amu cupiatu.

E scarufannu ‘ntra stu scatulone
quant’anni arretu agghju riturnatu,
quannu ‘ttànima era ancora nu vagnone
e lu presepiu si faceva pi divuzione.

Comu nu lampu m’agghju ricurdatu
na storia ca scurdare ete piccatu,
ete na storia bella di Natale
e ìu stasera vi l’agghj’a cuntare.

‘ntra sti pirsunaggi dissusati
stava puru na vagnedda vacantìa,
ca di nome si chiamava “Anastasìa”,
quera ca tineva strittu ‘ntra lu core
lu spilu di vite’ nostru Signore..

Pigghiò na petra liscia di torrente,
ca nu piccinnu pareva veramente,
lu ‘nturtigghiò ‘ntra pezze fatte a fassi,
e cu l’otri fèmmene si ‘ccucchjò pi la via
pi sce’ truva’ Gesù Cristu e Maria.

Stava n’usanza tannu ca no si sce’ truvava parturente
ci mamma tu nonc’iri veramente.
E Anastasìa puru ca nonc’era mamma
cu l’otri si ‘mmiòju alla capanna.

Quannu arrivoju cu sta bedda petra ‘mbrazzi
questa cosa fece nu starnutu,
“Salute, Stefanuddu!“ disse la Matonna
ieri ha natu Gesù e osci è natu tu”

Miràculu! esclamò Anastasia,
nonc’é chju petra lu piccinnu mia!

Fra quanti ‘nci ni stavunu fu nu parapiglia
e si n’asséra tutti carichi di meraviglia.

Pi li cristiani semplici di cori
tuttu è possibbile a nostru Signore!
Piccè a Diu ogni cosa po’ succètere
puru cu nasce nu criaturu dalli pètre .

 

La leggenda di Santo Stefano

Sul magazzino ieri ho trovato

Uno scatolone vecchio e impolverato

Dentro c’erano pastori angeli e qualche pecorina

di quando io ero piccolina.

Nella mia mente si sono affacciati

 tanti ricordi belli che son passati.

Come erano belli le statuine allora

Sembravano veramente sculture

E poi per tanti anni le abbiamo abbandonate

E una usanza americana abbiamo copiato.

Rovistando in questo scatolone,

Sono ritornata indietro di tanti anni,

quando mio padre era ancora un giovanotto

e il presepe si faceva per devozione.

In un lampo mi sono ricordata una storia bella del passato

Che dimenticare è un vero peccato

Ed io questa sera ve la voglio raccontare.

Tra questi personaggi in disuso

C’era anche una ragazza nubile

Che si chiamava Anastasìa

Quella che custodiva nel suo cuore

il desiderio di far visita a Nostro Signore.

Allora prese una grossa pietra, liscia, di torrente

Che aveva la forma di un neonato.

Lo avvolse in fasce e tenendolo stretto a sè si avviò

con le altre donne per andare a trovare

 Gesù  e  Maria.

Dovete sapere che allora c’era una usanza

che vietava alle donne nubili di far visita alle partorienti.

Ma Anastasìa, anche se non era mamma,

si avviò con le altre donne alla capanna.

Quando arrivò con la bella pietra in braccio

questa “cosa” fece uno starnuto!

“Salute, Stefanino” -disse la Madonna-

Ieri è nato Gesù e oggi sei nato Tu.

“Miracolo, esclamò Anastasìa,

non è più di pietra la creatura mia”!

Fra tutti quanti ci fu un parapiglia

e se ne uscirono tutti carichi di meraviglia.

Per le persone semplici di cuore

tutto è possibile a nostro Signore.

Perché a Dio tutto può succedere

anche di far nascere un bambino da una pietra.

 

 

Annunci

Lu rigalu cchiù beddu

gesu_bambino_021

 

La Maestra Mimma mi chiede una poesia in dialetto per i suoi piccoli…

Ho preparato in fretta in fretta questa poesiòla…cosa ne dite? può andare bene?

 

 Sobbra llu cielu brilla nna stella

cu la coda longa e bella

‘ntra nna povera capanna

ston’a  cantunu ninna nanna

‘ntra la stadda nnu beddu piccinnu

biancu e russu e ricciulinu

 

 la Matonna lu pigghia e lu mbrazza

san Giseppu pripara la fassa.

 Mo arrivunu li massari cu llu latte

li tre remmaggi cu rigali beddi fatti

iu ca so piccinnu e no tengu niente

ti do lu cori mia e ti fazzu cuntente