Archivio tag | personaggi del presepe

gli angeli

2012-01-08 PRESEPE-IMG_0843.JPGl_9d10f6ae17presepe

744_001

gloria

Personaggi di primo piano, anche perché di provenienza soprannaturale, Gli Angeli non possono mancare in nessun presepe. Essi sono i Messaggeri, i postini della lieta novella. Avvisano i lavoratori: i pastori, i fabbri e i panettieri della nascita di Gesù. Nonostante non esista alcun limite al loro numero, si tende solitamente ad inserirne solo uno. L’Angelo dell’alleluia reca in mano il cartiglio con su scritto, a lettere d’oro, la famosa frase” Alleluia Alleluia, pace in terra agli uomini di buona volontà” e viene posizionato sulla grotta, la modesta e povera stanza nella quale la vergine Maria  mise alla luce Gesù, pur essendo lui stesso Luce del Mondo.

Oltre una ventina d’anni fa,  ho raccontato in una mia poesia natalizia la “Presenza” significativa di questi divini messaggeri, protagonisti indispensabili del presepe tradizionale :

“E ti l’Ancilu cu li vrazzi apierti

mo mi ni scurdava,

quiru ca purtava na striscia alli mani

‘ddò stava scrittu cu lettere d’argentu:

“Sia pace in terra e allu firmamentu”:

 

‘ddò stava scrittu cu lettere di oru

“sia pace in terra a tutti li cristiani,

ma sulu a quiri ti bona volontà”

ca tènunu ‘ntra llu core la bontà,

ca tènunu ‘ntra lu piettu tant’amore

ca quiru é lu Prisepiu ti nostru Signore,”

 

(stralcio dalla poesia “Lu presepiu cchiù bellu)

 

Annunci

La leggenda di Santo Stefano

Anastasia e il Bambino di pietra....in altre località la donna si chiama Tecla

Anastasia e il Bambino di pietra….in altre località la donna si chiama Tecla

il bambino di pietra

il bambino di pietra

La leggenda di Santo Stefano

Sobbra lu magazzinu, ieri agghju ‘cchjatu,
nu scatulone vecchju e ‘mpolveratu,
stàvunu pasturi, angili e qualche picuredda
ti allora tannu, quann’era piccinnodda.

Intra la mente mea s’onu ‘ffacciatu
tanta ricuerdi belli ti lu passatu.

Com’ernu belli li pupazzi allora
parèvunu sculture veramente,
po’ pi tant’anni l’amu ‘bbandunatu
e n’usanza americana amu cupiatu.

E scarufannu ‘ntra stu scatulone
quant’anni arretu agghju riturnatu,
quannu ‘ttànima era ancora nu vagnone
e lu presepiu si faceva pi divuzione.

Comu nu lampu m’agghju ricurdatu
na storia ca scurdare ete piccatu,
ete na storia bella di Natale
e ìu stasera vi l’agghj’a cuntare.

‘ntra sti pirsunaggi dissusati
stava puru na vagnedda vacantìa,
ca di nome si chiamava “Anastasìa”,
quera ca tineva strittu ‘ntra lu core
lu spilu di vite’ nostru Signore..

Pigghiò na petra liscia di torrente,
ca nu piccinnu pareva veramente,
lu ‘nturtigghiò ‘ntra pezze fatte a fassi,
e cu l’otri fèmmene si ‘ccucchjò pi la via
pi sce’ truva’ Gesù Cristu e Maria.

Stava n’usanza tannu ca no si sce’ truvava parturente
ci mamma tu nonc’iri veramente.
E Anastasìa puru ca nonc’era mamma
cu l’otri si ‘mmiòju alla capanna.

Quannu arrivoju cu sta bedda petra ‘mbrazzi
questa cosa fece nu starnutu,
“Salute, Stefanuddu!“ disse la Matonna
ieri ha natu Gesù e osci è natu tu”

Miràculu! esclamò Anastasia,
nonc’é chju petra lu piccinnu mia!

Fra quanti ‘nci ni stavunu fu nu parapiglia
e si n’asséra tutti carichi di meraviglia.

Pi li cristiani semplici di cori
tuttu è possibbile a nostru Signore!
Piccè a Diu ogni cosa po’ succètere
puru cu nasce nu criaturu dalli petre .

11/12/2000