Archivio tag | natale

Ninna nanna al Bambinello

madonna_and_child

Gesù bambino è nato da soli 5 giorni, la vergine madre lo culla con amore. L’iconografia ci mostra questi momenti in una miriade di dipinti sublimi raffiguranti il Bambinello quasi sempre avvolto in poveri panni che lo coprono a mala pena. Lontani ormai i pastori con l’alito caldo delle loro pecorelle, forse anche il bue e l’asinello hanno raggiunto pascoli vicini per brucare qualche filo d’erba e sfamare la loro fame. Il bimbo piange, come ogni comune mortale quando ha fame, quando ha sete, e quando ha freddo. Maria lo stringe a se per trasmettergli il suo calore corporeo e come ogni mamma umana sussurra parole d’amore, inventa vezzeggiativi inediti e soavi, abbozza una ninna nanna inventata. Lei, appena adolescente, non ha mai cantato ninne nanne prima di allora, aveva da poco abbandonato le sue bambole di pezza, le sue orazioni, le sue faccende di ragazzina. ma lei, l’Eletta, può già formulare profezie. Lei ha Sguardi che vedono Oltre! E stringendo al cuore quel Figlio “che veniva da Dio”, prefigura già la sua Crocifissione

 

 

NINNA NANNA AL BAMBINELLO

Ninna-nanna, ninna- nanna
bimbo bello, non tremare,
se non hai una culla calda,
forse un bue e un asinello
scaldano più che un fuocherello.

Ninna- nanna, ninna nanna
dormi figlio, non pensare,
che un giorno le tue braccia
sulla croce stenderai,
pensa solo che tua mamma
più ti stringe e più s’infiamma.

Ninna- nanna, ninna nanna
dormi dormi, bambinello,
tu, il re dell’universo,
non hai latte, non hai ori,
solo l’oro dei re magi,
solo il latte dei pastori.

Ninna-nanna, ninna nanna
su sorridi e non pensare
che la fronte tua bella
un giorno sangue dovrà grondare,
pensa solo ai caldi baci
che la mamma ti sa dare.

Ninna nanna- ninna nanna
dormi bimbo, non temere
nella notte così buia
s’ode un canto d’Alleluja

E’ un canto che si espande
sopra tutto l’Universo,
dormi figlio, non pensare
il tuo sangue non è perso.

Ninna-nanna, ninna nanna
dormi bimbo, non temere,
in quest’ora tutto tace,
tu hai portato tanta Pace.

 

A.Marinelli

 

 

Annunci

Tradizione rispettata

48020959_10217002032393866_2331394237809033216_n

48052962_10217002031233837_6256182309771280384_n.jpg

47577322_10217002031633847_8859680498356584448_n.jpg47573212_10217002032033857_7252761962512121856_n.jpg48234080_10217002030873828_1218521984682426368_n

Tradizione rispettata, oggi pomeriggio ho riesumato un presepe di legno realizzato da mio marito oltre 30 anni fa e che giaceva abbandonato nello scantinato. Di mio ci ho messo le pecorelle con la mantellina di lana cardata che sono come un colpo di luce nell’acquario che è già luminoso di suo! Cosa ve ne pare?

Lu rigalu cchiù beddu

gesu_bambino_021

 

La Maestra Mimma mi chiede una poesia in dialetto per i suoi piccoli…

Ho preparato in fretta in fretta questa poesiòla…cosa ne dite? può andare bene?

 

 Sobbra llu cielu brilla nna stella

cu la coda longa e bella

‘ntra nna povera capanna

ston’a  cantunu ninna nanna

‘ntra la stadda nnu beddu piccinnu

biancu e russu e ricciulinu

 

 la Matonna lu pigghia e lu mbrazza

san Giseppu pripara la fassa.

 Mo arrivunu li massari cu llu latte

li tre remmaggi cu rigali beddi fatti

iu ca so piccinnu e no tengu niente

ti do lu cori mia e ti fazzu cuntente

 

 

 

Marmellata di uva Italia

14446020_10210152075589227_8320528338987115303_n

E’ tempo di uva, Uva Italia, Uva Regina, Uva Bicchierri, Uva Baresana,uva2

E’ tempo di uva, Uva Italia, Uva Regina, Uva Bicchierri, Uva Baresana, uva Bianca uva rossa uva dorata…ma di qualsiasi qualità di uva voi vi trovaste in casa e la vedete un pò  perdere della sua lucentezza…non vi resta altro che farne marmellata.

Questo inverno infatti è d’uopo preparare dei dolcetti farciti per la gioia di grandi e piccini.

La marmellata di uva non è mai mancata nelle nostre case pugliesi, perchè l’uva (e il vino) come l’olio di Oliva, è una eccellenza del nostro territorio.

Mia Madre, appena vedeva girare qualche moscerino attorno all’uva che avevamo in abbondanza, giungeva sempre a quella conclusione, ” ne faremo dell’ottima mostarda”.

Ed io che mi sono messa da qualche anno sulle sue tracce, ho deciso di fare della marmellata di uva per la prima volta in vita mia.

Il risultato è stato più che soddisfacente.

Ingredienti: 1 kg. di uva bianca con gli acini grossi

300 grammi di zucchero grezzo, di canna

1 Mela.

Dopo aver lavato bene l’uva, staccate gli acini dal grappolo, passate i chicchi in una scodella.

A mondatura ultimata, tagliate gli acini a metà con un buon coltello affilato e asportate tutti i noccioli.

Terminata questa operazione affettate una mela molto sottilmente e aggiungetela ai chicchi, versatevi anche lo zucchero.

Mettete il tutto in una pentola, schiacciate col cucchiaio di legno l’uva spremendo un pò del  suo succo.e lasciate il tutto sul fornello a fuoco basso per una buona mezz’ora.

Sorvegliate di tanto in tanto, e girate l’uva spesso; vedrete che verrà fuori del liquido sciropposo che pian piano dovrà consumarsi.

Finchè c’è del liquido potete anche allontanarvi e rispondere a qualche messaggio di

WhatsApp 😉 ma quando il succo si sarà ristretto dovrete girare continuamente la massa dolcissima per evitare che si attacchi sul fonde del tegame.

Vedrete che l’uva ha assunto un colore ambrato…vi verrà voglia di mangiarla subito. Invece NO! La dovrete conservare nei vasetti di vetro per i magnifici dolcetti di natale.

 

 

 

Un Pensiero per Tutti

Buon Natale da anna

Un pensiero per gli ultimi, per gli invisibili.

Per i clochards che trascorreranno il Natale sotto i ponti,

per chi lo vivrà nelle corsie degli ospedali, in cerca di ricovero

sulle strade… in servizio… di turno al 118..

Un pensiero ai vigili del fuoco,

agli stambecchi affamati,

ai bimbi abbandonati nei cassonetti

alle madri che hanno deciso di abortire…

a chi ha deciso di trascorrerlo in sobrietà..

a chi lo trascorrerà da solo

a quanti hanno perduto da poco una persona cara

a quanti aspettavano un invito che non è arrivato

a quanti lavorano nelle mense caritative

agli immigrati ai carcerati ai separati

che non potranno abbracciare i figli

a chi non crede, a chi non spera più…

a chi non ha mai cominciato a sperare

ai vecchi abbandonati come fardelli inutili

nelle case di riposo..

alle mamme che stanno partorendo

a quanti stanno morendo..

a chi comincia solo oggi a vivere…

a chi vorrebbe morire proprio oggi,

a me a te poeta coltivatore di sogni,

inguaribile Pierrot con lo sguardo rivolto alla luna

cercatore di stelle sui prati del cielo…

seminatore di briciole ai passeri affamati…

tessitore di emozioni col filo lucente della parola

spoletta di luce che mira a raggiungere il cuore

dell’uomo abbagliandolo di stupore semplice…

col fiore d’amore che sboccia in tutte le stagioni

quasi fosse primavera sempre e non solo a natale…

buon natale magnifico amico

ecco qualche parola..

prendila, è tua..

A chi aspetta un tramonto,

forse l’ultimo

a chi invece abbraccia l’alba di un vagito

a chi voleva ancora volare

pur avendo ali bruciate,

a chi, come noi,

vive immerso nei sogni

e guarda il cielo

anche se è grigio

anche se piove

e sa ancora sorridere davanti all’azzurro

di uno sguardo bambino

e sa ancora commuoversi

davanti ad un dono inatteso.

A te, dolce amica, compagno speciale,

a quanti ho dimenticato,

non se ne abbiano a male,

e a te emigrante che vorresti tornare,

auguro a tutti un Sereno Natale!

Anna

BUON NATALE

Buon Natale da anna

Amici, possa il Bambino Gesù nascere prima nei nostri cuori e poi nei presepi e donare ad ognuno ciè che gli è più necessario, l’amore, il lavoro, la salute, la pace, la concordia nelle famiglie e tutti tutti quei beni spirituali e materiali per rendere la vita più sostenibile!
BUON NATALE a TUTTI

Li leggende ti Natale

Foto: Salento, come eravamo

Foto: Salento, come eravamo

Stàvunu do’ vicchjarieddi ca ernu crisciutu cincu fili maschili e do’ fèmmene. Loru però stàvunu suli suli, e la sera si mittèvunu vicinu allu fucalìri e spittàvunu li fili cu li purtàvunu ‘nquarche cosa ti mancià.
Li stozzi pi lu fuecu, specie a dicembre, si ni cunsumavunu assaje; lu maritu ti la vecchia li scè pigghjava la matina ti intr’allu uèrtu e li mitteva allu càvutu cu si ssucàvunu e cussì ardèvunu megghju.
Mitti mò e mitti po’, li stozzi si cunsumàvunu e loru alàvunu pi la fame, e si strincèvunu intr’alli manti e intr’alli fisciùli cu si mantinèvunu càviti.
Quannu puteva essere mittèvunu na pignata ti cìciri o ti fasuli o ti fave vicinu allu fucaliri e allu scurèscire si li manciàvunu, cu sale o senza sale, cu oglio e cu senz’oglio.
Ma na vota, lu giurnu ti Natale, li viecchj tìssru ‘nfra loru: – “Osci nonni stonu fave, li cìciri s’onu spicciatu, e lu pane è tuestu ti la sumana passata, C’è criti ca no a ta vinè Giuvanni cu ni porta nquarche cosa??
E si strincèvunu intr’alli manticedde e spittàvunu cu tanta fiducia.
Ernu li ùnnici e no s’era vistu ancora nisciùnu. Tissi lu vecchju alla mugghjere:” Po’ essere ca Giuvanni ha tinùtu ta fa’, ma cretu ca a ta vinè Popolina cu ni porta nquarche cosa pi menzatìa.”
Ma a menzatìa Popola nonci si vitìu.
Chiù tardu tisse la vecchia allu maritu: “ Popolina nonci ha vinutu, po’ darsi ca no ste bona, puviredda cu tuttu lu ta fa ca tene cu tre figghj màschili, e po’ lu tiempu osci è trùvulu, po’ darsi ca nonci po’ vinè”.
E Popola nonci scìu!
Lu fuecu ardèva e lu stommucu ruscèva, e li pòviri vicchjarieddi spittavùnu ca nquarchedùnu li nnucèva nu piatticieddu ti pasta cu do’ purpietti càviti càviti.
“Mugghje’, -dissi lu maritu,- ma Ciccillu no stè ancora a San Giorgi? O javita a Muntiasi?”
“ Ce Muntiasi e Muntiasi –rispunnìu la vecchja– nonci ha scasatu cchjù ca l’affittu ti la casa era assaje!”
Fu allora ca lu turloggiu ti la chiazza sunò do’ colpi.
“Pi la miseria- tissi lu vecchju, -sontu le due”!
“’Spittamu n’otru picca, tissi la mugghjere, no essere sempre senza pacenzia, ca quiri fili tènunu tutti tanta ce ffa!”
“ E spittamu -dissi lu maritu- vitimu ci si ricòrdunu ti nuje!”
“Ce ti ricuerdi quannu nascìu Pippinu?- disse lu maritu- quanta giurni ştasti cu lli duluri? Do giurni e do nuètti a tribbulà ca quiru no si decideva maje a nàscere”
“ Essìni – tissi la vecchja allu maritu- alla mamma lu tulori li passa prestu”
E lu turloggiu sunò le quattru!
“Mitti n’otra stozza- dissi la mugghjere-, ca pò essere ca ni lu pòrtunu quannu spìcciunu ti mancià loru, ce ponnu lassà li fili ‘ntavula pi vine’ addo nuije”- disse la vecchja mamma, cu lu core ti mamma ca tutto pirdona e tuttu si faci passa’ ti ‘ncueddu.
Ma po’, si ni scèra alla papagna tutt’e doje, e si fècera nu paru t’ore ti suennu.
Scinnìu la sera, ti ret’alli laştri era scuru, intr’allu uèrtu lu vecchju nonci si la sintèva cu sceva…li stozzi s’èrnu cunsumàtu, la manticedda ca tineva’ncueddu si n’era catutu e iddu nonci si puteva gghica’ cu si la mitteva ncueddu, la mugghjere sta durmeva e nonci la vule’ ddiscitava.
Sunàrnu li nove ti sera, no si sintèva nisciunu camina’, stàvunu tutti intr’alli case loru, a ci sciucàva a tombola, a ci sciucàva a scopa, a ci si bbiveva l’urtimu gnuttu ti mieru…
A ci si rrusteva do lampasciuni, o do patane intra la fracera…
Mato’ quanta cose si mmagginava lu vecchju, era la fame ca lu faceva spruluquià.
Sintèva tanta ardòre ca li facèvunu vinè lu spilamiéntu ti lu stòmmucu, lu fuecu s’era stutatu, e la mugghjere turmeva e no si muveva mancu nu picca!
A nu certu puntu si dicidìu cu la chiama e la chiamò nu paru ti vote: “Ginuve’, Ginuveffa!!!!
Ma Ginuveffa nonci si discitò!
Chiamò n’otra vota: “Ginuveffa!!!”
E Ginuveffa nonci si discitò!
La cutulò nu picca e Ginuveffa mmuccò ti l’otra vanna.
Allora puvirieddu a jddu, li viniù nu toccu e catìu ‘nterra cu la facci ‘ncueddu alla mugghiere.
E cussi l’acchjàrnu lu giurnu dopu, lu giurnu dopu Natale, quannu li 5 fili si ricurdarnu ca tinèvunu na mamma e n’attane.
Lu giurnu ti Natale, loru èrnu manciatu e bivutu e si dicevunu ‘ntra di loru:
” Ce criti ca no l’ha purtato Giuvanni nu piattu a tatà?”
E Giuvanni diceva:
“Ce criti ca no l’ha purtatu Popolina nu piattu a mamà?”
E Pitruzzu, l’otru figghju ca a Natale era manciàtu cu dùdici ‘nvitati, s’era calmatu la cuscienza dicennu:
“Ce criti ca no l’ha purtàtu Cuncipita ieri nu piattu alli vicchjarieddi nuestri?”
Ma no l’era purtatu nisciùnu nu piattu di cucinatu alli ginitori; e po’ no mi diciti ca lu pruverbiu nonci àve raggione quannu dici:
“Nu picu campa a cincu pichi ma cincu pichi no càmpunu nu picu”!

NOTA:
Rielaborazione di un racconto popolare che si perde nella notte dei tempi.