Archivio tag | marmellata di uva

La marmellata d’uva e altre provviste.

996937_10201946433653307_489778011_n[1]1383668_10201946509855212_368634910_n[1]

Nel cuore della stagione estiva le massaie dei nostri paese facevano come le formiche.
Pensavano sempre ad accumulare provviste per l’inverno che veniva.
Ora però le stagioni sono cambiate, e l’inverno non è più tanto INVERNO,
e l’estate non è più tanto ESTATE, come ce le ricordiamo noi; io e quelli della mia generazione.
Se c’era abbondanza d’uva si prepara la marmellata, che, chissà poi perché, si chiamava Mustarda.
Erano ammirevoli le nostre mamma e mai stanche, mai si lamentavano per tutte le faccende che le assorbivano a tempo pieno, in ogni tempo, in ogni stagione.
Quando mia madre vedeva che l’uva fresca, raccolta da appena un paio di giorni cominciava a deteriorarsi, a guastarsi, ad attirare i moscerini, non ci pensava due volte, ne faceva marmellata, oppure la spremeva col metodo che solo lei conosceva e ne faceva un vino da consumare nei giorni di festa: la cosiddetta “lacrima”.
Quando ci capitava di ricevere dell’uva del tipo Italia o Moscato, con quegli acini golosi, grossi e succosi, mia madre non aveva il minimo dubbio; e mi pare di sentirla dire, ancora oggi: “Anna, no ti mancià la megghju megghju ca ti questa n’ama ffa nnu picca sotta spirdu”
E i fichi secchi accoppiati con le mandorle. E i vasetti di capperi sotto sale, e le melanzane sott’olio di cui andavo ghiotta…
Ora invece, se l’uva non consumata comincia a far volare qualche moscerino e qualche acino tende a guastarsi, non ci pensiamo due volte, la prendiamo e la scaraventiamo nel sacchetto della spazzatura:
in quello dove si raccoglie l’umido.
Eh! Sì. Le regole del nostro tempo sono queste e, a volte,non senza sforzo e pur di disfarci delle cose
” Inutili”, le osserviamo, eccome!

La mustarda

Quannu l’ùa si zzecca a mmalazza’, pi no la fa pèrdere, faciti nu paru ti buccacci ti marmellata.

Si àprunu l’acini a un’ a unu e si mettunu sobbr’allu furnueddu cu la fiamma vàscia vàscia!

Li primi minuti non stè bisuegnu cu ggirati l’ùa, faciti cunsuma’ prima nu picca ti quiru sucu ca esse!
pò, bisogna cu tiniti nu picca ti pacenzia, piccè aviti a sta’ dda vicinu e gira’ sempre cu no si ‘ncodda la marmellata sotta lu funnu ti la patella.

Quannu vititi ca sa ‘ddensatu bona bona, stutati la fiamma e facitila driffèddere.
Po’ mittitila intr’alli buccacci e ‘rripàtila pi fa li piscotti ti Natali.
vale la pena cu la faciti ssaggià alli piccinni sobbra a na fedda ti pane, piccè ete veramente bona!

No sacciu piccè all’ébbica ti mama, la marmellata ti ùa si chiamava “Mustarda”. E vui lu sapiti?