Archivio tag | le mani delle donne

le mani delle donne

ce_richtlinien1pane-nutella

 

LE MANI DELLE DONNE

Le mani delle donne
intrecciano conchiglie di sorprese
e s’appuntano asterischi di luna
sulle brume dei capelli arrotolati.
Sciolgono silenzi di vetro
al crogiolo sempre acceso delle loro bocche,
intessendo arazzi d’accoglienza.
Le mani delle donne
sanno d’ago e di filo
e cuciono stupori d’aquiloni
da annodare tra le mani dei bambini.

Quelle mani hanno ore da sbucciare
nei riflessi dei mattini
e intingono le attese
in anfore sempre piene di speranza.

Sigillano pulviscolo di solitudini
in teche di madreperla, che ,
fatate, sanno mutare in sorriso la malcelata pena.

Custodiscono battiti cadenzati come torchi
per spremiture di uvaspina
per propiziare vaghezze di sospiri,

Col punto d’erba e festoni
arredano tristezze di solitudini…
e schiudono segreti scrigni di sole
nei giorni di una pioggia inopportuna.

Se giovani, quelle mani,
sanno avere levità di ali
e sulle spalle incurvate dei vecchi
si chinano amorose,
per sollevare il duolo di ogni pena.

Le mani delle donne
spalmano carezze di nutella
su fette d’anima fragrante

Chiudono pietose
le palpebre dell’ultimo respiro
col tocco lieve delle loro dita

schiudendo tepori di placente.
aprendo varchi ad una nuova vita.

Annunci

Le mani delle donne

le mani delle donne[1]

Le mani delle donne

intrecciano conchiglie di sorprese

e s’appuntano asterischi di luna

sulle crocchie dei capelli arrotolati.

Sciolgono silenzi di vetro

al crogiolo sempre acceso delle loro bocche,

intessendo arazzi d’accoglienza.

Le mani delle donne

sanno d’ago e di filo

e cuciono stupori d’aquiloni

da annodare tra le mani dei bambini.

Quelle mani hanno ore da sbucciare

nei riflessi dei mattini

e intingono le attese

in anfore sempre piene di speranza.

Sigillano pulviscolo di solitudini

in teche di madreperla, che, fatate,

sanno mutare in sorriso la malcelata pena.

Custodiscono battiti cadenzati come torchi

per spremiture di uvaspina

per propiziare vaghezze di sospiri,

Col punto d’erba e festoni

arredano tristezze di solitudini,

e schiudono segreti scrigni di sole

nei giorni di una pioggia inopportuna.

Affastellano desideri segreti

tra le pieghe di lenzuola di percalle

che profumano di mirto e di lavanda.

Se giovani, quelle mani,

sanno avere levità di ali

e sulle spalle incurvate dei vecchi

si chinano amorose,

per sollevare il duolo di ogni pena.

Le mani delle donne spalmano carezze di nutella

su fette d’anima fragrante.

Chiudono pietose le palpebre dell’ultimo respiro

col tocco lieve delle loro dita

schiudendo tepori di placente.

aprendo varchi ad una nuova vita.