Archivio tag | inedite di anna marinelli

Cosa nascondi,Luna?

2011-08-11 LUNA NEL CIELO CON ANGOLO ABITAZIONE-IMG_6597.JPG

 

 

 

Cosa nascondi, Luna?

 

Cosa  nascondi dietro le stelle

Luna malandrina?

La tua refurtiva di sogni refrattari

all’usura di giorni

sempre uguali?

 

Cosa nascondi dietro le stelle

Luna appassionata?

 

Stalattiti di lacrime

e sospiri, di ogni donna

che non si sente amata?

 

Cosa nascondi Luna

Stupefatta ?

 

I viaggi ed i naufragi

di anime di latta…?

 

I fremiti di pelle della notte

quando, non vista, fiorisce

 

la rosa scarlatta  ???

 

 

Annunci

ricordi in soffitta

soffitta.jpg

 

RICORDI IN SOFFITTA

 

Non ci sono fantasmi nella soffitta del cuore

ma Ricordi vivi e palpitanti

che da tempo abbiamo riposto

come dietro una lapide di marmo.

Essi bussano con le loro nocche stanche,

forse ti chiamano per nome,

ma tu fingi di non udire.

Essi ti chiamano dolcemente

ma tu volgi il capo da un’altrove.

Sono creature senza materia, i ricordi,

ma la materia sei tu che a volte

te li porti dentro come un fardello pesante.

Socchiudi la porta della soffitta del cuore,

vi sono anche gioie che troppo in fretta hai dissolto

nel vortice frenetico dei giorni.

Essi si affastellano

come mattoni di un muro invalicabile,

come un muro di Berlino

che hai innalzato nella tua memoria

per paura di cadere sotto il sisma

delle tue stesse emozioni.

Tendi la mano verso la soffitta dei ricordi,

spingila, socchiudila,

ne uscirà una luce che inonderà i tuoi giorni

e non ti abbandonerà mai più.

Perché i tuoi Ricordi sei Tu.

Sott’all’arli ti l’alie

olive

 

Jata a cci pane ‘ntra li visazzi tene

e si ddicrea cu nnu sursu ti vinu

ca quiro faci sangu ‘ntra lli vene

e dde la forza pi vincè lu distinu.

Li femmene scinucchiate stonu ‘nterra

a ccogghjiere stu tisoru t’intr’all’era,

la tramuntana li spacca li mani

nonci ete questa vita ti cristiani.

Si sente ti luntanu nna campana

Luntanu mo ste sona avemmaria

E la chiesiodda doce li ste chiama,

è tiempu di mmjarsi pi lla via.

Poessere cu passa nnu trainu

cu nni risparmia totta quera strata

di ore nnamu fattu cchju di otto

A nnuje ni vè comu nnu ternu a lotto.

Ddo alie morte, ntra lli sacche chine,

so’ sobbratav’la di sapore finu

pi nnuje l’alie sontu nnu caviale

cu pane tuestu e nnu gnuttu ti vinu.

showimg2

Beato chi ha pane nelle bisacce

E si ristora con un sorso di vino

Perché si faccia sangue nelle vene

E dia la forza per vincere il destino.

Le donne inginocchiate

Raccolgono il tesoro dentro le aie,

la tramontana spacca loro le mani

non è certo vita da cristiani.

Si sente da lontano una campana

È la campana dell’Angelus

Una chiesetta  dolce par che le chiami,

è tempo di avviarsi per la via.

Può darsi che passi un carrettiere

E ci risparmi tutta questa strada

Di ore ne abbiam fatte più di otto

 avere un passaggio

 è come aver vinto un terno al lotto.

Le tasche piene di olive dolci   ( appassite/ morte)

si gusteranno come companatico

dal gustoso sapore,

sono più preziose del caviale fino

con pane raffermo ed un sorso di vino.