Archivio tag | Daniele Galeone

Finestre Mediterranee

12932936_10208698442609311_5276337844577191199_nri

12932574_10208698446929419_7774373440902615893_n

 

111

 

Cari Amici che mi seguite con affetto e soprattutto costanza…Mi onoro di pubblicare un articolo pregevolissimo su quanto avvenuto Domenica 3 aprile nello Studio d’Arte del Prof. Daniele Galeone in occasione della sua ultima rassegna d’arte. L’Articolo per la prima volta non è firmato da me ma da un poeta presente alla serata    che ho molto apprezzato per il garbo e il sentimento con cui ha declamato le sue poesie, ovvero il Poeta, dottor Gianni Perona.

12938091_10208698445009371_4722837459157752474_n1934611_10208698446049397_7771573833748891518_n

Si è concluso il 3 aprile, Domenica in Albis, il programma delle manifestazioni teatrali e culturali, ideate e realizzate dal prof. Daniele Galeone con la “ Piccola Compagnia d’arte totale Padre Corcione “. In concomitanza con la chiusura della sua ultima Mostra antologica 1960-2016 Daniele Galeone ha voluto creare l’evento nell’evento, inserendo nel programma della serata un intervento introduttivo del prof. Cosimo Annicchiarico, che ha descritto mirabilmente le qualità culturali, artistiche, umane e filosofiche di Ipazia. E’ toccato a PierLuigi Zinzanella studente del Liceo G. Moscati di Grottaglie, recitare una poesia in greco antico, dedicata appunto alla splendida figura di Ipazia. Subito dopo Daniele Galeone ha invitato alcuni ospiti presenti, a recitare delle poesie. Il prof. Vincenzo Mancino, alla tastiera, ha regalato momenti di vibrante emozione creando, di volta in volta, il sottofondo musicale più consono ed adatto alla recitazione. Angela Astone, Anna Marinelli e Gianni Perona, hanno recitato alcune delle loro poesie. Il giovane Fabrizio Gallo ha recitato una poesia di Domenico Arces. Pietro Annicchiarico ha recitato una poesia del compianto prof.re Don Pietro De Amicis, in continuità con la tradizione e la cultura legate al vernacolo grottagliese. Angela Astone ed Anna Marinelli, hanno ovviamente impreziosito la serata, rendendo ancora più magica l’atmosfera con la recitazione di alcune tra le loro più belle poesie. Infine Maria Bradascio e Francesca Quaranta, voci narranti che hanno accompagnato Daniele Galeone durante la performance teatrale a tre voci.

12294682_10208698447569435_3012360644844782032_n12495116_10208698445609386_6705634655223850891_n

La professoressa Maria Pia Ettorre, assessore alla cultura del Comune di Grottaglie, ha espresso parole di elogio e di profonda gratitudine a tutti i partecipanti, ed ha deliziato i presenti con la lettura di un sonetto di William Shakespeare, declamato prima in inglese e poi in italiano. Una serata all’insegna della pittura, della poesia, della recitazione e della storia; una grande e positiva contaminazione di diverse forme artistiche quindi, che incita e impegna il gruppo di Daniele Galeone, a continuare ed a rendere fruibile agli altri il senso di profonda soddisfazione che solo l’arte nella sua totalità, può donare.

 

Grottaglie 05/04/2016 Dott. Gianni Perona

 

Teatro da Camera a Grottaglie

11221768_10207400343077634_6113056081252903273_n12106980_10207400347877754_2484313301287804117_n12118770_10207400359038033_7925940026565065156_n12141489_10207400362918130_3791477342466963604_n

Fotopietra di Ciro De Vincentis

Fotopietra di Ciro De Vincentis

Si è inaugurato Domenica scorsa, 4 Ottobre, il nuovo Studio D’Arte di Daniele Galeone, Artista a tutto tondo, che opera nella città delle ceramiche, la bella e amata Grottaglie, in via Giusti n° 5.

Data non scelta a caso, ma ponderata e soppesata sulla stadera dell’anima.

Per l’occasione, infatti, Daniele ha confezionato per gli amici e gli estimatori una performance teatrale dal titolo “Dialogo D’Amore” con le voci narranti di Maria Bradasso, Anna Venza e Francesca Quaranta e delle stesso Galeone, accompagnati alla chitarra dal musicista Francesco Mariella, facenti parte della Piccola Compagnia teatrale “ Padre Corcione”.

I contenuti della piece teatrale sono quelli sempre cari al Nostro, ovvero i temi della Salvaguardia dell’ambiente, della Giustizia e del bene comune, dell’Uguaglianza e della Fraternità.

Francesco D’ Assisi, Francesco De Geronimo, e Papa Francesco, con le loro titaniche presenze hanno permeato tutto il racconto, che si è snodato tra citazioni, riflessioni e canti tratti dalla tradizione popolare, a cui, in una afflato perfetto si è unito anche il pubblico presente, creando un’interazione e un’atmosfera di gradevole intesa spirituale.

Gli interventi augurali e di apprezzamento del Prof. Mimmo Annicchiarico, docente  al Liceo Moscati e quello dell’assessore alla Cultura, Maria Pia Ettorre, hanno posto il sigillo ad una serata culturale svolta all’insegna del messaggio evangelico, come sarebbe piaciuto al poverello d’Assisi.