Archivio tag | asciugapanni

Lu ssucapanni ( l’asciugapanni)

braciere-e-fuoco48348612_10217035397867982_232380695903731712_n48357015_10217035398147989_7495642491949940736_n.jpg

Dopo la pubblicazione di un piccolo libretto dal titolo Racconti intorno al braciere ho avuto la gioia e la fortuna di essere invitata da Circoli culturali, da scuole e persino in case private, con la complicità di amiche, e portare in giro il mio bel braciere di ottone fiammante, col suo piede di legno e relativo palettino, e parlare delle cose belle del nostro passato. Mi riferisco a quelli della mia età, sulla settantina e giù di lì. Si sollecitano facilmente le corde del cuore quando si solleva la coltre della dimenticanza e si lasciano intravvedere spezzoni di vita passata, di tempi felici, di atmosfere mai più ritrovate. Alcuni mesi fa la mia amica del cuore, sempre lei, la mia cara Palma Savino, mi chiese se mi poteva interessare un vecchio asciugapanni e un vecchio ” stricaturo”. io naturalmente ho risposto che mi interessavano, eccome!!

E oggi eccolo qua, restaurato e addobbato a dovere di candide camiciole di bambini, con un fuoco creato artificialmente, e posizionato sul vecchio braciere. Sul vecchio asciugapanni, nelle sere d’inverno, si asciugavano i panni del bambini, perchè a motivo di giornate piovigginose, i panni non si asciugavano velocemente e i bambini esigevano di essere cambiati lavati e incipriati ogni qualvolta se ne presentava la necessità.

Ah! ma lo sapete che il programma di scrittura mi segna di rosso la parola ASCIUGAPANNI, quasi fosse una parola sconosciuta? Che peccato aver perso VOCABOLI oltre che i nostri cari oggetti del passato e ancor più la nostra MEMORIA.

safe_image

 

Annunci

Li sere ti ‘nviernu ‘nturnu alla fracera

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Li sere ti ‘nviernu totta la famiglia stava intr’a casa.
Li fémmene e li viecchi stavunu ‘nturnu alla fracèra, ogni tanta scarnisciàvunu lu fuecu e lu facévunu bbivéscere, e lu cavutu faceva fa li sazizzi alli jammi.
Pi furtuna ca ogni tanta si mitteva lu ssucapanni sobbra, pi ssucà li pannicieddi ti li piccinni, specie ci lu giurnu era chiuvùtu e li rrobbe nonci ssucàvunu.
Li piccinni cè tinevunu bisuegnu cu si scarfàvunu??
Ca quiri scévunu sempre a ner’a neru e nonci sintévunu mancu ci faceva càvutu o feceva friddu!
Li viecchi cuntàvunu storie ti la uerra, puru ca tutti li sapèvunu a memoria!
Li fémmene, ricamàvunu, o fatiàvunu alla maglia, si cuntàvunu quarche stuticarìa e ‘spettàvunu cu vineva lu suennu. Quannu li uecchi si facévunu papuddi papuddi, nturtigghjàvunu la fatia intr’a nu cuscinu vecchiu e si scè curcàvunu.

E la matina s’azàvunu prestu, ca lu pruverbiu dice: ci vuè futti la vicina, còrchiti prestu e òziti ti matina!