La città della pace

 

 

 

AUGURI,  Gino Bisignano, Auguri Mino Chiloiro, Auguri Pino Pantile, Auguri Ferruccio Gemmellaro, Auguri Luciana Abbattista, Auguri Rosa Andronaco, Auguri Evergreen. Auguri Rosalba!   BUON NATALE!!

Annunci

Prove di canto

Amici in occasione della seconda edizione del presepe Vivente il Parroco, Don Giuseppe Ancora, mi ha chiesto di organizzare un coretto con dei canti tradizionali, tradotti in sangiorgese, Io ho risposto subito: Agli ordini Monsignore!

https://www.youtube.com/watch?v=JYcLsyAMkHo

SUL MOTIVO DI: FERMARONO I CIELI

Maria llavava, Giuseppe spannèva,

lu Figghiu chianceva

La nanna Gesù

Cu voce divina la vergine bedda

Cchiù vaga ti stella cantava ccussì;

 

Dormi dormi fai la nanna Mio Gesù.

 Dormi dormi fai la nanna Mio Gesù.

 

Nna luce splendente,

ntra l’uecchi tineva

Maria llattava lu figghiu Gesù.

Cu voce divina la vergine bedda

Cchiù vaga ti stella cantava ccussì;

 

Dormi dormi fai la nanna Mio Gesù.

 Dormi dormi fai la nanna Mio Gesù.

 

La mamma felice tlu figghiu t’amore

Strinceva allu core Mamminu Gesù:

nnu fuècu l’ardeva, l’ardeva lu core

e lu nazzicava cantannu cussì:

 

Dormi dormi fai la nanna Mio Gesù.

 Dormi dormi fai la nanna Mio Gesù.

(A boccachiusa)

Dormi dormi fai la nanna Mio Gesù.

 

 

Maria trimintèva la terra e lu cielu

Cè granne misteru lu figghiu Gesù

Cè grande tesoro ca l’era tuccatu

Giuseppe prisciatu uardàva Gesù:

 

Dormi dormi fai la nanna MioGesù.

 Dormi dormi fai la nanna MioGesù.

Dormi dormi fai la nanna MioGesù.

 Dormi dormi fai la nanna MioGesù.

 

 

 

La luce più bella negli occhi brillava sul viso sembrava Divino splendor. la madre felice di un bimbo Divino gridava il suo amore cantando così: Dormi dormi fai la nanna Mio Gesù. Dormi dormi fai la ninna nanna Mio Gesù. Mio Figlio, mio Dio, mio caro Tesoro, tu dormi ed io moro per tanta beltà. Dormendo, mio bene, tua Madre non miri ma l’aura che spiri è fuoco per me. Dormi dormi fai la ninna nanna Gesù. Dormi dormi fai la ninna nanna Gesù.

(testo originale)

Rinascita

25442989_10214262385144397_5895856983683400008_n

25443278_10214262384544382_1048206587851191700_n

25396145_10214262386384428_6828362099338032939_n25442954_10214262392704586_1265455310744462189_n

Come si fa a dire “no” quando ti chiama Daniele Galeone? Ero accanto a Lui nel lontano 2000, in una edizione della sua Rinascita portata in tourneé persino a Radio Puglia…sono trascorsi ben 17 anni e siamo ancora qui, sempre qui, questo drappello di sognatori tenaci a portare avanti un discorso, un percorso che sembra non avere fine..Lui è uno spirito indomito, capitano coraggioso mai pago, mai sconfitto nonostante tutte le sue limitazioni, e anche se talvolta cambia qualcuno del suo “equipaggio” il suo percorso culturale continua imperterrito..va dritto per la sua strada…una strada perigliosa le cui tappe sono intessute di fede, di cultura, di tradizione, di arte, musica, poesia, teatro, recitazione talvolta improvvisata, enfatizzata, ma sempre autentica! Grande Daniele.

Angeli di carta

25396258_10214250237960725_1928667933228898768_n

 

angelo

angel

ANGELI DI CARTA

(poesia di Anna Marinelli e Mina Cipriano)

 

Uno stuolo di angeli

scende dal cielo,

sono leggeri, di carta,

lieve il loro volo,

bianche le loro ali

come di neve.

Angeli di carta,

sento il loro fruscìo

e le loro voci sussurrare

“Siamo di carta, non ci lasciar bruciare

nell’inferno di una vita dissennata.

Di fiamme, come Icaro,

ci bruceremmo le ali e le vesti,

non resterebbe nulla di noi.

Di noi resterebbe solo cenere

che il vento spazzerebbe via!

Noi, siamo nel mondo

per proteggerti, ascolta la nostra presenza, e

se non farai troppo rumore,

la sentirai e non sarai mai solo.

Anche se siamo di carta,

nella nostra filigrana

c’è lo spirito dell’Amore

e l’amore è il vento che spinge

verso la casa del Signore.”

 

Uno stuolo di angeli

scende dal cielo,

sono leggeri, di carta,

lieve il loro volo,

pare una danza,

bianche le loro ali

come di neve.

 

Ninna nanna al Bambinello

393947_272702176113111_108845529165444_721602_2000829054_n1

Ninna-nanna, ninna-nanna
bimbo bello, non tremare,
se non hai una culla calda,
forse un bue e un asinello
scaldano più che un fuocherello.

Ninna- nanna, ninna-nanna
dormi figlio, non pensare,
che un giorno le tue braccia
sulla croce stenderai,
pensa solo che tua mamma
più ti stringe e più s’infiamma.

Ninna- nanna, ninna-nanna
dormi dormi, bambinello,
tu, il re dell’universo,
non hai latte, non hai ori,
solo l’oro dei re magi,
solo il latte dei pastori.

Ninna-nanna, ninna-nanna
su sorridi e non pensare
che la fronte tua bella
un giorno sangue dovrà grondare,
pensa solo ai caldi baci
che la mamma ti sa dare.

Ninna-nanna- ninna-nanna
dormi bimbo, non temere
nella notte così buia
s’ode un canto d’Alleluja

E’ un canto che si espande
sopra tutto l’Universo,
dormi figlio, non pensare
il tuo sangue non è perso.

Ninna-nanna, ninna-anna
dormi bimbo, non temere,
in quest’ora tutto tace,
tu hai portato tanta Pace.