Archivi

‘Nviernu

1383841_10202030385632054_570268603_n[1]

‘NVIERNU

Ce friddu si respira ‘sta sirata
ce calma ca si sente pi lla strata
ognunu rintanatu ste ‘ntra casa
e nturnu alla fracera ste prisciata.

Nu picca di cinisa ppizzicata
ca puntu puntu scarnisciata vene
cu lla speranza cu si po’ scarfare
lu sangu ca ha ghjacciatu ‘ntra lli vene

e tata core vò conta nna storia
ca li piccinni sapinu a memoria
ci sapi quanta voti l’ha cuntatu
di quannu jddu partìu pi lu suldatu.

Do jatti intra l’òrtiri scamannu
pi lla miseria quanta scamunera,
e lu riloggiu ti mienz’alla chiazza
ni tìci ca so li ùnnici ti sera.

E mo ni scià curcamu,tici mama,
cu lu fisciùlu ncueddu e na scialletta
ca crè matina na m’ azà pi tiempu
la vita è amara, nonc’è ‘na barzelletta.

Mestra Chicchina e li chiavutiéddj

Mestra Chicchina

Stonu certi storie ca onu successu allu paisu mia ca nisciùnu canosce, ma sontu tanta beddi ca quannu li sentu mi rìzzic’nu li carni.
Questa ete propia bedda.
Quannu scuppiò la prima uerra mondiale tutti li uèmmini giuvini érna scè alla uerra pi salvà e difendere la Patria.
Rimanévunu sulu li viecchj. Appusitìu mancàvunu anni sani sani li falegnami, li scarpari, li cuntadini, li massari, li conzacràste, insomma tutti quiri ca tinevunu nu mistiere.
Intr’a San Giorgi stàvunu tanta falegnami, e tutti èrnu sciutu alla putèa di “Mestru” Carmelu Capozza cu si mparàvunu lu mistiere di falegname d’arte fina.
Quannu Mestru Carmelu e l’otri falignami fùrunu chiamati pi scè sott’a l’armi rimanérnu sulu li femmini e li viecchj.
Mo ti vogghju, ca murévunu li cristiani e no stavunu cchiù chiavuti!!!!
Murévunu li piccinni e no stavunu chiavutieddj. Comu s’era ffa?
Tannu li piccinni murévunu puru cu nna freve, ca no stavunu miticini cu si curàvunu.
Ogni giurnu murévunu piccinni, e sirvèvunu li chiavutieddj, tant’è ca quannu sunava la campanedda era lu nsignale ca era muertu n’otru piccinnu.
Allora la mugghjere ti Mestru Carmelu Capozza, (ca si chiamava Frangesca Carafa, zia ti quiru Giuliu Carafa, maritu ti Ratodda ti lu furnu) chiamò cincu se’ femmene e li mittiu tutti a fatià ‘ntra la putea.
Edda ormai tineva l’esperienza di tant’anni ca era vistu fatià lu maritu e sapeva diriggere bona li ‘iutànti sua e li màschili cchiù viecchj scèvunu a Tarantu cu lu travinu e scè pigghjàvunu lu ligname e lu purtàvunu a San Giorgi.
Di tannu ‘sta cristiana cussì attiva la chiamàrnu tutti “Mestra Chicchina” .
Nu titulu ca li spittava di dirittu!

* nella Foto d’epoca Mestra Chicchina e Mestru Carmelo Capozza che stringono con tenerezza il nipotino Giuseppe.

L’Edificio scolastico Maria Pia

Mi sono pervenute, in queste ultime ore, alcune telefonate di genitori i quali mi chiedevano se fossi in grado di fornire loro notizie circa l’anno di edificazione della nostra gloriosa Scuola elementare “Maria Pia”. Con un certo disappunto, consultando le varie pubblicazioni che si sono avute riguardo il mio Paese, “San Giorgio Jonico” non ho trovato notizie a riguardo.
Mi sono messa perciò alla ricerca di notizie storiche, di foto e di altro materiale utile a costruire una piccola scheda da poter consegnare ai genitori e ai bambini, per aiutarli a ricostruire la storia di questo bellissimo edificio scolastico. EDIFICIO SCOLASTICO

L’Edificio scolastico “ Maria Pia di Savoia” sorge in via IV Novembre. La sua edificazione risale al 1934, anno di nascita della principessa Maria Pia, figlia maggiore dell’ultimo Re d’ Italia, Umberto II e di Maria Josè.
L’edificio molto ampio e situato su diversi piani, ha una bellissima facciata dove si affacciano le aule, le quali vengono abbondantemente illuminate dalla luce solare per tutto il tempo della durata delle lezioni. In quegli ampi corridoi nei quali si sono allineate innumerevoli classi di scolari, dalla sua inaugurazione fino ai giorni nostri.

corpo docente in tempo di guerracorpo docente

In tempo di guerra la funzione di “Scuola”dovette cessare perché l’edificio scolastico fu utilizzato come Ospedale militare. Giungevano infatti in quell’ospedale numerosi soldati provenienti dall’Albania, dall’Eritrea, dalla Grecia e dalla Tunisia per essere curati. I soldati che vi giungevano per ricevere le cure necessarie erano spesso feriti agli arti inferiori e superiori, a causa delle mine e dei colpi di fucile ed altre armi da fuoco.
Giungevano anche soldati con gli arti inferiori congelati e perciò subivano dolorose amputazioni, necessarie però per avere salva la vita.
I feriti giungevano spesso a bordo di elicotteri che atterravano sul terrazzo della scuola, e ancora oggi si trova un residuo di Cerchio dipinto che segnalava agli elicotteristi il punto esatto dove atterrare.

Congelati di guerra

I bambini in età scolare, in questo frattempo, venivano dislocati presso comuni abitazioni
requisite dalle autorità. Quando la Guerra infuriava e avvenivano dei bombardamenti l’attività scolastica si sospendeva.
L’edificio era dotato anche di un ampio cortile dove si facevano esercizi ginnici, specie durante il tempo del fascismo. Tutti gli scolari vestivano una divisa composta da: pantaloncino nero alla “zuava”, camicia bianca, fazzoletto legato al collo e cappello con la M di Mussolini. Le ragazze indossavano una gonna nera a pieghe e la camicia bianca. L’attività sportiva era molto importante all’epoca del fascismo perché mirava ad infondere nei giovani il sentimento della disciplina e della educazione militare. Infatti la pedagogia fascista imponeva l’obbligatorietà delle divise, delle marce, delle esercitazioni, quali strumenti necessari per la formazione dell’ ”italiano nuovo”.
Nelle scuole elementari era previsto un solo libro di testo per ciascuna delle prime due classi e due testi separati (libro di lettura e sussidiario) per le tre classi rimanenti. In questi testi scolastici ci sono costanti riferimenti al regime e alla presenza ossessiva della figura del ‘duce’, protettiva, salvifica, comunque centro di ogni discorso educativo. 1461230_546793218744223_791791120_n[1]
Così nel libro unico della terza elementare veniva spiegata la marcia su Roma ai bambini di 8 anni:
946070_546774102079468_1564197538_n[1]
In quel tempo fu istituito il “Sabato fascista”, cioè una giornata senza lezioni e dedicata alle attività sportive.

esercizi ginnici

Questi bambini venivano chiamati “Piccoli Balilla” ma vi erano diversi gradi di essere Balilla:
Ovvero:
Figli della Lupa: ragazzi e ragazze dai 6 agli 8 anni;
Balilla: ragazzi dagli 8 ai 14 anni;
Piccole italiane : ragazze dagli 8 ai 14 anni;
Avanguardisti: ragazzi dai 14 ai 18 anni;
( veniva curato l’addestramento e la preparazione militare dei giovani);
Giovani Italiane: ragazze dai 14 ai 18 anni.

Finita la Guerra, l’edificio ritornò ad essere utilizzato come Scuola e nei locali interrati entrò in funzione il “Refettorio”, dove si accoglievano a mensa gli orfani di guerra e i bambini più poveri del paese.
In qualità di cuoche e bidelle si assumevano le vedove di guerra.
A guerra ultimata l’edificio fu dotato di una Palestra Coperta costruita all’interno di quella all’aperto, nella quale si svolgevano anche i saggi di fine anno, le recite natalizie ed altre attività ludico-educative.
1453330_10200319320260624_1889061803_n[1]
la nostra gloriosa scuola Maria Pia

L’antico orologio finalmente restaurato

orologio del maria pia

L’edificio scolastico “Maria Pia” è stato per anni l’unico luogo ufficiale adibito all’insegnamento, fino all’edificazione del plesso scolastico, che sorge in via Zingaropoli, sulla parte alta del paese, intitolato al Maestro e Direttore didattico Michele Nesca.
In seguito, a causa dell’incremento della popolazione dovuta all’insediamento di nuovi nuclei familiari, venutisi a stabilire nel nostro paese, con l’avvento dello stabilimento Siderurgico, si rese necessaria l’edificazione di un nuovo edificio Scolastico, ubicato, questa volta nella parte bassa del paese nella zona denominata “Serro” intitolata al personaggio politico Alcìde De Gasperi.
Ma nuove scuole e nuovi “Asili” si svilupparono rapidamente su tutto il territorio sangiorgese, tra Scuole Statali, Private, dell’Infanzia, Elementari e Medie, fino a raggiungere il ragguardevole numero di circa una ventina.

Eccole:

SCUOLE STATALI

Costantinopoli
Scuola materna (dell’infanzia)
Contrada Serro – Cap: 74027
Telefono: 099 5926249; Fax: 099 5910305
Codice Meccanografico: TAAA08302Q

Leonardo Da Vinci
Scuola materna (dell’infanzia)
Via Del Canaletto – Cap: 74027
Telefono: 099 5916764;
Codice Meccanografico: TAAA80401L

G.Pascoli
Scuola materna (dell’infanzia)
Via IV Novembre S. N. – Cap: 74027
Telefono: 099 5929830; Fax: 099 5929247
Codice Meccanografico: TAAA80400G

I° Circolo Didattico Maria Pia
Scuola materna (dell’infanzia)
Via Quattro Novembre 1 – Cap: 74027
Telefono: 099 5915264; Fax: 099 5910305
Codice Meccanografico: TAAA08300N

Pier della Francesca
Scuola materna (dell’infanzia)
Via Pier Della Francesca – Cap: 74027
Telefono: 099 5916762; Fax: 099 5910305
Codice Meccanografico: TAAA08304T

De Gasperi
Scuola elementare (primaria)
Contrada Serro – Cap: 74027
Telefono: 099 5929965; Fax: 099 5910305
Codice Meccanografico: TAEE083032

I° Circolo Didattico Maria Pia
Scuola elementare (primaria)
Via Quattro Novembre 1 – Cap: 74027
Telefono: 099 5915264; Fax: 099 5910305
Codice Meccanografico: TAEE08300V

Maria Pia
Scuola elementare (primaria)
Via Quattro Novembre, 1 – Cap: 74027
Telefono: 099 5919988; Fax: 099 5910305
Codice Meccanografico: TAEE08301X

Michele Nesca
Scuola elementare (primaria)
Via Don Bosco – Cap: 74027
Telefono: 099 5915265;
Codice Meccanografico: TAEE80402V

Giovanni Pascoli
Scuola media (secondaria di I grado)
Via IV Novembre S. N. – Cap: 74027
Telefono: 099 5929830; Fax: 099 5929247
Codice Meccanografico: TAMM80401R

Giovanni Pascoli
Scuola Superiore:
Via IV Novembre S. N. – Cap: 74027
Telefono: 099 5929830; Fax: 099 5929247
Codice Meccanografico: TAIC80400Q

I.T.I. Falanto Sez. Stacc. Serale
Scuola Superiore: Istituto Tecnico Industriale
Via V. Da Feltre, 57 – Cap: 74027
Telefono: 099 5926481; Fax: 099 5926481
Codice Meccanografico: TATF024513

Sezione Staccata I.T.I. Falanto
Scuola Superiore: Istituto Tecnico Industriale
Via V. Da Feltre 57 – Cap: 74027
Telefono: 099 5926481; Fax: 099 5926481
Codice Meccanografico: TATF02401N

SCUOLE PRIVATE

Angelo Parabita
Scuola materna (dell’infanzia) – Paritaria
Piazza Asilo Brigida Pastorino 3 – Cap: 74027
Telefono: 099 5919023; Fax: 099 5919023
Codice Meccanografico: TA1A01900X

Il Pulcino D’Oro
Scuola materna (dell’infanzia) – Paritaria
Via Giotto 1 – Cap: 74027
Telefono: 099 4004051; Fax: 099 4004051
Codice Meccanografico: TA1A083007

Mary Poppins
Scuola materna (dell’infanzia) – Paritaria
Via S. D’Acquisto, 57 – Cap: 74027
Telefono: 099 4005621; Fax: 099 4005621
Codice Meccanografico: TA1A034002

Speedy Gonzales
Scuola materna (dell’infanzia) – Paritaria
Via Valle D’Aosta, 8 – Cap: 74027
Telefono: 099 5919841;
Codice Meccanografico: TA1A033006

Walt Disney Scuola materna (dell’infanzia) – Paritaria
Via Verga 2 – Cap: 74027
Telefono: 099 5918892; Fax: 099 5936908
Codice Meccanografico: TA1A03500T

I Piccoli Balilla e gli esercizi ginnici

disciplina sportiva...esercizi ginniciesercizi Plesso Maria Pianelle cave

Amici, ieri sera ho avuto la gradita visita del prof. Lucio Fabbiano il quale mi ha portato un prezioso bottino di fotografie rarissime. Ne pubblico solo una per suscitare il vostro interesse. Si tratta degli esercizi ginnici dei “piccoli balilla”, al tempo del Fascismo. Scolaresche si esercitano nel cortile dell’Edificio scolastico Maria Pia con la divisa voluta dal Duce. Le bimbe indossavano la gonnellina a pieghe nera e la camicetta bianca. Si evince la lunga scala che dalla direzione portava verso la palestra all’aperto. Le finestrelle davano luce ai locali sottostanti della refezione!

Nella quarta foto invece ancora un importante documento: piccoli balilla accompagnati dal Maestro Fabbiano in visita nelle tagghjate. Notare il bambino con “la cataredda” sulle spalle e la tanta tristezza negli occhi.. lui non frequentava la scuola, era a lavorare nelle tagghjate ad arrotondare col suo lavoro il misero salario del genitore.

“La santa Monica”

Congelati di guerra

AGOSTINO-E-MONICADEF[1]

Il 27 di agosto la chiesa cattolica ricorda Santa Monica, madre di Sant’Agostino.
Questa data non dirà molto ai più giovani, ma chi ha superato gli “anta” da un bel po’ e ricorda quando le sere di estate si trascorrevano seduti in compagnia davanti all’uscio di casa e non davanti alla TV, di Santa Monica forse si ricorda.

Si ricorderà, forse, di un rito conosciuto e praticato in particolar modo dalle nostre mamme e nonne.

Santa Monica, madre premurosa in maniera esemplare, aveva fatto voto di non abbandonare il figlio Agostino nelle sue peregrinazioni finchè questi non si fosse convertito al cristianesimo; la tenacia e la perseveranza della madre compirono il miracolo e Agostino finì per battezzarsi. Santa Monica ritenne così di aver compiuto con ciò la propria esistenza terrena e si spense serenamente ad Ostia, vegliata dal figlio, futuro padre della Chiesa.

La fede popolare quindi vede in questa santa una mediatrice per ricevere notizie riguardanti i figli dispersi e perduti. Pertanto ci si rivolgeva a Lei per ottenere notizie tramite delle preghiere e una specie di invocazione, formulata dalla stessa fede popolare .
Vi spiego…
Il rito si dovrebbe fare la notte fra il 26 e il 27 agosto, ma si può fare alla mezzanotte di qualsiasi giorno ed è molto semplice:
si tratta di recitare 1 Pater, 1 Ave, 1 Gloria e si prosegue con l’invocazione a Santa Monica:

“Santa Monica pietosa,
santa Monica lacrimosa;
a Roma andasti e da Milano venisti;
e come portasti notizie del tuo figliolo,
così portami notizie di… ”

( si chiede notizie della persona amata)

Recitate le orazioni si restava in ascolto, trepidanti, per trarre l’oroscopo lieto o triste dei propri affanni, delle proprie speranze, dai fatti che si svolgono giù per la strada ed oltre, qualsiasi manifestazione esterna vista ed udita sarà considerata un segno rivelatore: ciò che dicono i passanti, un canto di uomo o donna, un pianto di bambino o adulto, una risata allegra o sghignazzata, una porta sbattuta violentemente, un cane che abbaia, il fischio del treno ed anche gli elementi atmosferici, cioè pioggia, vento, temporale, eccetera.

Naturalmente oggi questo potrebbe far sorridere molti ed altri avranno pronte spiegazioni che parlano di suggestione, superstizione e quant’altro.
Per quanto mi consta personalmente, mia nonna Rata (Addolorata) praticò questo rito e ebbe notizie del figlio Antonio, disperso in guerra nell’ultimo conflitto mondiale.
E seppe che era vivo ma era rimasto gravemente ferito. Cosa vide esattamente non l’ho mai saputo, ma mi rimane il vago ricordo di come lei cadde in una specie di abbattimento morale dal quale si riebbe soltanto quando il figlio fece ritorno definitivamente a casa, con i piedi ridotti a moncherini a causa di un grave congelamento ad ambedue gli arti inferiori.

Lu laùru

Carretto1]

Laùru – Folletto, spiritello della casa. Molte sono le leggende popolari che si raccontavano sulle stranezze di questo folletto l’inverno attorno al braciere o nelle sere d’estate seduti sull’uscio di casa. I racconti relativi a questo strano personaggio, a cavallo tra la fantasia e la realtà, avevano tra i protagonisti favoriti le donne, gli uomini e i “travinieri” o perlomeno coloro che possedevano un cavallo o un somaro.
Accadeva infatti che di buon mattino, quando non era ancora giorno, il contadino si recasse nella stalla a ”governare” la sua bestia prima di intraprendere una lunga giornata di lavoro, e vi trovasse alcune stranezze che con la sua semplice ragione non sapeva giustificare. La coda del cavallo abilmente intrecciata o annodata, i secchi con la biada capovolti e rovesciati per terra, le stringhe delle scarpe legate in maniera intricata e berretti da notte sottratti inspiegabilmente ai rispettivi proprietari.
Le donne erano prese di mira dagli interventi del laùro molto più che gli uomini. Questo invisibile spiritello della casa amava trastullarsi piacevolmente, tormentando non poco le donne, procurando loro dispetti di ogni genere. La notte si sedeva sul loro stomaco procurando sensi di pesantezza e di soffocamento, tirava loro le coperte di dosso, scarmigliava i loro capelli e li annodava o intrecciava in maniera intricatissima e la povera sfortunata, per non ricorrere alla forbici era costretta ad impiegare moltissimo tempo per recuperare integra la sua chioma. I crampi notturni alla estremità ? Erano opera del Laùro, naturalmente.

Si racconta che moltissimi anni fa, una famiglia decise di traslocare per sottrarsi ai disagi che questo folletto procurava loro.
Era il giorno di Santa Maria, il 15 agosto, giorno in cui scadevano i contratti d’affitto. La famiglia caricò tutte le masserizie sul travino e fece con questo mezzo di trasporto tutti i viaggi necessari per trasferire nella nuova casa le povere cose, i poveri mobili. Nell’ultimo carico montarono su la moglie, le suocera e i tre figli…portavano anche “lu catarieddu” con qualche tegame di terracotta essendo oggetti preziosi per la vita della famiglia… Ad un certo punto, mentre arrivarono a pochi isolati dalla nuova casa, incontrarono un conoscente che gridò al loro indirizzo” Wè cumpa’ Mimi’, ce ste faci’? addò ste ve’???” Ma prima che l’interpellato avesse modo di rispondere, si alzò come per incanto il coperchio della caldaia e uscì una testa strana di folletto mai visto prima che rispose” stà scasamu ca addà nonci putemmu sta’ cchiù”.

Cono di nebbia

Lu vùummile

A sera quando
si spegne anche l’ultimo
asterisco di luna
sorgono dai meandri
della memoria
iconografie amiche.

Vestono abiti azzurri
e sonagli d’infanzia
tra le dita.

Nel sogno
rincorro una bimba
abbandonata
tempo addietro
nello scroscio
di una fontana di paese.
– Ludica moscacieca
di stagioni
che vendemmia uve
di rimpianti –

Lei nel sogno
si lascia afferrare,
ma…
come un cono di nebbia
mi si scioglie
tra le dita…

La lieta stagione dell’infanzia

dolcissima adal'infanzia doratalu boccolettu

Anche se è noto a tutti in quali e quante ristrettezze abbiamo vissuto dopo la guerra nei nostri paesi, pure, in alcune rarissime foto ci sembra che la stagione indimenticabile dell’infanzia sia stata dorata e serena. Se lo è stata è certamente merito della famiglia, quel nucleo fondato sul legame di sangue che ha saputo tessere attorno ai bambini una “rete” di protezione, di tenerezza, e di predilezione tale da far apparire il mondo, il paese, la famiglia stessa, magari stretta in tante difficoltà del vivere, una sorta di eden domestico.

Giacchè sono in possesso di due splendide fotografie, anzi tre, in una delle quali si fa largo e felicemente, un primo tentativo di colore, da parte del Perrini ( foto delle dolcissima Ada Triuzzi),e in un’altra che ritrae Giorgio Fabbiano col cappellino e la divisa di piccolo Balilla, ed una rarissima foto mia da addebitare sicuramente ad uno scatto magico del fotografo ambulante,oggi vi voglio deliziare con questo spaccato dedicato all’infanzia di un tempo il cui ricordo che non vuole ancora lasciarci, e tenace dimora in noi, in quel “fanciullino” che fummo!

la casa a cannizza

corredo2corredi preziosi1la vucciarìa

la casa a cannizza

la casa a cannizza

Amici, la preziosa occasione offertami dall’incarico del mio Parroco di organizzare degli eventi culturali in occasione della festa patronale, mi ha dato la possibilità di entrare nelle case e fare razzia delle loro cose più preziose..tra queste le foto e i capi di corredo di cui ogni donna và giustamente fiera. Non potete immaginare! Nelle case di gente povera, all’apparenza, quando aprono le loro credenze, i loro cassetti, i loro comò, escono cose magnifiche…preziosi corredi, ricamati fino a tarda notte, le frange degli asciugamani di lino, intrecciate a mano con abilità incommensurabile…tovaglie ricamate con punti di ricamo che oggi sono impensabili!
Quando nasceva una figlia, non era ancora stata battezzata e già la madre aveva cominciato ad aquistare il famoso Corredo dalle famose signorine Romano! Si cominciava con le lenzuola, gli asciugamani..le tovaglie, le camicie da notte, le sottanine di flanella e di mussolina…quanta roba, quanta roba…roba che talvolta non si riusciva a consumare durante tutta una vita!
Tante cose belle e preziose, le persone alle quali mi sono rivolta mi hanno dato ampia disponibilità di scelta…io ho fotografato tutto..ho inventariato tutto…quando mi davano qualche cosa da esporre era come se mi dessere una parte di se stesse…una signora permttendomi di prendere un quadretto di sant’Anna vecchio di almeno 80 anni, lo baciò e con grande venerazione disse “sant’anna mea, stè jessi ti casa”, io fui assalita quasi da sgomento, avevo una grande responsabilità…e fui assalita da gravi preoccupazioni, e se di notte qualcuno avesse forzato quella porta che con una spallata si sarebbe potuta aprire? Chi avrebbe pagato? chi avrebbe avuta la responsabilità di una perdita affettiva di quel valore?
ma poi il Signore ha voluto che andasse tutto bene e che la mostra abbia riscosso il successo sperato.
le foto sono state un punto di attrazione straordinaria! le avevo scelte perchè raccontassero qualcosa, più che mostrassero qualcuno!
Una foto di nozze della cara amica Cettina Favale ha qualcosa che mi affascina e che desidero sottoporre alla vostra attenzione, sullo sfondo del corteo si vede la casa “a cannizza” di Annina la bburraska, della quale ho postato una foto alcuni giorni fa… più che il corteo di Cettina e del suo sposo Giuseppe Giacobino, belli come il sole ambedue, circondati da una “scamunèra di piccinni” è quella casa che si impossessa della mia anima e la tiene stretta nel suo pugno.