Suite

             Ora che mi parli così

             il pensiero s’invòla,

             ora potrei annullare

             il silenzio di un anno

             di un giorno di un’ora.

             Ora che il verso mi porge la rosa

             e tre perle tremanti d’aurora,

             mi porgi d’amante il verso atteso

             e distante.

             Ora che muovi i tuoi primi passi,

             e passi sul cuore la mano soave

             e mi parli, mi  parli  piano,

             sussurri un brusìo di parole

             e gridi i tuoi versi

             più inediti e arditi.

             Ora che torna la primavera

             che ieri non fu,

             che oggi si avvera,

             tra cespugli di rose festose

             e forte mi chiami, più forte

             il tuo verso d’amore

nel mezzo di un fuoco mi gridi

e “Il sogno di te non muore ancora

Sì, ora!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...