Archivio | ottobre 16, 2020

La via delle fate

Sedia antica con spalliera importante decorata da me e donata agli abitanti di Via Bellinzona

Oggi sono andata a vedere via Bellinzona! I miei occhi hanno visto cose mai viste! Mi complimento con gli abitanti di questa parte storica del nostro paese…mi complimento per la loro creatività per quelle cassette dipinte con molta fantasia… per quel fascino che hanno saputo imprimere a quelle antiche porte… per il sole di oggi che si è pavoneggiato su quei balconcini. Grazieeee a tutti. Grazie a Maddalena Margherita, Italia e Nicodemo Cipriano… a Popola Forliano a Filomena l’Albanese, a Lina Campo, a Valentina Schirano… alla famiglia Trani. Ed altri abitanti che non conosco.

Qualcuno, nei commenti fatti su Facebook, ha definito questa via

LA VIA DELLE FATE ed è così che intendo intitolare questo post.

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 16, 2020, in varie. 2 commenti

Modi di dire della parlata sangiorgese 2

SALUTE MORTE E VITA

****

Diu nci libberi ti li vašci catuti

Dio ci liberi dalle basse cadute

La manu ti Diu è granne

La mano di Dio è grande

Diu vete e pruvvete

Dio vede e provvede

Ha sciu’ datu cuntu a Diu

E andato a dar conto a Dio

No ha dittu mancu Crišt’aiutimi

Non ha detto neanche Cristo aiutami

Stè more a onza a onza

Sta morendo a goccia a goccia

Stè ssàcca

sta esalando l’ultimo respiro

Ni stè llassa

Ci sta lasciando (è prossimo alla fine)

Ha difrišcatu

sta( finalmente) riposando

Si stè spiccia l’ogliu alla lampa

Si sta consumando l’olio alla lampada

Stè cchiu ‘dda ca qua

Sta più all’altro mondo che sulla terra

Stè camulescia

Si sta consumando

Morte priàta nonci vene maje

la morte invocata non viene mai

Sulu alla morte no s’acchia riparu

Solo alla morte non c’è rimedio

La morte no trimenti ‘nfacci nisciunu

La morte non guarda in faccia a nessuno

Ha stinnutu li pieti

Ha steso i piedi

Jddu spetta a nuie

egli aspetta noi

Ha sciutu ripa ripa cu more

Ha rischiato di morire

Uaje cu la pala e morte maje

Guai con la pala e morte mai

Si sape addò si nasce e no si sape addò si more

Si sa dove si nasce ma non si sa dove si muore

Na vota si nasce e na vota si more

una volta si nasce e una volta si muore

Na corta malatia e na santa morte

una corta malattia ed una santa morte

Alla lampa alla lampa, a ci more e  ci campa

così va il mondo,c’è chi muore e c’è chi vive

Puezzi sta bona e mai malata

possa stare sempre bene e mai ammalata

Passa lu santu e passa la festa

Una cosa o si fa subito o passa in prescrizione cadendo nel dimenticatoio

Mi stun’a fiskunu li recchj

Sentire un prolungato fischio nelle orecchie

era segno che qualcuno stava parlando male di noi alle nostre spalle.