Archivio | ottobre 14, 2020

Modi dire della parlata sangiorgese: caratteri

                    Caratteri

( Pittoresche descrizioni della variegata personalità degli esseri umani, universalmente nota come: carattere )

E’ cchju bruttu ti lu debbitu

E’ più brutto del debito

E’ nu paja notte-

 E’ una persona che prende a credito e paga

in ritardo

Tene la capu tosta comu la petra ti Trani

Ha la testa dura come la pietra di Trani

Ti lleva li mazzati t’intr’alli mani

Ti toglie le botte dalle mani

Si faci passa’ li carrozzi ti ‘ncueddu

Si fa passare le carrozze da dosso

Stè caccia la capu t’intr’allu saccu

Sta prendendo confidenza

No si sente mancu lu fiatu

Non si sente neanche il fiato

 E’ scurdatizzu

 Si dimentica le cose

Menza mitodda

mezzo cervello ( di scarsa intelligenza )

E’ nnu pizzu piu

Piagnucola sempre

E’ nu maccarrone senza cavatu

E’ un maccherone senza foro

Ha sciutu a rasu e a vinutu a curmu

E’ andato raso ed è tornato colmo

E’ nu monicu circatore

E’ un monaco questuante

A ci no vo’ li uecchi ti fore

agli invidiosi gli cadano gli occhi

Si n’enchj li uecchi

se ne riempie gli occhi per la gioia

E tuestu ti recchia

E’ duro di orecchio/ non vuole udire

 E’ nu tàgghia tàgghia

e’ un maldicente

E’ strittu ti manu

E’ stretto di mano/ E’ avaro

E’ na lenga longa

Parla troppo

E nu bugliardu

E’ pieno di sè

No lli puè diciri mancu “ce beddi uecchi tieni

Non li puoi fare neanche un complimento

Ni tène saette !

Ne ha di saette, ne ha di furbizia!

No si lu scorda lu uevu allu fuecu

Non dimentica l’uovo al fuoco

E’ nu scrianzàtu .

non porta rispetto, non ha creanza

E’ nnu pacione

E’ un pacioccone

Iddu si sona e iddu si canta

lui suona e lui canta

Ci li rašca l’anima

Se ha un po’  di compassione

Tene la scioc(o)la

E’  un giocherellone

Ti faci scènnere lu latte

E’ lento da morire

E’ nu capu ti ciucciu

E’ un somaro

E’ nu ciucciu ti fatìa

lavora come un somaro

Ste fatìa a dalle a dalle

sta lavorando di gran lena

No nni voli pagghja lu ciucciu

testardo nell’apprendimento

No è vientu ti caccia’ pagghja

E’ incapace

E’ sanu sanu

E’ comu l’ha fattu la mammisa

E’ rimasto come al momento della nascita

cioè non educato ,non evoluto

No sapi fa mancu o cu lu bicchiere

Non sa fare neanche o con il bicchiere

(tanto è ignorante)

No è piettu lu sua

metafora di incapacità

Ve chiancennu miseria

millantatore di miseria

No capešce raggione

Non intende ragione

E’ nu capu ti siddone

E una testa di sellone

Faci sciacqua e scetta

E’ uno scialacquone

S’ha fattu tunnu tunnu

Si è fatto tondo tondo

S’ha fattu na capu manciata

( ha fatto un ottimo pranzo)

S’ha fattu a rizzu

Si è fatto a riccio ,si saziato e gonfiato

come un riccio.

Mancia pane a tradimientu

Manciare a sgruèccu

Chi mangia a spese altrui

L’ardora ancora la vocca ti latte

E’ ancora troppo piccolo

E’ nu ciucciu ti fatìa

Lavora come un somaro

Ti lu puè bbive’ ‘ntra nnu bbicchiere t’acqua

Te lo puoi bere in un bicchiere d’acqua

E’ nu cristianu ti menza parola

E un uomo di parola

Tene lu core šcattatu

Ha il cuore scoppiato

Tene lu core cripintàtu

Ha il cuore rotto ( dal dispiacere)

L’onu fattu la mascìa

Gli hanno fatto un incantesimo

Comu la sapi longa

Come la sa lunga

Comu la sapi cunta’

Come la sai raccontare

Stè llava li pieti a Crištu

Sta lavando i piedi a Cristo

Ci ti rašca l’anima

Se hai compassione

Comu ve bbissacchiatu

Come vai gonfio

Ci m’agghja fa scanna’

mi fazzu scanna’ ti nu vucciere bbuenu

Se mi devo far uccidere

 mi faccio uccidere da un buon macellaio

( se devo farmi curare vado da un buon medico)

No si po’ cògghiere cchjù

Non si può più sbrigare

Po’ dòrmere a capitale jertu

Può dormire tranquillo

Sta cosa l’ha trapanatu

Questo evento lo ha sconvolto

A cci tanta  tanta e a cci nienti nienti

A chi tanto e a chi poco

Vo’ purtatu culli cìncili ciàncili

Vuole essere trattato con premure e gentilezze

S’onu cucchiatu lu tiavulu e l’acqua santa

Si sono messi insieme il diavolo e l’acqua santa

Stè faci l’acieddu ti lu malaùriu

Sta facendo l’uccello del malaugurio.Iettatore- menagramo

( l’uccello in questione è la civetta:cuccuvàscia-

secondo un’ antica credenza il canto lugubre

di questo  uccello era presago di lutto)

Pizzica sotta pi sotta

Pizzica e no pare

Pizzica alla citta

Con questi motti si soleva dire di colui( o colei)

 che trama alle spalle,pizzica, fa del male

Mena la petra e sconne la manu

Tira la pietra e nasconde la mano

Si dice di colui che lancia un’accusa

e poi fa finta di niente

Ppizzica fuècu – mentre nei tre verbi precedenti “ pizzica” deriva da “pizzicare”, ovvero tirare pizzicotti. in questo  si intende accendere

ppizzica fuecu è colui che col suo atteggiamento fa scatenare un putiferio e magari ne esce indenne.