Archivio | settembre 16, 2019

ODORI DI MOSTO NELL’ARIA

pigiare.jpg

 

Nei paesi

escono ancora folate

di odori di mosto

dai palmenti familiari.

 

Nubi di moscerini,

sospinti dal vento di scirocco,

avidi di zuccheri,

sciamano all’arrembaggio

di vetrate lucenti,

si appostano

dietro tendine di filet.

 

I torchi spremono l’ultimo succo

dai raspi ormai anemici.

Cadenzati suoni

accompagnano il duro lavoro dell’uomo,

ancora forti braccia

lo distillano

in questo mestiere antico

che seppe ingannare  Polifemo.

 

Fermenterà a lungo

nelle giare dal gravido ventre

a custodire e maturare

l’agognato nettare di Dioniso,

capace di deliziare le gole

ed annebbiare le menti.

Annunci