l’UOMO CHE NON C’ERA

20160920_1130382575

 

 

L’UOMO CHE NON C’ERA

(splendida terra di mezzo)

 

Amici che viaggiate

in questa splendida terra di mezzo

e avete occhi per guardare altrove

a avete mani per prendere il vento

io sono l’uomo che non c’era

proprio quando ce n’era bisogno

 

amore amore amore

di tanta ben delineata incertezza

hai niente da dire alla notte

stanotte che il cielo non basta

io sono l’uomo che non c’era

quando tu mi cercavi per strada

 

e madre, oh madre

smarrita tra i fogli e le foglie d’autunno

che vennero antichi poeti

ad accendere questa candela nel vento

io sono l’uomo che non c’era

proprio quando ti stavi spegnendo

 

e figlia figlia

che non hai ereditato il ricordo

e hai imparato a contare guardando le stelle

ed a camminare cadendo

io sono l’uomo che non c’era

quando c’era da prenderti in braccio

 

e dove cammina il tuo passo

diventa uno splendido pezzo di mondo

quel metro quadrato di vento

che chiudo nei sordi recinti che ho dentro

io sono l’uomo che non c’era

quella notte che stavi cadendo

 

amici che viaggiate

in questa splendida terra di mezzo

che avete occhi per guardare oltre

a avete chiavi per chiudere il vento

io sono l’uomo che non c’era

proprio quando ce n’era bisogno

 

Testo di Fabio Pignatelli, MIO FIGLIO

Annunci

2 thoughts on “l’UOMO CHE NON C’ERA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...