Archivio | aprile 22, 2018

La leggenda di San Giorgio

31124349_10215296995048998_4448302091162695655_n

La Leggenda di San Giorgio martire, Patrono del mio paese è stata, nel 2000, riscritta e ricomposta da me, servendomi della trasmissione orale degli anziani del mio paese. La versione più nota resta quella pubblicata dal maestro Cosimo Quaranta, appassionato ricercatore delle nostre tradizioni, che è stato il mio mentore fino alla fine dei suoi giorni.

 

LA LEGGENDA DI SAN GIORGIO

 

Prologo:

Tu Spiritu Santu ti ‘ncielu scinnisti

Figliolu ti la Vergine Maria,

subbutu alla bon’ora ti partisti

cacciasti n’anima ti la ‘bbifania.

Cussì digghj cacciari a me,Signore,

di ogni mali e di mali pinzieri.

Sciamu alla terra di Monte Paganu

‘ddà ha natu n’aspru sirpente

‘ddò ogni mamma a sce’ duna’ la figlia

pi tinerlu tranquillu e cuntente.

 

“Osci tocca a me, Signore Dio,

vado alla morte che mi ha dato Dio”

’ddò la purtamu sta crona ‘ncrunata,

mancu ci fosse Diu simigliata ?

Ret’a nu muru ‘nci la sce’ lassara

chjanancennu e lacrimannu l’accumpagnara.

 

Mo si prisenta nu giovini ‘ncavaddu

era San Giorgi e santu cavagliere

armatu sceva, senza nisciunu pinziere.

“Donzella, ‘ddò ste ve sola soletta,

sola soletta senza cumpagnia?”

“ Vocu alla morte ca m’ha datu Diu”

“ Assièttiti nu pocu mia dunzella,

quantu mi cierchierai nu pocu la testa.”

Sùbbutu la dunzella s’ha ‘ssittatu

la testa a Santu Giorgi l’ha ‘ncirchiatu.

Mo ci sa vistu la testa bagnata

sùbbutu all’arme della sua donzella:

 

 “ C’ete dunzella mia ca sempre piangi?”

 Mo vene lu dragone e a me mi mangia”

Sùbbutu Santu Giorgi s’ha misu all’impiedi

‘ngruppa allu suo cavallu l’ha minatu,

sùbbutu lu sirpente dette nu ballu

toccò li piedi di lu suo cavallu.

“Apra la bocca nigru serpente,

ca ti vogliu mina’ la criatura!”

 

Sùbbutu lu sirpente aprìu la vocca

San Giorgio li minò la lancia ‘mmocca.

Mo risposi n’Ancilu dal cielo:

“Ferma lu puzu Santu Cavagliere

ferma lu puzu Santu di facore

oggi t’è ‘uadagnatu nu grande onore:

ti stu paìsu si’ Santu protettore”.

 

Questa é la storia di Santu San Giorgi

‘iata ci la sape e ci la dici,

a ci la dici tre vote la dìa

ni caccia n’anima di la ‘bbifania,

A ci la dici tre vote la notte

libbera n’anima di la mala morte,

A ci la dici di cori e d’ammente

ni caccia n’anima di lu focu ardente.

 

Annunci