Proverbi dei mesi e delle stagioni

calendario-2018-comemoracoes-diversas

 

PROVERBI DEI MESI E DELLE STAGIONI

Ci Scinnaru no scinnarèscia

Fibbraru mali la pensa

E ci Fibbraru l’aveva tutti

Faceva quagghjà lu mièru ntra li vutti

( e ci marzu vòle faci saltà l’ogni allu vòve)

Se Gennaio non sarà molto rigido

Farà freddo a Febbraio
E se Febbraio avesse tutti i giorni

Farebbe solidificare il vino nelle botti.

( e se Marzo vuole farebbe saltare le unghie al bòve)

Scinnàru siccu

Massaru riccu

Se  Gennaio sarà secco
Il pastore sarà ricco

Pasca Bbifania tutti li fiesti si porta via

Risponne la Cannelora” stoch’iu ancora”

L’Epifania tutte le feste porta via

Risponde la Candelora “ ci sono io ancora”

Ti la Cannilora la nvernata è fora

Ma ci la sè cuntà n’otr’è ttanta nci ni stà

Per il giorno della Candelora (2 Febbraio)

Dell’inverno siamo fuori.

Ma se conti bene ci sono altrettanti giorni

Perché arrivi la primavera.

Marzu assuttu

Cranu a tutti

Se a Marzo non pioverà

Ci sarà grano per tutti

Ti Santa Nnuzziata (25 Marzo)

La vigna apparicchiata

Per l’Annunziata tutti i lavori

Relativi alla vigna devono essere ultimati

Abbrile, ogni goccia nnu varrile

In aprile, ogni goccia un barile

Nn’ acqua ti Marzu e doje t’Aprile

Biatu lu carru cu tuttu lu tiru

Una pioggia di Marzo

E due d’Aprile

Farà beato il carro e i buoi che lo tirano

Aprile, dolce dormire,

ci no mmanci do voti la dìa spiri.

Aprile dolce dormire

Se non mangi due volte al giorno spiri.

Ti sant’Anastasu ogni fava ha fattu lu nasu (27 aprile)

Di Sant’Anastasio le fave hanno fatto il nasello

Abbrili faci li fiori e a Marggiu vonu l’onori

Aprile prepara la fioritura e Maggio raccoglie gli onori

Màsciu, tienimi ca càsciu

Maggio, tenetemi se no vengo meno, cado.

Ti Sant’Antoniu lu culùmmu pi tistimòniu

Ti San Giuvanni pigghia culùmmi e mienili ncanna (24 Giugno)
Il giorno di San Giovanni i fioroni sono maturi

Giugnu, falce ‘mpugnu.

Giugno , è tempo di mietere.

T’agosto, uegghiu e mosto

Agosto olio e mosto

Ci uè faci nnu buenu mustu

Zappa la vigna lu mese t’agosto

Se vuoi un buon mosto

Zappa il vigneto nel mese d’Agosto

Ci t’Agosto no tti vististi

Mali cunsigli avìsti

In Agosto non ti scoprire troppo

Ci uè acqua chiama vientu

Il vento è foriero di pioggia

Cielu russu acqua ‘nfussu

Cielo rosso acqua nel fosso

Quannu è tiempu ti vinnegna (Settembre)

“ziu cc’è vegnu, ziu cc’è vegnu”

Quannu è tiempu ti zzappa e puta

No si vetinu li niputi.

Al tempo della vendemmia

I nipoti vorrebbero venire

Ma quando si tratta di zappare e potare

I nipoti spariscono

Ti San Frangiscu li sète allu canìstru

Per San Francesco (4 Ottobre)

i melograni nel paniere

T’ognissanti ogni èrva chianti (1° Novembre)

Per la Festa di Ognissanti puoi piantare

Le talee di tutte le piante con successo assicurato

Ti Sa’Mmartinu ogni mustu diventa vinu (11Novembre)

Per  il giorno di San Martino

Ogni mosto diventa vino

Natale assuttu e Pasca mmuddata

Facinu gruessu lu picciddatu

Natale asciutto e Pasqua con la pioggia

Fanno pane abbondante

Ti Pasca e ti Natale sontu ricchi li furnari

Quannu passunu li fiesti von’acchiannu turnisi ‘mpriestu.

a  Pasqua e a Natale i fornai si arricchiscono,

passate le feste chiedono soldi in  prestito.

Ti Santa Lucia tanta la notte e tanta la dìa  (13 Dicembre)

Il 13 Dicembre la notte dura quanto il giorno

10153284_10202729159363177_5724304671399691964_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...