Archivio | ottobre 30, 2017

Mendicante d’azzurro

AZZ

 

azzu

Mendicante d’azzurro

 

 

Non darti pensiero per me,

sarà questa assurda nostalgia di sole

che mi prende a settembre

mese in bilico tra voli a raso terra

e desiderio di essere aquila,

mentre mi dibatto

come allodola ancora viva nel carniere

ferita, azzoppata, bisognosa di cure e di calore.

Sono giorni umidi

e mi fanno vaneggiare di sabbie  e di scogliere

che oggi più che mai sento lontane.

Lontane sono le rondini

nunzie di agognate primavere.

E questo cuore naufrago

attraccato a moli sgretolati

avverte sensazioni

di vuoto sotto i piedi.

Il cielo si nasconde ai miei occhi

sotto un alibi di nuvole

e sento la carezza bagnata dell’autunno

che avanza con andatura greve,

mendicante d’azzurro.

 

 

14/9/2008

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 30, 2017, in varie. 1 Commento