Archivio | settembre 7, 2017

Uva Dorata

21462673_10213454970879545_7393735752265291213_n21371337_10213454970239529_819517928861660362_n

21317522_10213456877487209_5566238244982795732_n

21430107_10213456876927195_6792932878553739889_n

 

Amici, siccome mi stò arrovellando nella ricerca dell’etimologia del nome ùa TI VRACA…la mia amica Ada Guarini ci ha dato una dritta di tutto rispetto, Vraca è una storpiatura di DURACA… Facendo ulteriore ricerca ne ho potuto accertare la veridicità …

è inutile dirvi che leggendo queste notizie prese dal web posso finalmente mettermi l’anima in pace. FINALMENTE!!!

Home » Arca del Gusto » Italia » Uva Baresana
Uva Baresana

L’uva Baresana si produce in provincia di Bari da tempi remoti; le prime citazioni bibliografiche risalgono al 1700, ma si presume fosse già presente in zona. Il nome ‘Baresana’ è stato introdotto dai piccoli agricoltori per unificare commercialmente la miriade di nomi locali (ad Adelfia Duraca, ad Acquaviva delle Fonti Lattuario, altrove Sacra, Roscio, Imperatore, Turca, ecc.). Il vitigno è attualmente presente in vecchi vigneti promiscui dell’entroterra barese.

Questa uva ha acini croccanti, di colore bianco-giallo perlato trasparente, dalla buccia sottilissima e di grandezza variabile, tra 1 cm ed 1,5 cm di diametro. Dolce e molto fruttata, se ne riconosce la giusta maturazione solo quando il chicco, diventando trasparente, lascia intravedere chiaramente i semini al suo interno. Il vitigno presenta un vigore molto elevato e talora eccessivo; precoce nelle fasi fenologiche di germogliamento (25-30 marzo) e fioritura (20-25 maggio), matura solitamente a inizio settembre in controspalliera, a fine settembre nei tendoni. Il vitigno è capace di buone produzioni ma è consolidata la tecnica di diradamento dei grappoli per ottenere produzioni qualitativamente apprezzabili. Al raggiungimento di un elevato grado zuccherino sugli acini esposti al sole tende a comparire una caratteristica punteggiatura o rugginosità. L’uva è particolarmente apprezzata e ricercata per le peculiari caratteristiche organolettiche quali dolcezza, eccezionale croccantezza dell’acino e colore della buccia. Presenta una ridotta conservabilità (rapido disseccamento del rachide e perdita di turgore delle bacche) e conseguentemente scarsa attitudine al trasporto su lunghe tratte.

Allevati ad alberello classico o modificato a controspalliera, in cui si mescolano ceppi di diverse varietà da uva da vino e da tavola, e talvolta anche alberi di olivo e da frutto. In tempi non molto lontani l’uva baresana, per la sua dolcezza, veniva lasciata essiccare sulla pianta (ormai spoglia di foglie), per poi essere raccolta e cotta insieme ai fichi secchi per ricavare il noto e antico vincotto barese.

Questa uva rischia di scomparire in quanto il rischio che vengano espiantati i vitigni è molto alto. Infatti si sta abbandonando questa coltura per far posto a nuove varietà ibride e apirene più produttive.