Archivio | novembre 5, 2016

Sott’all’arli ti l’alie

olive

 

Jata a cci pane ‘ntra li visazzi tene

e si ddicrea cu nnu sursu ti vinu

ca quiro faci sangu ‘ntra lli vene

e dde la forza pi vincè lu distinu.

Li femmene scinucchiate stonu ‘nterra

a ccogghjiere stu tisoru t’intr’all’era,

la tramuntana li spacca li mani

nonci ete questa vita ti cristiani.

Si sente ti luntanu nna campana

Luntanu mo ste sona avemmaria

E la chiesiodda doce li ste chiama,

è tiempu di mmjarsi pi lla via.

Poessere cu passa nnu trainu

cu nni risparmia totta quera strata

di ore nnamu fattu cchju di otto

A nnuje ni vè comu nnu ternu a lotto.

Ddo alie morte, ntra lli sacche chine,

so’ sobbratav’la di sapore finu

pi nnuje l’alie sontu nnu caviale

cu pane tuestu e nnu gnuttu ti vinu.

showimg2

Beato chi ha pane nelle bisacce

E si ristora con un sorso di vino

Perché si faccia sangue nelle vene

E dia la forza per vincere il destino.

Le donne inginocchiate

Raccolgono il tesoro dentro le aie,

la tramontana spacca loro le mani

non è certo vita da cristiani.

Si sente da lontano una campana

È la campana dell’Angelus

Una chiesetta  dolce par che le chiami,

è tempo di avviarsi per la via.

Può darsi che passi un carrettiere

E ci risparmi tutta questa strada

Di ore ne abbiam fatte più di otto

 avere un passaggio

 è come aver vinto un terno al lotto.

Le tasche piene di olive dolci   ( appassite/ morte)

si gusteranno come companatico

dal gustoso sapore,

sono più preziose del caviale fino

con pane raffermo ed un sorso di vino.

Annunci