Archivio | marzo 6, 2016

Ringraziare è sempre doveroso

12822730_10208379404473557_1762433922_o12794634_10204156847481956_35180793430275940_n12670939_10204156845921917_7199352036496500966_n12806251_10204156846361928_8102268777472470705_n10626470_10204157384935392_2835179047568080961_n

12794333_10207773621049736_934164681044612031_n

12821568_10207773623289792_5652651268649482897_n

 

corretta

corretta2

Ieri sera presso la sede dell’associazione Agorà, che opera in San Giorgio Jonico, la presentazione dell’ ultimo lavoro della poetessa Anna Marinelli Racconti intorno al braciere” è stata una occasione per rispolverare usi e costumi, della nostra civiltà rurale. Dalle domande poste all’autrice, dal regista Fanelli, è emerso un periodo dove la solidarietà la toccavi con mano, una nascita e un matrimonio costituivano una gioia per la strada; un lutto era sinceramente partecipato dal vicinato che si stringeva attorno alla famiglia. E ” Racconti intorno al braciere” rievoca le serate d’inverno quando  la famiglia ( di solito numerosa) ascoltava le storie degli anziani. I racconti spesso avevano un confine sottile tra realtà e leggenda, e trasmettevano ai giovani ed ai ragazzi sempre messaggi di alto profilo morale, nella direzione del rispetto del prossimo e l’attaccamento al lavoro, a cui si era avviati sin da ragazzini, come nel caso ” di lu massarieddu di Faggiano “. Tra il pubblico, qualificato l’intervento del Prof. Pasquale Carone . la voce di Mina Cipriano che ha toccato momenti di vivo pathos leggendo ad un attento uditorio, il Racconto ” La piccenna ‘ntr’allu puzzu neru”.

Angelo Quaranta