Archivio | ottobre 18, 2015

Il “capocanale”

0000034700006

Capucanale – dal latino baccanalia: Pranzo offerto dall’imprenditore  agli operai al termine di una fase importante del lavoro:come per la fine della raccolta del grano, vendemmia o gettata del solaio nel caso della costruzione di una casa. Giorno atteso dagli operai perché il pranzo offerto dal datore di lavoro era da considerarsi luculliano: ed era costituito da orecchiette cu la ricotta asckuante o con ragù di pecora, involtini e polpette. Per stimolare l’appetito erano indispensabili le verdure crude: quali sedano (accia), finocchio, (finucchiu) e peperoncino piccante (chiavulichiu asckuante), il tutto annaffiato abbondantemente di primitivo o di moscato, qualità tipiche della colture vitivinicole del tarantino.