Santa Brigida, postina di Dio

rivelazioni-di-santa-brigida-di-svezia

Santa Brigida, postina di Dio

Rosarietta, la mia vicina, quella mattina venne a suonarmi alla porta e con un tono che non ammetteva repliche mi disse: “onu purtatu cummà Mimina

Era un annuncio abbastanza serio e comportava una visita da non procrastinare. Lasciai tutte le faccende e mi recai presso la casa della suddetta Mimina.

Era stata per tanti anni la mia vicina di casa. Poi con l’avanzare della vecchiaia e non essendo più in grado di attendere alle sue faccende quotidiane era stata accolta e assistita amorevolmente dalla figlia, che risiedeva nel vicino paese di Roccaforzata.

“onu purtatu nunna Mimina” riprese a dirmi l’altra vicina” pare che questa notte ha avuto la visita di santa Brigida, e lei era devota di questa santa, lo sai, no? -Diceva accorata Rosarietta,-  quando ricevono la visita di santa Brigida vuol dire che non c’è più nulla da fare e così è stato, ha chiuso gli occhi e s’è messa in agonia

Accostai la porta e andai subito a vedere l’agonizzante. Sì, era davvero così. Non era più in grado di conoscere e di parlare con nessuno, eppure fino a ieri ha cantato “finchè la barca va” diceva rassegnata la figliola di Mimina.

Il mio sguardo si posò su quel piccolo fardello di ossa, il respiro era spesso interrotto, a causa di alcuni momenti di apnea, cosa che dava a tutti i presenti l’impressione che quello fosse il suo ultimo respiro: i nostri sguardi erano come catturati da quel ritmo incostante.

Era silenzioso, questo si, lo devo ammettere, non emetteva rantoli. Mi sentivo coinvolta in un grande mistero. Come quella volta che assistetti alla morte della mamma di suor Romilda, di suor Lucia Rosa, la mamma di Mario.

Vedi , Anna, mi disse suor Romilda, mostrandomi i polpastrelli delle mani di sua madre divenuti bluastri, è gia iniziato il processo di necrosi. Parole e realtà a me fino ad allora sconosciute.

Fu da allora, forse, che cominciai ad interessarmi alla morte, a chiedere notizie “dell’ultimo respiro” . di come si annuncia la morte. Non tutti mi hanno sempre saputo rispondere. Molti di coloro ai quali ho chiesto notizie  e testimonianze più attendibili e di prima persona, non erano presenti alla morte dei loro congiunti. Forse tutti fanno di tutto per sfuggire quell’atroce momento. Cercano alibi plausibili per allontanarsi un attimo, sperando che in quel preciso momento “accada l’irreparabile”. Mentre ci trattenevamo accanto al capezzale della morente una delle anziane ha detto ancora qualcosa sulla devozione a santa Brigida. Anche sua nonna era devota a questa santa la quale annuncia, a coloro che la pregano, che in termine di pochi giorni dovranno morire. “ Io non farei mai una cosa del genere” disse un’altra signora del vicinato accorsa anche lei,  chiamata da un invisibile tam-tam che da lì a poco avrebbe fatto convergere quasi tutti gli abitanti della strada presso la casa della moribonda. E continuando”una volta mi è capitata tra le mani la “novena” a santa Brigida e l’ho subito strappata, non farei mai una cosa del genere”. Da questa affermazione che sapeva di sacrilegio si scatenò subito una ridda di interventi tra i presenti. “Mia nonna fu avvisata da santa Brigida e subito dopo cadde in coma e non si riprese più.Dopo quanti giorni morì ? ” Le chiesi più che mai interessata. “ Dopo tre giorni”mi rispose la signora.

Tre giorni dunque, Mimina poteva durare almeno altri tre giorni. L’agonia di Mimina però durò qualche giorno in più. Fu costante l’andirivieni dei parenti, figli, nuore,nipoti, figliocci e commari  e vicini di casa. Per tutti questi giorni non fu lasciata sola un momento, sia di notte che di giorno. Tutti lì, vicino a lei ad “assistere l’anima” , quell’anima che, forse a malincuore lasciava quel piccolo involucro di carne, che in gioventù era stato animato da laboriosità instancabile.

A tutti i vicini, gli amici, i parenti accorsi, la figlia di Mimina raccontava, sempre con lo stesso tono, sempre con la stessa rassegnata convinzione, sempre con le stesse parole che la sera precedente sua madre le aveva detto d’aver visto una bella signora. Le aveva preso la mano e gliela aveva stretto forte forte.

Da quel momento era caduta in coma e non aveva detto niente più. Lei però aveva subito pensato che fosse santa Brigida, perché sua madre era tanto devota di questa santa, la quale a quanti la pregano, annuncia il momento della morte per mettersi in regola con Dio, confessarsi e comunicarsi ed andare in Paradiso:

Bella questa santa. Postina di Dio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...