umili, preziosi sapori

Sarà perchè stiamo vivendo dei tempi di vacche magre, sarà perchè mi sto facendo vecchia e come le galline vecchie fanno buon brodo, io invecchiando sto migliorando con la cucina, riproponendo ai miei  i vecchi  piatti, le vecchie minestre di una volta…sempre lasciandomi trasportare sull’onda della memoria, che a volte accende veri e propri falò nella mia mente, e mi riescono particolarmente bene. Mio marito non fa che gustare tutto..richiedendomi anche volentieri di fare il Bis, di quello o quest’altro piatto…io sono felice dei suoi apprezzamenti ma devo tenerlo a freno, perchè essendo buongustaio, mangerebbe più di quanto gli è consentito da una buona e sana alimentazione.

Martedi scorso ho preparato delle polpette, e ricordando una cosa che faceva sempre mia madre, ho fritto alcune fettine di pane nell’olio delle polpette. Beh! l’ho fatto felice..

A volte, i nostri genitori, quando facevano le polpette, ed erano sempre poche , solevano friggere qualche fetta di pane raffermo… così, quando facevano le porzioni per se stesse si tenevano le fette di pane fritto…con solo l’odore della carne e lasciavano volentieri le pregiate polpette ai loro bambini… perchè, “dovevano crescere”. care, carissime le nostre mamme, solo ora comprendiamo il vero valore delle loro azioni.

pane fritto

pane fritto

Annunci

2 thoughts on “umili, preziosi sapori

  1. Io preferisco ancora oggi le polpette senza carne, fatte con pane formaggio uova ed una foglia di prezzemolo.
    Il più delle volte le polpette più gustose risultano dalla frittura dell’impasto avanzato dopo aver fatto il ripieno di melanzane, zucchine, carciofi, fiori di zucchine e seppie. Tutti questi ripieni si distinguono gli uni dagli altri, avendo però in comune il buon pane.
    L’ultima scoperta di mia moglie è il pane grattato tostato per condire la pasta con i cavoli: roba da farsi crescere i baffi….

    • Pietro, quanto al pane tostato non è una novità per noi… Quando non c’era formaggio si condiva la pasta con la mollica di pane soffritta nell’olio e si condiva la pasta… per la pasta con le cime di rape si aggiungeva anche l’acciuga…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...