Archivio | marzo 15, 2015

Chiancaredde e cime ti rape

1236219_575862549138694_357777931_n[1] acciughe in scatolaacciughe salate2010-01-21 cimedirape-cimedirape 011

CHIANCAREDDE E CIMI TI RAPE

E ccè puteva mancà ‘stu piattu intr’a quistu quaternu ti li sapori antichi?
Era nnu piattu ca si faceva sulu lu ‘nviernu, ka li rape crèsciunu sulu ti nviernu, e vòlunu puru lu friddu, ca ci nqualche ‘nviernu faci nna sittimana di sciroccu si uaştunu puru sobbra alla chianta e facinu subbitu la cannedda e lu fiuru giallu!
Li chiancaredde e cimi ti rape sontu tanta famose ca lu sapunu ‘ntra tuttu lu munnu ca ete nnu piattu ca vene ti la Puglia bedda nostra.
Ti li rape si ccogghjnu li cimi cimi e si llavunu buene.
Quannu si ston’a còcinu li chiancaredde, si ménunu li cimi ti li rape intr’alla stessa acqua e si fàcinu còcere insieme. Po si scòlunu e si ccònzunu cu ll’olliu forte, nna spica d’agghja e qualche sarda salata.
(Mi ricordu ca questa sarda salata cuștava nnu saccu ti soldi e si sce ccattava alla putèa, e ti la mittevunu ntra nnu fogliu ti carta doppia e pesante e si la pajavunu comu li sarde!)
Si puteva mettere puru nnu diavulicchiu asckuante e nna francata ti pane crattatu ca si bbrustuleva e dava nnu sapore speciale alla pasta.

Màma, quannu no puteva fa li chiancaredde, ccattava nna pasta ca si chiamava “Dischi volanti” ca sumigghjavunu alli chiancaredde… ma nonc’era la stessa cosa!

Annunci

Quarèmma

Il Termine secondo alcuni, è la contrazione dialettale da Quaremma e Quaresima, mentre secondo alcuni storici locali si tratta di un “francesismo” (di cui il dialetto salentino è pieno) derivante appunto dal francese Caremerer che significa “osservare la quaresima” e Careme che si traduce con “quaresima, quaresimale”, assimilato verso il XVI sec., durante la presenza delle truppe francesi nel Salento.

Nella tradizione popolare, la CAREMMA, rappresentava la mamma del Carnevale morto nel giorno di “Martedì grasso” e veniva appesa sui terrazzi delle case o sui pali ai crocicchi delle strade il “Mercoledì delle ceneri” a ricordare l’inizio della Quaresima.

La Caremma serviva a ricordare ai cristiani che la Chiesa stava vivendo un periodo di penitenza e di lutto, per cui le feste, le baldorie e gli eccessi del Carnevale dovevano essere eliminati e si dovevano affrontare giorni di digiuno, di sacrificio e di astinenza dalla carne. Era inoltre un rudimentale calendario per mezzo del quale si teneva il conto delle settimane prima di Pasqua.

Era vestita di nero in segno di lutto. In una mano, teneva il fuso e la lana da filare, quali simboli della laboriosità del tempo e della vita che trascorre. Il tempo della penitenza e dell’astinenza veniva rappresentato e scandito dalle sette piume di gallina (una per ogni settimana della quaresima) conficcate in un’arancia (o una patata) attaccata all’altra mano.In alcuni paesi della Grecìa salentina invece dell’arancia la caremma aveva sette taralli).

Di queste piume, se ne toglieva una per settimana sino al Sabato Santo, giorno in cui la stessa Caremma veniva o strappata, o data alle fiamme in segno di purificazione e dell’inizio di una nuova stagione di vita, dopo il suono delle campane che annunciavano la Risurrezione del Cristo.

FOTO E TESTO DAL WEB

quaremma