Archivio | luglio 16, 2014

Alla Vergine del Carmelo

carmelo2[1]

Dalla Tradizione popolare ho raccolto questa antica preghiera:
ALLA VERGINE DEL CARMELO

A sciroccu, punente e tramuntana
tuttu lu munnu circundar vulìa,
pi sce’ truva’ Maria Carmelitana
quera c’aiuta e salva ogni cristiana.

Biatu quir’omu ca l’adora e l’ama,
no nni scurdamu mai ti l’abbitinu (1)
veni lu giurnu sua la sittimana
lu mirculitìa no lu ‘ncammaramu.

Sette Patri nostri e sette Avemmarie
e sette Gloria Patri recitamu
e ci pi sorta in purgatoriu sciamu
lucesce lu prima sabbutu matina.

Ci cu core nuje amu tittu la divuzione
Maria ni ‘saudisce e ni caccia fore.

TRADUZIONE

A Scirocco, ponente e a tramontana/ tutto il mondo circumnavigare vorrei/
per andare a trovare Maria del Carmelo/ Colei che aiuta e salva ogni cristiana

Beato quell’uomo che l’adora e l’ama/ non dimentichiamo mai lo scapolare/
viene il suo giorno della settimana / il mercoledì non mangiamo carne.

Sette Pater, sette Ave Maria / e sette Gloria al Padre recitiamo /
e se per sorte in purgatorio andiamo / farà luce il primo sabato mattina.

Se con cuore abbiamo recitato la devozione / Maria ci esaudisce e ci fa uscire
dal Purgatorio.

———————————————————————————–
La presenza di alcuni Venti, nella preghiera popolare alla Madonna del Carmelo, non sono casuali, infatti le improvvise levate di vento che capitano in questo mese di Luglio sono scritte nel Calendario di Frate Indovino di anno in anno… certo di non sbagliare. Non che il fraticello sia un veggente, ma il fatto meteorologico è scritto nel libro del tempo che fu. I nostri anziani, i quali conoscevano ” Lu crescere e lu smancare ti la luna” sapevano e tramandavano ai figli il fatto straordinario che associava i venti di tramontana o di scirocco di luglio e li collocava ” quinnici giùrni prima o quinnici giurni dopo la Matonna ti Lu Carminu” .

Annunci