Archivio | aprile 16, 2014

Buona Pasqua 2014

simbologia%20uova%20di%20pasqua%202012%20(2)[1]

easter-chocolate-eggs[1]

BUONA PASQUA A TUTTI GLI AMICI DEL BLOG “SAPORIDELSALENTO”

Annunci

le palomme

La scarcella di Rosa

La scarcella di Rosa

73743_10200657041939320_289093438_n21[1]100_3386[1]10250333_1475987475952563_6324135182186012262_n[1]Scarcella[1]10177395_646267608742742_204776540883379812_n[1] src=”https://saporidelsalento.files.wordpress.com/2014/04/1468742_674850769229274_2652058450962303287_n1.jpg” alt=”La scarcella di Rosa” width=”480″ height=”360″ class=”alignnone size-full wp-image-2671″ />1975213_611150642303997_459520226515916254_n[1]

La Pasqua non è come il Natale, che preceduto dalla Festa dell’Immacolata e di Santa Cecilia inizia a spandere la sua aria di festa fin da un mese prima.
La Pasqua è preceduta da un periodo di tenebra, di riflessione, di compassione per le sofferenze, i dolori di Gesù e di Maria, sua Madre… La via Crucis, la condanna, la crocifissione, la morte…
Nella pia pratica della Via Crucis non era contemplata la RESUREZIONE!

Nelle famiglie l’attesa della festa la si viveva quasi in sordina… non si accendeva la Radio, non si accendeva la televisione… sottovoce si ripeteva il ritornello: “La Settimana Santa non si canta/ ch’è la Passione di Nostro Signore!”

In famiglia la madre, per stemperare l’atmosfera, preparava i dolcetti, prima che i bambini avessero le vacanze Pasquali, che duravano pochi giorni. primi tra tutti Le “palomme”, i canestrini, l’agnellini di pasta dolce con l’uovo incorporato e ricoperto di anisette variopinte. Mentre nei paesi anglosassoni il simbolo della Pasqua è il coniglio, da noi è la colomba a riprendere una leggenda addirittura biblica…

La colomba come simbolo della Pace, l’uovo come simbolo della Vita che risorge.. era lontana allora, per i bambini, la possibilità di avere l’uovo di cioccolata, magari con le “sorprese” contenute all’interno, avvolto nei fruscianti fogli di carta argentata… qualche famiglia abbiente se lo poteva permettere… non era arrivata ancora l’epoca del consumismo che impera nei nostri giorni…

Poche cose semplici, fatte con le amorevoli mani della mamma, erano le piccole gioie e le grandi sorprese della lieta stagione delle nostra lontana infanzia!